Cerca: Intervento, Altro, accessibilità

Risultati 1 - 10 di 19

Risultati

Presentazione del portale della Cooperazione allo Sviluppo

La cooperazione allo sviluppo, sostiene Ghirelli, è una parte integrante della politica estera, ma ha una sua autonomia di pubblico e di attenzione, rivolto ad un mondo costituito da giovani, volontari, organismi non governativi e internazionali. Il cuore del portale sta nella raggiungibilità dei progetti di emergenza e di sviluppo nei paesi cosiddetti “del terzo mondo”. Il sito vuole essere una finestra verso tutti i paesi in via di sviluppo, un sito che tocchi le loro culture, un sito di confronto e di dialogo, accessibile anche ad un’utenza che non ha una tecnologia avanzata.

Presentazione del nuovo portale del MAE

Ferrara presenta il nuovo portale del MAE, il MAENET, evidenziando gli aspetti fondamentale di ristrutturazione dei contenuti del sito. A seguito di una crescente rilevanza della politica estera nella vita quotidiana, il portale vuole essere uno strumento “customer oriented”, una sorta di sportello virtuale complementare all’attuale URP, che favorisca la fruibilità agli utenti, in termini di velocità d’accesso e reperimento delle informazioni, privilegiando la semplicità di navigazione.Leggi tutto

Easy Walk: il navigatore per i non vedenti

Federici presenta Easy Walk, il nuovo sistema di geo-localizzazione e di soccorso dedicato ai non vedenti e ipovedenti, sviluppato dalla Regione Piemonte e dall’Unione Italiana Ciechi. Il servizio non intende sostituire i tradizionali mezzi di orientamento e deambulazione di un non vedente, ma vuole offrire un valido supporto integrato, atto a migliorare la mobilità autonoma e potenziare le capacità di padronanza in ambiente esterno.Leggi tutto

Caratteristiche del sistema Easy Walk

Easy Walk – spiega Borgna – è un supporto tecnologico che consente di risolvere il problema di deambulazione agli ipo e non vedenti, in ambienti e percorsi sconosciuti, favorendo un alto livello di sicurezza. Basterà un telefonino attrezzato con sintesi vocale che, collegato ad un dispositivo satellitare, permetterà al richiedente di essere guidato nei suoi spostamenti sul territorio nazionale.Leggi tutto

Il presente e il futuro dell'Accessibilità.L'innovazione tecnologica nella pubblica amministrazione senzarinunciare all'Accessibilità

Massimo Canducci parla delle soluzioni che Engineering Spa sta sviluppando sul tema dell’accessibilità, con un’attenzione particolare alle evoluzioni future. La PA fornisce servizi al cittadino utilizzando la tecnologia informatica attraverso il canale Internet con lo strumento dei portali, oppure può utilizzare il canale Intranet a disposizione degli operatori dell’Amministrazione.Leggi tutto

Gli aspetti multimediali dell’accessibilità

Nicola Palmarini si chiede provocatoriamente se la Pubblica Amministrazione sia semplicemente un soggetto che eroga servizi ai cittadini, o non si comporti invece come un’impresa che cerca di conquistare una fetta di mercato e di conseguire una business leadership: senza dubbio la PA è market oriented quando investe risorse nella realizzazione dei portali turistici. In tali contesti le Amministrazioni devono saper comunicare più che informare, attraverso le possibilità concesse dalla multimedialità.Leggi tutto

La conservazione degli archivi digitali

I risultati del gruppo di lavoro costituito presso il CNIPA vogliono analizzare il problema della dematerializzazione per emanare alcune linee guida. Gli archivi statali, in quanto beni culturali, devono essere conservati nella propria organicità e ordinamento per fini non solo giurico-amministrativi, ma anche culturali. Le strutture di archivio devono, dunque, garantire un’archiviazione degli oggetti digitali compatibili con il processo conservativo e corredati del patrimonio informativo necessario.Leggi tutto

Il quadro storico e normativo sull’accessibilità dei soggetti disabili agli strumenti informatici

Pierluigi Ridolfi introduce il convegno presentando il Premio “PA aperta”, rivolto alle best practice nell’ambito dei servizi informatici orientati all’inclusione dei soggetti disabili. Il Relatore, inoltre, dipinge un quadro storico e normativo in cui il tema dell’incontro si inserisce. Nel 2004 è stata varata dal Parlamento la legge 4/2004 sull’accessibilità: una legge di grande respiro che deriva da una lunga esperienza dell’Italia in questo settore.Leggi tutto

La dematerializzazione come supporto per la conservazione del patrimonio culturale

Gli archivi sono parte essenziale ed infungibile del patrimonio culturale. Una nazione non attinge alla democrazia se non mette i propri cittadini nella condizione di costruire, attraverso gli archivi, il proprio percorso storico. È fondamentale, pertanto, occuparsi degli archivi dematerializzati, in vista della loro conservazione: la dematerializzazione, cioè, non deve corrispondere alla polverizzazione della nostra memoria. Leggi tutto

La tecnologia come strumento di inclusione e accessibilità

Per Eugenio Occorsio, l’incontro, che ha lo scopo di approfondire le cognizioni in tema di accessibilità, ha un’importanza centrale perché la tecnologia quanto più è evoluta tanto più deve essere amica e deve aiutare chiunque ad usufruirne e coglierne i benefici. La tecnologia informatica, inoltre, ha una doppia funzione: di risolvere i problemi legati all’inclusione nel mercato del lavoro e nella vita sociali dei soggetti meno abili e di svilupparsi in maniera compatibile con queste esigenze.