Cerca: Intervento, mobilità

Risultati 1 - 10 di 17

Risultati

"Venezia Unica" il City pass della Città e le soluzioni collaborative

A partire dal progetto Venezia Unica - City Pass, Marco Agostini, direttore generale, ha portato le sfide della città per l'economia collaborativa al workshop: "Territori Collaborativi e processi collaborativi".

Dematerializzare e rendere più efficienti i processi della P.A. La gestione della Rassegna Stampa Multimediale e del Bollettino Ufficiale della Regione.

L’Ufficio Stampa gestisce il servizio d’informazione istituzionale ed ha il l’obiettivo di dare visibilità all’azione dell’Ente Pubblico per contribuire ad alimentare il dialogo tra lo stesso e la comunità amministrata. La Rassegna Stampa Elettronica e Multimediale (audio/video) è uno degli strumenti dell’Ufficio Stampa moderno per raggiungere gli obiettivi preposti in un’era di comunicazione multimediale in mobilità (Palmare, iPad, Cellulare).

Leggi tutto

La visione di General Motors sulla mobilità elettrica sostenibile.

Federico Galliano sottolinea che il gruppo General Motors commercializza auto elettriche ad autonomia estesa dalla fine del 2010, mentre da novembre sarà sul mercato la Opel Ampera portata in mostra a FORUM PA. Il problema del settore in Italia non è dunque legato alle volontà delle case automobilistiche, ma alla poco chiara politica di incentivazione della mobilità sostenibile.

Leggi tutto

“FUTURE IS NOW! Una Città Intelligente per i Servizi al Cittadino”

Space Italia/FGTecnopolo S.p.A ha costituito la società “Itramas FGT”,una  joint venture internazionale con  la società malese ItraMAS Technology (Kuala Lumpur, Malesia), per produrre, vendere e distribuire tecnologie relative a sistemi innovativi di illuminazione e segnaletica con tecnologia LED, e piattaforme software per la gestione di soluzioni di riguardanti “La Città Intelligente”.

Leggi tutto

L'affidabilità dei dati nel progetto "M.U.S.A. - Mobilità Urbana e Sostenibilità Ambientale"

Biagio Balistreri ricorda come il software a sostegno del progetto MUSA sia nato da una intuizione importante: assicurare l’affidabilità dei dati rilevati è la prima strada per valorizzare un patrimonio informativo. “Questo – spiega – è stato l’obiettivo dell’applicazione che abbiamo creato e su questa strada stiamo lavorando per migliorare ancora”.

Intervento al convegno "M.U.S.A. - Mobilità Urbana e Sostenibilità Ambientale"

Progetto M.U.S.A. a Palermo: verso un nuovo modello di sviluppo regionale

Mario Parlavecchio spiega  come la Regione Sicilia insieme al Comune di Palermo abbia ideato e messo in piedi il progetto MUSA. “La genesi del progetto -  spiega – risiede nell'urgenza che la questione ambientale ha per la Regione Siciliana e per il suo sviluppo”. “La Regione Siciliana – rivendica con orgoglio  - ha ad una serie di azioni in corso e altre in programma volte a disegnare un nuovo modello di sviluppo regionale in cui l’ambiente sia al centro”.

Il co-finanziamento e i servizi del Ministero dell'ambiente per gli enti locali

Giovanna Rossi  presenta l’approccio e l’impegno del Ministero dell’Ambiente nelle strategie di co-finanziamento ai progetti delle autonomie locali. “Il punto centrale – spiega – è la conoscenza della realtà, da cui partire per disegnare iniziative e stabilire linee di azione congrue” . “Per questo – continua - i sistemi informativi, come quello messo in piedi da MUSA, sono utilissimi sia per gli enti locali sia il Ministero.”

"M.U.S.A. - Mobilità Urbana e Sostenibilità Ambientale": intervento di apertura

Nicola Di Tullio introduce il convegno , annunciando che, a termine dalla sperimentazione, il  progetto MUSA – Mobilità Urbana e Sostenibilità Ambientale è attualmente reso disponibile all’interso territorio nazionale.  Presentando il progetto, sottolinea come la de –materializzazione del bollino blu  non sia l’unica innovazione introdotta. “Il valore aggiunto di MUSA  - spiega – sta nel coniugare l’innovazione tecnologica con un forte impegno in materia di tutela ambientale.”

La sperimentazione del Progetto M.U.S.A. a Palermo. Il punto dell'energy manager

Antonio Mazzon spiega come il sistema MUSA si innesta nella gestione quotidiana della città di Palermo.  Ricordando come l’amministrazione comunale di Palermo non sia nuova alle innovazioni in materia di politica ambientale, propone un excursus delle sperimentazioni adottate dagli anni ’90 ad oggi. “Siamo pronti – afferma – a dimostrare la bontà del progetto MUSA alle altre città italiane.”