Liberalizzazioni e semplificazioni, una risposta per migliorare la competitività di PA e imprese

Rappresentando un mercato che assorbe il 2% del PIL, Fabrizio Bianchi sottolinea il ruolo chiave dell’innovazione tecnologica per la crescita di competitività, trattandosi di un settore trasversale alla stessa PA. Chiede pertanto un investimento maggiore sul lato informatico e delle Telecomunicazioni da parte della PA, affermando sulla base dei dati che la domanda pubblica di informatica non è elemento trainante di innovazione. Una delle questioni aperte è il crescente ricorso a società in-house da parte della PA, elemento distorsivo del mercato IT. Bianchi auspica una efficace integrazione pubblico/privato nella nuova dimensione della sussidiarietà orizzontale e l’abbandono da parte dello Stato della logica di presidiare come imprenditore i servizi di mercato a favore di una maggiore qualificazione della domanda pubblica d’innovazione. Rappresentando un mercato che assorbe il 2% del PIL, Fabrizio Bianchi sottolinea il ruolo chiave dell’innovazione tecnologica per la crescita di competitività, trattandosi di un settore trasversale alla stessa PA. Chiede pertanto un investimento maggiore sul lato informatico e delle TLC da parte della PA, affermando sulla base dei dati che la domanda pubblica di informatica non è elemento trainante di innovazione. Una delle questioni aperte è il crescente ricorso a società in-house da parte della PA, elemento distorsivo del mercato IT. Bianchi auspica una efficace integrazione pubblico/privato nella nuova dimensione della sussidiarietà orizzontale e l’abbandono da parte dello Stato della logica di presidiare come imprenditore i servizi di mercato a favore di una maggiore qualificazione della domanda pubblica d’innovazione.

Nessun voto

Anteprima

Nello stesso convegno Vai al programma Vai al programma del convegno