Cerca: Intervento, pari opportunità

Risultati 21 - 30 di 102

Risultati

L'alleanza per l'occupazione al femminile.

Alessandra Servidori spiega come il tema dell'occupazione femminile sia all'ordine del giorno dei lavori di governo. Si è infatti costituito al riguardo un'alleanza interministeriale, grazie ad gruppo di che comprende i dicasteri del Lavoro, delle Pari Opportunità e della Pubblica Amministrazione, che lavora a tempo pieno sul tema, con l'aiuto delle associazioni, i cosiddetti corpi intermedi, secondo quello che è il concetto di sussidiarietà. Impegnata al riguardo anche la Commissione europea, con l'obiettivo di definire la strategia da qui al 2020

Leggi tutto

Benessere organizzativo e contrasto delle discriminazioni: l’esperienza del Ministero della Salute

Il Ministero della Salute è stato il primo ente ad applicare la legge 183/2010 creando un proprio CUG. Celotto sottolinea quanto siano importanti per la lotta alle discriminazioni gli studi e le indaginisul benessere organizzativo all’interno delle amministrazioni. In conclusione vengono ricordati anche l’importanza della gestione degli spazi in ottica antidiscriminatoria e i benefici dell’adozione di un Centro di Ascolto del personale.

Compiti dei CUD: dalla teoria alla pratica

Oriana Calabresi apre il suo intervento offrendo una preziosa lista di consigli e suggerimenti per declinare i compiti propositivi, consultivi e di verifica dei CUG in una serie di azioni positive rivolte al contrasto della discriminazioni. Dopo aver invitato a condividere le diverse esperienze tramite la piattaforma dell’Osservatorio sulle Pari Opportunità, la Calabresi si concentra sulla disamina dei concetti di “mobbing” e “discriminazione” analizzandone le molteplici e complesse sfaccettature. 

Compiti e attività dei Comitati Unici di Garanzia: proposte e riflessioni

Antonella Ninci dedica il suo intervento alle condizioni e alle attività preliminari che i CUG devono porre in essere per poter espletare con successo il loro ruolo. Se i CUG devono svolgere un’attività propositiva, consultiva e di verifica sono necessarie infatti alcune condizioni; in primis: raccordo con il vertice amministrativo, adozione di circolari che ne definiscano l’attività consultiva, relazioni virtuose con gli OIV, con la Consigliera Nazionale di Parità e con l’UNAR.

Leggi tutto

Modalita’ di costituzione e di funzionamento dei CUG

Monica Velletti illustra le Linee Guida su cui si è basato l’intervento del Legislatore per la costituzione dei CUG.

Leggi tutto

La prevenzione delle discriminazioni sui luoghi di lavoro

Alessandra Servidori spiega come i CUG, pur nascendo dal “collegato lavoro”, si pongano pienamente all’interno della più ampia riforma della PA in quanto è loro compito interfacciarsi con gli Organismi Indipendenti di Valutazione e con quella rete territoriale di altri soggetti che operano nel settore della valutazione della performance delle amministrazioni.

Leggi tutto

Le novità introdotte con i CUG

Laura Menicucci introduce il convegno sui Comitati Unici di Garanzia riassumendone il percorso, dal varo con l’art. 21 della legge n. 183/2010 fino ad oggi. Frutto di un importante razionalizzazione della PA in materia di parità e pari opportunità, i CUG portano ad un ampliamento delle garanzie per i pubblici dipendenti perché contrastano ogni forma di discriminazione e violenza sul luogo di lavoro assumendo un approccio unitario e organico per la tutela delle condizioni di lavoro e il benessere organizzativo interno.

La conciliazione in INAIL tra esigenze personali e familiari ed esigenze lavorative

Il Direttore Centrale delle Risorse Umane dell’INAIL introduce nel suo intervento alcune problematiche relative alla costituzione dei CUG, come quelle relative all’equa rappresentatività delle organizzazioni sindacali.

Leggi tutto

Riforma Brunetta e pari opportunità: l'espienza della Regione Lazio

Isabella Rauti presenta il percorso fatto della Regione Lazio per recepire la Riforma Brunetta. In particolare la legge regionale dello scorso febbraio proprio a seguito dell’intervento di Isabella Rauti riporta un emendamento sulle pari opportunità.

Leggi tutto

Napoli: un caso di buona prassi.

Non è scontato avere un servizio dedicato alle pari opportunità ed un'intera struttura amministrativa all’interno di un ente pubblico: molto spesso, infatti, la delega per le pari opportunità si intreccia con altre deleghe.

Nel caso del Comune di Napoli questo è avvenuto, ed è stata totalmente ricostruita da zero un’intera rete. Sarebbe meglio rendere le pari opportunità un settore trasversale che accompagni tutti i settori dell’ente, ma non avendo ancora la consapevolezza di quanto questo serva agli enti, si è pensato prima di costruire un’amministrazione dedicata.

Leggi tutto