Cerca: Intervento, Altro, internet

Risultati 1 - 10 di 23

Risultati

Presentazione del portale della Cooperazione allo Sviluppo

La cooperazione allo sviluppo, sostiene Ghirelli, è una parte integrante della politica estera, ma ha una sua autonomia di pubblico e di attenzione, rivolto ad un mondo costituito da giovani, volontari, organismi non governativi e internazionali. Il cuore del portale sta nella raggiungibilità dei progetti di emergenza e di sviluppo nei paesi cosiddetti “del terzo mondo”. Il sito vuole essere una finestra verso tutti i paesi in via di sviluppo, un sito che tocchi le loro culture, un sito di confronto e di dialogo, accessibile anche ad un’utenza che non ha una tecnologia avanzata.

Presentazione del nuovo portale del MAE

Ferrara presenta il nuovo portale del MAE, il MAENET, evidenziando gli aspetti fondamentale di ristrutturazione dei contenuti del sito. A seguito di una crescente rilevanza della politica estera nella vita quotidiana, il portale vuole essere uno strumento “customer oriented”, una sorta di sportello virtuale complementare all’attuale URP, che favorisca la fruibilità agli utenti, in termini di velocità d’accesso e reperimento delle informazioni, privilegiando la semplicità di navigazione.Leggi tutto

Accessibilità e usabilità del portale del MAE

Civitelli, nel suo intervento, sottolinea l’accessibilità del nuovo portale MAE quale caratteristica fondamentale del progetto, vista come strumento strategico sia per generare un coordinamento tra le stesse direzioni amministrative che per gestirne la fruibilità da parte del pubblico. Sottolinea altresì come l’aspetto della accessibilità sia stato volutamente rafforzato, in aderenza alla normativa nazionale ed internazionale vigente mediante un collegamento con il Ministero dell’Innovazione e delle Riforme della PA e con il CNIPA, che svolge sullo stesso una funzione di monitoraggio.

La comunicazione multimediale della Regione Abruzzo: web tv e servizi su tv digitale terrestre

Katia Scolta racconta i progetti presenti e futuri della Regione Abruzzo relativamente all’utilizzo del Digitale Terrestre e della Web TV. In particolare nel primo caso grande rilievo viene dato alla collaborazione tra la Regione e l’Università Telematica “Leonardo da Vinci” per la veicolazione di contenuti su supporti differenti rispetto al web. La Scolta presenta l’attività dell’ufficio stampa e alcuni progetti (web tv, rete PA ecc…).

I Servizi web dell’arma dei Carabinieri

Pier Vittorio Romano sottolinea l’importanza che l’arma dei Carabinieri dedica alla comunicazione attraverso vari canali per raggiungere ogni fascia di popolazione. Romano aggiunge che molto si è investito in comunicazione interna realizzando una serie di servizi che viaggiano su un’intranet e su un’extranet per il personale distaccato. Romano descrive le evoluzioni, l’architettura e i servizi offerti dal portale web e presenta il servizio interattivo dell’operatore virtuale che sfrutta vari canali di comunicazione.Leggi tutto

Il portale del Comune di Sesto San Giovanni: una piazza virtuale per la valorizzazione della città

Daniela Fabbri presenta il caso del portale di Sesto San Giovanni nato per una scelta autonoma dell’amministrazione comunale. C’è stato grande affiatamento tra la committenza politica e gli operatori tecnici. Più che uno strumento di erogazione di servizi è stato concepito come una piazza virtuale in cui i cittadini potessero scambiarsi informazioni e dialogare con l’amministrazione. Gli strumenti a loro disposizione sono: un forum, un filo diretto con i politici, una newsletter, bacheche su vari argomenti di interesse generale.Leggi tutto

Identità digitale federata nella P.A. italiana: il caso del CSI Piemonte

Francesco Meschia offre una definizione di identità digitale. Spiega che il concetto di identità digitale federata nasce dallo spostamento, sempre più frequente, delle persone dai domini. Il paradigma federato costringe a ripensare i ruoli delle organizzazioni nella catena del servizio.Leggi tutto

INTARSIO-IAM Soluzione Open Source di Autenticazione Federata

Francesco Sasso presenta le soluzioni per la cooperazione applicativa che Insiel, attraverso la divisione Intarso, ha deciso di mettere in campo nel contesto delle specifiche del Sistema Pubblico di Connettività. Sasso sottolinea il valore di scelte Open Source nell’ambito di soluzioni di cooperazione applicativa. Aggiunge considerazioni sugli aspetti che un’azienda e un’amministrazione devono considerare nella produzione di sistemi e strumenti di gestione dell’identità digitale. Infine analizza gli step e le responsabilità che intervengono in un processo di gestione dell’identità digitale.

L’informatica non altera il diritto: gli strumenti di identificazione in rete per l’accesso ai servizi e alle informazioni

Giovanni Manca introduce il tema della giornata: l’identità digitale. Manca annovera tra le sfide della pubblica amministrazione digitale la gestione di questo nuovo tipo di identità, un lascia passare per l’erogazione di servizi online sicuri ed affidabili. Nel secondo intervento Manca sottolinea la stringente necessità di conoscere le norme e di dotarsi delle soluzioni telematiche necessarie all’amministrazione nell’ottica del Riuso. Nel terzo intervento rimarca la necessità di una disposizione umile e collaborativa delle figure professionali dei giuristi e degli informatici.

L’accessibilità come misura di civiltà: l’esperienza del Comune di Napoli

Giuseppe Contino porta l’esperienza del Comune di Napoli e sottolinea le criticità che l’Amministrazione ha dovuto affrontare quando ha deciso di dotarsi di un portale istituzionale accessibile. Il Comune ha preso coscienza della necessità di operare per l’inclusione dei soggetti disabili già prima della legge 4/2004, incontrando notevoli difficoltà soprattutto per la riconversione delle migliaia pagine del sito completamente inaccessibili. Si è deciso di ripartire da zero ricostruendo il portale, sono stati realizzati corsi di formazione sulla legge Stanca e sul Content Management System.Leggi tutto