Cerca: Intervento, Altro

Risultati 71 - 80 di 316

Risultati

Il portale del Comune di Sesto San Giovanni: una piazza virtuale per la valorizzazione della città

Daniela Fabbri presenta il caso del portale di Sesto San Giovanni nato per una scelta autonoma dell’amministrazione comunale. C’è stato grande affiatamento tra la committenza politica e gli operatori tecnici. Più che uno strumento di erogazione di servizi è stato concepito come una piazza virtuale in cui i cittadini potessero scambiarsi informazioni e dialogare con l’amministrazione. Gli strumenti a loro disposizione sono: un forum, un filo diretto con i politici, una newsletter, bacheche su vari argomenti di interesse generale.Leggi tutto

L’impegno del Governo per l’applicazione della legge 4/2004

La Senatrice Beatrice Magnolfi parla della legge 4/2004 ponendo l’accento sul primo articolo in base al quale “la Repubblica promuove l’accesso di tutti i cittadini alle risorse informatiche della Pubblica Amministrazione”: per la prima volta il concetto dell’accesso ai dati, in modalità telematica e in condizioni di pari opportunità, entra nell’ordinamento come un diritto universale.

Leggi tutto

I bisogni e le aspettative degli utenti alla base delle scelte di interoperabilità

Jean Wodon sostiene che l’organizzazione in fatto di interoperabilità deve essere affrontata allo stesso livello della tecnologia, della semantica e della legislazione. Ritiene che l’organizzazione debba essere analizzata per servizio e per processo invece che per funzione come tuttora avviene. Prima di tutto, aggiunge, bisogna identificare il servizio e i suoi utenti per analizzare il processo nella sua interezza. Tra le aree su cui ritiene occorra investire ci sono l’innovazione e l’efficienza del back office, nonché disporre di una metodologia a supporto di ogni processo.

L’informatica non altera il diritto: gli strumenti di identificazione in rete per l’accesso ai servizi e alle informazioni

Giovanni Manca introduce il tema della giornata: l’identità digitale. Manca annovera tra le sfide della pubblica amministrazione digitale la gestione di questo nuovo tipo di identità, un lascia passare per l’erogazione di servizi online sicuri ed affidabili. Nel secondo intervento Manca sottolinea la stringente necessità di conoscere le norme e di dotarsi delle soluzioni telematiche necessarie all’amministrazione nell’ottica del Riuso. Nel terzo intervento rimarca la necessità di una disposizione umile e collaborativa delle figure professionali dei giuristi e degli informatici.

Hewlett Packard e la Business Technology nel Settore Pubblico

Pierluigi Leone afferma il ruolo di leader di HP nel settore delle aziende ICT. Per dare una dimensione quantitativa del livello di avanzamento tecnologico di HP racconta come nei laboratori dell’azienda vengano realizzati 11 brevetti al giorno. Spiega come per HP il Sistema Pubblico di Connettività sia un grande contenitore. L’Information Technology, aggiunge, non è più a supporto del business ma ne fa parte. Leone illustra il framework su cui HP sta lavorando in vista della carta dei servizi, della carta d’identità elettronica e dei sistemi di sicurezza.

Il presente e il futuro dell'Accessibilità.L'innovazione tecnologica nella pubblica amministrazione senzarinunciare all'Accessibilità

Massimo Canducci parla delle soluzioni che Engineering Spa sta sviluppando sul tema dell’accessibilità, con un’attenzione particolare alle evoluzioni future. La PA fornisce servizi al cittadino utilizzando la tecnologia informatica attraverso il canale Internet con lo strumento dei portali, oppure può utilizzare il canale Intranet a disposizione degli operatori dell’Amministrazione.Leggi tutto

Vantaggi e strumenti della dematerializzazione

Luca Brusutti presenta la mission di Infocamere e traccia un quadro delle infrastrutture del consorzio. Illustra i servizi che Infocamere propone nel campo della gestione documentale e di processi nonché una serie di sistemi dedicati a particolari tematiche. Brusutti ritiene che i vincoli culturali siano ancora un freno allo sviluppo di queste soluzioni anche se si annotano casi di piena gestione telematica, come il registro delle imprese. Brusutti illustra i risparmi economici e di tempo, e le maggiori garanzie di sicurezza che la gestione elettronica dei documenti offre.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze e i servizi del Sistema Pubblico di Connettività: il caso Consip

Renzo Flamini illustra le attività della Consip e i vantaggi che l’adesione alla Rupa ha portato alla struttura per cui ritiene l’adesione al SPC un’evoluzione naturale. Egli passa poi a raccontare lo stato dell’arte e i servizi in progress all’interno della Consip. Spiega come gli attuali servizi di gestione dei sistemi, delle reti, delle postazioni di lavoro e dell’interoperabilità verranno migrati nei corrispondenti servizi offerti dal SPC-Coop e aggiunge che affinché ciò si realizzi occorrono sinergie efficaci e supporti non solo di tipo tecnologico.

Il quadro storico e normativo sull’accessibilità dei soggetti disabili agli strumenti informatici

Pierluigi Ridolfi introduce il convegno presentando il Premio “PA aperta”, rivolto alle best practice nell’ambito dei servizi informatici orientati all’inclusione dei soggetti disabili. Il Relatore, inoltre, dipinge un quadro storico e normativo in cui il tema dell’incontro si inserisce. Nel 2004 è stata varata dal Parlamento la legge 4/2004 sull’accessibilità: una legge di grande respiro che deriva da una lunga esperienza dell’Italia in questo settore.Leggi tutto

Il Sistema Pubblico di Connettività: un’autostrada informatica per servizi veloci, efficienti ed economici

Livio Zoffoli annuncia che le amministrazioni hanno quasi completato il piano delle azioni da intraprendere per passare dalla Rupa al SPC. Zoffoli ribadisce che il contratto quadro per i servizi permette alle pubbliche amministrazioni di accelerarne moltissimo le procedure di attuazione, i tempi e i costi. L’altra gara in atto riguarda i servizi di cooperazione applicativa. L’SPC ha portato alla realizzazione di autostrade informatiche su cui viaggiano i servizi. Zoffoli sostiene che i costi della PA possono essere ridotti attraverso i servizi di e-gov.