Cerca: Intervento, Qualità della vita, biotecnologie

4 risultati

Risultati

Biofarmaci prodotti dalle piante

Eugenio Benvenuto presenta l’esperienza dell’ENEA nel campo della produzione di biofarmaci. Le biotecnologie hanno un largo uso nel settore sanitario e nella promozione della salute e rappresentano un importante fattore di sviluppo e di competitività per il paese. Le sostanze contenute nelle piante permettono la realizzazione e sperimentazione di molti farmaci e vaccini anche per la cura di malattie gravi quali l’HIV, malattie infettive o tumori. Tuttavia esistono dei pro e dei contro all’utilizzo delle bioteconologie e alla loro diffusione.

I farmaci innovativi

L’intervento di Stefano Vella verte sul concetto di innovazione, nell’ambito dei farmaci e dell’apporto che le biotecnologie possono dare, da tre punti di vista: commerciale, tecnologico e terapeutico. In questi anni si è assistito ad una forte crescita dei farmaci biotecnologici ma ottimi risultati sono stati ottenuti esclusivamente per le malattie gravi. L’innovazione deve avere un impatto forte in alcune aree come quella dei farmaci o delle terapie. L’Europa si sta muovendo attraverso il progetto “Innovative Medicines Initiatives”. Leggi tutto

Introduzione al convegno. La visione del Ministero della Salute

Donato Greco introduce il convegno “Le biotecnologie e le scienze della vita per la promozione della salute” esponendo il punto di vista del Ministero della Salute che guarda, con particolare interesse, all’evoluzione delle tecniche e alle applicazioni in questo campo. Oggi le biotecnologie, e tutto ciò che deriva da esse, sono una realtà dalla quale non si può prescindere.

Biotecnologie e salute: le ragioni del successo del biotech

Leonardo Vingiani spiega le ragioni del successo delle biotecnologie e il motivo per il quale esse rappresentano un valido futuro per la medicina. Oggi la biotecnologia e i farmaci biotech possono arrivare dove la medicina tradizionale si ferma. I punti di forza delle biotecnologie in Italia sono molteplici; l’alta qualità della ricerca, il rapporto costi e qualità dei ricercatori, buona predisposizione degli Enti Locali a partecipare attivamente allo sviluppo del biotech ecc….Leggi tutto