L’efficienza come scelta politica. Il ruolo del Direttore Generale nelle amministrazioni locali e i limiti della governance amministrativa.

L’azione amministrativa deve ispirarsi ai caratteri di efficacia ed efficienza . Tuttavia tali caratteri non possono essere raggiunti attraverso una imposizione normativa ma dipendono dalla volontà dell’amministrazione nel voler agire in termini di economicità: dipendono da vere e proprie scelte politiche.  Michele Bertola sottolinea la necessità di fare una distinzione tra azione politica, svolta dal sindaco, e azione tecnica, svolta dal Direttore Generale, nella quale nessuna delle due figure deve esimersi dalla assunzione di responsabilità del proprio operato. Bertola dopo aver descritto l’importanza della funzione del direttore generale, introduce i limiti che emergono dalla governance amministrativa: l’escamotage  art.108 comma 4 del T.U.EE.LL, con cui vengono nominati Direttori Generali anche nei comuni al di sotto dei 15000 abitanti, casi di elezione del DG su base fiduciaria e in assenza di requisiti e, infine, la mancanza di un limite alle retribuzioni.

Nessun voto

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Anteprima

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno