Il Fondo Aristotele per una valorizzazione sociale del patrimonio immobiliare pubblico: INPDAP - practice 7

Il Fondo Aristotele nasce in attuazione della normativa di indirizzo per gli enti di previdenza pubblica, legge 248/92 art.3 e D.Lgs 104/96 art.11, con la quale si stabiliscono gli obblighi per gli enti di previdenza pubblica di destinare parte dei fondi disponibili ad interventi di edilizia universitaria e a favore degli istituti di ricerca, tramite la sottoscrizione di fondi immobiliari e/o con partecipazioni minoritarie in società immobiliari. L’INPDAP, nel luglio del 2005, ha deliberato di investire 650 milioni, selezionando una SGR – Società Gestione Risparmio –  con l’obiettivo di ottenere un rendimento non speculativo del 4% annuo. Il Fondo Aristotele rappresenta una opportunità in termini di efficentamento della gestione delle risorse, derivante dalla delega della gestione alla SGR; in termini fiscali, per esenzione IRES-IRAP e recupero IVA;  e in termini di efficienza organizzativa, data dall’attività di monitoraggio della gestione effettuata dal Comitato Consultivo. Queste elementi consentono di garantire la trasparenza di fronte alle sedi di controllo della Banca d’Italia e della Consob. Il Fondo è stato destinato a progetti di sviluppo per residenza universitarie, istituti di ricerca, università e residenze per anziani in relazione ad un piano di portata nazionale. Daniela Becchini descrive il progetto di valorizzazione immobiliare attuato dall’INPDAP, presentando il caso concreto del capus di Tor Vergata.

Nessun voto

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Anteprima

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno