Piattaforme centrali e piattaforme unitarie: il ruolo dell’ANCI nazionale nella discussione politica

In un ottica di attuazione del federalismo fiscale è necessario difendere la relazione tra la ricostruzione del processo di digitalizzazione edilizia, con la relativa banca dati affidabile ed aggiornata, con le opportunità che queste offrono ad una azione fiscale efficace. Legare troppo i progetti ELIS-FIS, ELIS-CAT e FED-FIS solo agli aspetti fiscali non permette di mettere in evidenza le potenzialità derivanti dall’integrazione dei sistemi informatizzati: un’efficacie azione fiscale può svolgersi solamente se le parti interessate, gli enti locali in primis e a seguire il governo centrale, pongono in essere un’azione coerente e integrata.  In questo contesto diviene dunque una necessità cercare di comprendere quali siano le strategie e le soluzioni possibili per dirigere il Paese verso l’attuazione di una azione fiscale che sia quanto più omogenea in tutto il territorio. Di primaria importanza è la definizione di uno standard comune che possa rappresentare  il punto di riferimento delle azioni amministrative locali in un ottica di unificazione, ma che allo stesso tempo si presenti come modello flessibile capace di adeguarsi alle necessità di una realtà locale diversificata. E’ dunque necessario definire se i sistemi applicativi debbano presentarsi come piattaforme centrali con uno standard unico per tutte le realtà, che possano poi declinarsi alle differenti esigenze locali, oppure delle piattaforme unitarie realizzate per vestire le necessità del territorio locale che siano in grado tuttavia di integrarsi per una utilità a livello nazionale.

Nessun voto

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno