Cerca: Intervento, programma di governo

Risultati 1 - 10 di 28

Risultati

Aspetti legati alla liberalizzazione del mercato energetico

Per Marco Stradiotto la data del 1° luglio 2007 è una data importantissima per la liberalizzazione del mercato energetico. Tale processo non è la semplice risposta alla Direttiva europea nr. 54/2003, ma è un’azione forte del Governo per rompere gli schemi attuali e tentare di avvicinare i fornitori di servizi ai consumatori. Per il Relatore, la percezione della forza e dell’utilità dell’Autorità per l’energia è sempre più forte all’esterno; questo è il segno che si sta lavorando nella direzione giusta a tutto vantaggio dei cittadini.Leggi tutto

Il confronto tra Sindacati e Governo sulla liberalizzazione del mercato energetico

Francesco Fiore dà atto al Governo di aver cominciato a trattare in maniera seria le questioni energetiche, sebbene il coinvolgimento delle parti sociali sia ancora scarso. I Sindacati confederali hanno inviato al Ministro una lettera, sollevando questioni precise e richiedendo un incontro urgente; ad oggi non è ancora stata stabilita una data certa per il confronto. La UIL, quindi, ritiene che, in vista della scadenza del 1° luglio, sia necessario aprire una discussione approfondita su numerosi punti e, in particolare, sulla questione delle tariffe sociali.

Creare un’Amministrazione trasparente e leggibile

L’intervento è volto a testimoniare la disaffezione manifestata dai cittadini nei confronti della Pubblica Amministrazione, dovuta soprattutto all’assenza di trasparenza nei modi di operare. Nell’ultimo anno molti sforzi sono stati fatti al fine di rendere trasparente il programma di governo e valutabile il grado di attuazione del programma.

Leggi tutto

Gli indirizzi del Governo sulle politiche del lavoro

Ugo Menziani illustra gli aspetti che caratterizzano il sistema del mercato del lavoro in Italia, focalizzando l’attenzione in particolare sulla funzione degli sportelli per l’impiego. Il Governo intende avviare una nuova fase in merito alla normativa sul mercato del lavoro, che incida sui fattori di rischio dell’inclusione lavorativa, sulla sicurezza, sulla stabilizzazione dei lavoratori precari e sulla lotta al sommerso.Leggi tutto

Riflessioni sul decreto di riforma dei servizi pubblici locali

Francesco Manna esprime le sue considerazione sulla riforma del Governo sui servizi pubblici locali e mette in luce un problema legato all’enorme differenza tra società per azioni pubbliche o pubblico-private ricche e che producono utili, e tutte le altre piccole società sulle quali il decreto va ad incidere. La trasformazione di queste in aziende speciali si rivelerebbe positiva soprattutto per il reclutamento del personale, che tornerebbe ad avvenire per concorso pubblico, e per la regolazione degli appalti.Leggi tutto

Riflessioni sulla ricerca “Autonomie locali e competitività del sistema paese. Scenario al 2013”

Per Giampiero Scanu, nell’analizzare la ricerca “Autonomie locali e competitività del sistema paese. Scenario al 2013” è necessario tener presente che essa contiene valutazioni soggettive. L’immagine che esce fuori da questo lavoro è di un’Italia che sta crescendo: non è vero che al Sud i soldi sono pochi e vengono spesi male, non è vero che il nostro Paese è allo sbando. Il Relatore, inoltre, critica l’affermazione, emersa negli interventi precedenti, che la P.A.

Leggi tutto

Il ruolo svolto dalle Autonomie Locali per accrescere la competitività del Sistema Paese

Nicola Milani illustra le attività di FormAutonomie che da diversi anni lavora come struttura di supporto, di assistenza tecnica e di formazione per migliorare le performance e le competenze delle Pubbliche Amministrazioni. Il Relatore, presentando l’indagine Delphi, realizzata da FormaAutonomie e dalla Società S3 Opus, dipinge lo scenario sulla competitività del Sistema Paese, soprattutto in relazione al ruolo che le Autonomie Locali svolgono per favorire lo sviluppo dei territori ed ai ritardi sugli investimenti e sulle politiche di innovazione da parte del Governo.

I principi fondanti su cui costruire le politiche sull’immigrazione

Paolo Ferrero parla del modello sociale e della logica che regge i provvedimenti all’esame del Governo e del Parlamento, sui temi dell’immigrazione e dei diritti di cittadinanza. Negli ultimi dieci anni sono entrati in Italia due milioni di immigrati; tale fenomeno si dimostra strutturale e in costante aumento.Leggi tutto

Le politiche di inclusione degli immigrati ed il problema della clandestinità

Per Mario Morcone è necessario approfondire il dato tra i reati commessi dagli immigrati regolari e quelli commessi dagli irregolari. Il problema principale, infatti, è la clandestinità ed il Dipartimento Libertà Civili e Immigrazione del Ministero dell’Interno sta lavorando per ridurre il fenomeno. L’auspicio è che il Governo dia il suo contributo per realizzare il principio del disegno di legge delega sullo scambio regolare di forza lavoro. Il Relatore chiude il proprio intervento segnalando le forti difficoltà degli sportelli unici a gestire gli enormi flussi di immigrati.

Le azioni di semplificazione verso le imprese

Secondo Raffaello Sestini, la semplificazione si lega strettamente al concetto di liberalizzazione e di libertà economica. Nel programma di governo la liberalizzazione è espressa come sistema per scoraggiare le rendite monopolistiche e corporative, per migliorare la qualità ed il prezzo dei servizi, per tutelare i consumatori e garantire la concorrenza tra gli operatori.Leggi tutto