Articolo

BIM/1: verso l'innovazione della gestione del costruito

Un articolo di Varani Massimo estratto dalla Rivista "FMI - Facility Management".

Le metodologie e le strumentazioni innovative sottese al ''Commissioning'', al ''Compliance Management'' e al ''BIM'' rappresentano senza dubbio un significativo avanzamento sotto il profilo metodologico e operativo ai fini di una sempre più mirata innovazione dell'intero processo edilizio in relazione al patrimonio immobiliare sia di nuova realizzazione che esistente. Nel nostro Paese, tuttavia, l'adozione e la diffusione di queste nuove metodologie e strumentazioni contrasta con i diffusi e tradizionali approcci attraverso cui si attua la governance e la gestione dei patrimoni immobiliari specie di proprietà pubblica, determinando notevoli criticità applicative. Rispetto a queste criticità possono esercitare a medio-lungo termine un fondamentale stimolo e re-indirizzo ''correttivo'' le accezioni e le indicazioni innovative specie in materia di ''processo edilizio'', ''ciclo di vita utile'' e ''qualità edilizia globale'' presenti nelle nuove Direttive Europee in materia di appalti e recepite dal recentissimo nuovo Codice dei contratti introdotto nel nostro Paese dal DLgs n. 50 dello scorso aprile.

Vai all'articolo (in formato pdf)

Nessun voto