Cerca: Intervento, Qualità della vita, Atti FORUM PA 2010, ambiente

Risultati 1 - 10 di 35

Risultati

COMUNITA' SOSTENIBILI:come riqualificare edifici ed impianti

Gaetano Fasano presenta l'ENEA, l'Agenzia nazionale per l'efficienza energetica, ente  finalizzato alla ricerca e all'innovazione tecnologica nonché alla prestazione di servizi avanzati nei settori dell’energia, con particolare riguardo al settore nucleare ed allo sviluppo economico sostenibile.

Leggi tutto

Rifiuti ed ecomafie: la tracciabilità dei rifiuti e il controllo dei traffici illeciti

"Sono circa 28 milioni di tonnellate i rifiuti che ogni anno spariscono". E' con questo dato che Uricchio Vito apre il suo intervento per parlare della questione dell'ecomafia e dei rifiuti. La gestione dei rifiuti è un tema che ha assunto sempre più rilevanza, soprattutto per i rifiuti pericolosi che spesso sono oggetto di traffici illeciti e che causano gravi danni non solo all'ambiente ma anche alla salute.

Leggi tutto

Il piano di comunicazione ambientale: tecniche e strumenti

"La comunicazione è sicuramente vitale per ogni organizzazione tanto più per la pubblica amministrazione, dove assume un ruolo particolare e strategico nella gestione stessa dell'organizzazione. La PA deve realizzare l'obiettivo di governare l'interelazione in una molteplicità di soggetti e di oggetti finalizzando lo sviluppo sociale ed economico del territorio".

Leggi tutto

Approccio sistematico alla gestione di interventi per la biodiversità

Antonio Pollutri illustra la metodologia che propone un approccio sistematico alla gestione dei piani di conservazione della biodiversità, che siano habitat, specie, ecosistemi o aree protette, fondato sul principio della gestione adattativa. Questo approccio, che cerca di essere standardizzato a livello internazionale, è oggi sperimentato in diversi contesti nazionali ed è anche utilizzato dal WWF a
livello mondiale. L'obiettivo è progettare ed implementare azioni di conservazione strategiche, con effetti duraturi, gestite in maniera sistematica e orientate al risultato.

Piano d'azione regionale per la biodiversità: l'esperienza della Regione Toscana

Edoardo Fornaciari presenta l'iniziativa della Regione Toscana che nasce da una collaborazione con il WWF finalizzata alla redazione di un piano d'azione per la conservazione della biodiversità a scala regionale, coerente con gli obiettivi della strategia UE (“Arrestare la perdita di biodiversità entro il 2010 e oltre”) e comprendente azioni specifiche per la tutela della biodiversità regionale da integrare opportunamente nelle diverse politiche settoriali.

Introduzione al convegno "Politiche locali in salsa verde. Sostenibilità, biodiversità, comunicazione: istruzioni per l'uso"

Arturo Siniscalchi presenta il convegno "Politiche in salsa verde" attraverso una breve panoramica dell'iniziativa dedicata alle tematiche quali le comunità sostenibili, la biodiversità, i rifiuti e le ecomafie e la comunicazione, elemento principale per permettere la diffusione di questi concetti.

Strategie per la tutela e la valorizzazione della Biodiversità e delle Aree Naturali Protette

Carlo Fortunato introduce le tematiche legate alla biodiversità e illustra le strategie e le iniziative del Ministero dell'Ambiente per la valorizzazione della biodiversità e delle aree naturali protette.

Comunità sostenibili: come riqualificare edifici ed impianti

Il progetto sulle comunità sostenibili, spiega Elio Manti, consiste nel rafforzare la capacità delle comunità locali di definire e attuare politiche di sviluppo che siano attente e coerenti con le indicazioni comunitarie relative alle sviluppo sostenibile e alle politiche energetiche e climatiche. Elio Manti descrive l'iniziativa che ha visto protagoniste quattro Regioni dell'Obiettivo Convergenza, Campania, Sicilia, Calabria, Puglia e che intende svilupparsi anche in altri contesti territoriali al fine di realizzare opere e infrastrutture per le energie rinnovabili.

Le energie rinnovabili e il potenziale per le ICT green.

Nel modello tradizionale di trasporto dell’elettricità, dalla produzione all’utenza si perde il 30% dell’energia prodotta. Quindi sembrerebbe giusto farsi tante piccole centrali vicino casa, ma in realtà – dice Pasquale Russo – più creiamo centrali e più complichiamo il sistema e mettiamo in difficoltà il gestore della rete. La soluzione, secondo Russo è quella delle Smart Grid inserite in un processo culturale che parta dal basso per educare le persone ad un uso consapevole dell’energia.

L’impatto energetico dell’ICT in chiave cloud computing.

I datacenter e tutto l' Ict in genere, consumano molta energia e contribuiscono alle emissioni di CO2”. Negli ultimi anni la gestione energetica delle infrastrutture informatiche è migliorata notevolmente, con riduzioni dei consumi che non si osservano in nessun altro settore industriale.

Leggi tutto