La sicurezza stradale in Italia: resoconti e prospettive

Entro la fine del 2010 il numero di vittime per incidenti stradali dovrà essere dimezzato rispetto al dato del 2001. Questo l'obiettivo posto dall'Unione europea agli Stati membri. Qual è la situazione nel nostro Paese? La relazione di Dondolini presenta un resoconto dettagliato dei dati riguardanti il numero di incidenti, il numero di feriti e il tasso di mortalità in Italia, con le variazioni riscontrate, in particolare, dal 2001 al 2007. Il nostro Paese possiede il più alto numero di morti per incidenti stradali in assoluto tra i Paesi dell’UE a 15, ma l'evoluzione sembra positiva, visto che nel 2007 l'Italia ha registrato la maggiore riduzione di mortalità (-9,5%). Un dato che sembra confermato anche per il 2008 e per i primi mesi del 2009. Dondolini esamina i principali fattori che, a partire dal 2002, hanno riavviato il processo di miglioramento della sicurezza stradale in Italia e delinea le maggiori criticità ancora presenti e le prospettive di intervento per il futuro. "
Nessun voto

Mp3 player

Per ascoltare la traccia audio, usa il pulsante play

Anteprima

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno