Cerca: Intervento, Qualità della vita, Atti FORUM PA 2010, qualità della vita

Risultati 1 - 10 di 33

Risultati

Politiche integrate per la mobilità in sicurezza

Elisabetta Schietroma sottolinea come la sicurezza urbana e quella stradale siano strettamente connesse, in quanto presuppongono entrambe politiche urbanistiche innovative di pianificazione e uso del territorio, di presidio e vigilanza dello stesso, di sicurezza sulle strade.

Leggi tutto

Intervento a "Biograforum: il "piano nidi" e la qualità della vita"

Roberto Marino illustra le novità introdotte dal Piano Straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Il Piano, promosso dal Dipartimento delle Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, rappresenta un importante passo avanti per permettere ai genitori di conciliare i tempi di lavoro con quelli per la crescita e l’educazione dei figli. Tale Piano è in continua evoluzione e i suoi risultati saranno misurabili tra qualche tempo.

Leggi tutto

Intervento al convegno " Integrazione sociosanitaria per la presa in carico della cronicità: nuovi modelli di servizio per la qualità e la continuità delle cure"

Rosario Mete risponde alla domanda su come si inserisocno le forme di cooperazione nel distretto. C.A.R.D. rappresenta gli operatori pubblici del Sistema Sanitario Nazionale impegnati nei distretti e vuole promuovere un processo culturale parteno da due concetti: il primo è che indipendentemente dall'organizzazione che si vuole dare, bisogna rispondere ai bisogni di salute e per farlo è necessario mettere tutto a sistema. Le forme associative o le cooperative di servizio sono elementi chiave per il funzionamento di tale sistema.

Leggi tutto

Le Provincie e la torsione verde

Piero Antonelli descrive la posizione delle Provincie rispetto alla torsione verde. Vi sono due problemi che vanno evidenziati:

  1. L'integrazione delle politiche pubbliche rispetto le indicazioni fornite dall'Unione Europea.
  2. L'utilizzazione e il coordinamento delle risorse finanziarie.

Quali azioni le Provincie hanno messo in campo?

Leggi tutto

La città delle conoscenze condivise.

Michele Vianello definisce la Smart City come quella città dove ogni soggetto ritiene che ciò che conosce non è solo suo, ma può essere messo a disposizione degli altri. Condizione necessaria per la realizzazione di questa condivisione è l’accesso di tutti i cittadini alla banda larga, senza la quale i provvedimenti non hanno i binari per correre. In conclusione Vianello propone di creare nelle città la figura di un “manager della condivisione” che aiuti ad interconnettere le informazioni e le diverse competenze. 

Nettuno, la città accessibile.

L’intelligenza di una città – dice il Sindaco Chiavetta – si misura dal suo grado di accessibilità. Uscendo da un periodo molto complicato, la città di Nettuno negli ultimi due anni ha puntato alla sua riqualificazione basandosi proprio su accessibilità ed efficienza, anche attraverso importanti progetti sviluppati in partnership con aziende private di rilevanza mondiale: il progetto Spicchio di sole con Enel, il progetto Smart Town con Telecom e il progetto ACT! con IBM.

Introduzione al convegno " Integrazione sociosanitaria per la presa in carico della cronicità: nuovi modelli di servizio per la qualità e la continuità delle cure"

Simone Crescenzo descrve A.N.Co.M., Associazione Nazionale Cooperative Mediche, che raccoglie la maggiorparte delle cooperative e dei consorzi di medicina generale esistenti. Illustra l'associazione, la sua organizzazione, gli obbiettivi e gli ambiti di azione. I due punti forti sono il rappoirto con FIMMG e la firma di un protocollo di intesa con Federsanità-ANCI. I due temi principali che stanno a cuore ad A.N.Co.M. sono il federalismo e l'autonomia teritoriale e professionale e l'integrazione sociosanitaria.

Intervento al convegno "La torsione verde: opportunità imprenditoriali e occupazionali della green economy"

Secondo Carlo Galuppi è necessaria una torsione nel modo di vedere le cose e di fare economia. Riguardo la green economy vi è un gap tra gli studi effettuati e la vera consapevolezza politico-culturale che deve portare alla torsione.

Il territorio è alla base di qualunque attività e l'attuale economia sembra non coglierne l'importanza e lo ha abbandonato. Galuppi si sofferma sulle potenzialità del territorio montano e del bosco: il sistema montagna è una ricchezza che va riconsiderata alla luce della green economy.

Il caso Genova: un approccio integrato all’innovazione.

 

Il Comune di Genova sta investendo sul progetto Smart Cities a partire dall’esperienza della Città Digitale affiancandovi una serie di Piani di settore - dal Piano del Verde a Urban Lab con Renzo Piano - che informano l’azione amministrativa lungo le direttrici dell’innovazione. Non in ultimo, spiega l’Assessore Montanari, Genova si sta fortemente impegnando all’interno del Patto tra i Sindaci per raggiungere obbiettivi misurabili di efficienza e risparmio energetici. 

Quali modelli per lo sviluppo della città futura?

Carlo Mochi Sismondi modera l'incontro partendo dalle domande "ha senso parlare della costruzione delle smart cities in questo momento di crisi?" e "Quali sono le priorità e gli ostacoli maggiori in questo processo?"

Punto fermo di questo percorso, sottolinea Mochi Sismondi, è la necessità di liberare la P.A. dai lacci e laccioli che la bloccano e superare l'ancor troppo presente burocratizzazione dell'ovvio. Bisogna mettere in evidenza le nuove frontiere , immaginare il domani e il tema delle smart cities offre uno squarcio in questa direzione.