Sicurezza e percezione dei cittadini: gli enti pubblici come fonti di informazione affidabile

Antonio Moccaldi aggiunge alcune riflessioni al dibattito sul rapporto tra sicurezza ed informazione, sottolineando come sia fondamentale coniugare la realtà dei fatti con la conoscenza e la percezione da parte dell’opinione pubblica. Esempi negativi sono rappresentati dalla comunicazione sul problema dei rifiuti, sulla questione delle morti bianche o, in maniera ancora più emblematica, dall’informazione sulla produzione di energia nucleare. Enti come l’ISPESL hanno una grande responsabilità perché devono comunicare meglio quello che fanno e perché sono fonti statistiche affidabili sui fatti reali. I soggetti pubblici hanno il compito di contrapporre alla notizia che fa scalpore un’informazione continua e costante.

Nessun voto

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno