Cerca: Intervento, sistemi informativi territoriali

10 risultati

Risultati

L’esperienza della Provincia di Roma nei servizi mobile

Colangelo porta la testimonianza della Provincia di Roma nel progetto di e-governement che ha dato vita alla società di ASPNET. Il progetto ha coinvolto diverse pubbliche amministrazioni locali con lo scopo di supportare, attraverso la realizzazione di sistemi informatici territoriali, i comuni di piccola e media dimensione, in modo da offrire un modello di gestione e di erogazione dei servizi efficiente per il cittadino.

Leggi tutto

Informazioni statistiche territoriali: le esigenze delle associazioni delle imprese

Enrico Quintavalle porta nel dibattito il punto di vista delle imprese ed affronta il loro rapporto complesso e spesso conflittuale con la Pubblica Amministrazione. In tale contesto l’esigenza di dati statistici territoriali da parte delle associazioni di imprese e consumatori va di pari passo con i processi di attuazione del federalismo e con l’affermazione della dimensione locale dei processi di sviluppo. Da questi aspetti emerge un problema di coordinamento e di carenza di risorse che spesso si ripercuote su cittadini e aziende.

L’informazione statistica territoriale: strumento di sviluppo economico

Alessandro Rinaldi spiega il ruolo dell’Istituto Tagliacarne nella seconda fase della Ricerca Giannini. L’Istituto è una fondazione delle Camere di Commercio ed ha come missione la promozione della cultura economica anche attraverso la produzione dati statistici raccolti ed analizzati su dimensione territoriale. Esiste, infatti, una domanda di informazione statistica territorializzata che viene non solo dagli Enti Locali, ma anche da amministrazioni centrali ed imprese.

Leggi tutto

La conoscenza e la gestione informatizzata del patrimonio verde del Comune di Bologna

Per Anna Patullo l’Amministrazione del Comune di Bologna ha ben chiaro il proprio ruolo e gli impegni presi con il mandato elettorale, rispetto alla programmazione delle politiche ambientali e del verde pubblico, rispetto alla necessità di conoscere e censire il patrimonio immobiliare urbano e rispetto al tema del controllo dei beni pubblici. Il Comune intende raggiungere tali obiettivi attraverso investimenti sulla formazione del proprio personale e grazie al sistema informatico di monitoraggio e controllo del verde pubblico.

La conoscenza e la gestione informatizzata del patrimonio verde del Comune di Bologna

Roberto Diolaiti parla della progetto di gestione informatizzata del patrimonio verde del Comune di Bologna, un patrimonio di circa 1200 ettari pari all’8% dell’intera superficie cittadina. Gli obiettivi del programma sono tre: acquisire la conoscenza delle aree verdi da parte dell’Amministrazione, garantire il controllo e la programmazione e rendere disponibili le informazioni per le sedi decentrate dell’Ente. Tutti i dati rilevati sono disponibili in rete per i cittadini, all’interno del portale del sistema informativo territoriale.

Il sistema informativo per la conoscenza e la gestione “in rete” del patrimonio immobiliare e urbano del Comune di Roma

Pier Luigi Mattera parla delle caratteristiche e della storia della costruzione del sistema informativo del patrimonio immobiliare del Comune di Roma. L’Amministrazione Comunale gestisce 52.286 beni, che spaziano su diverse tipologie, dalle strade, all’edilizia residenziale pubblica, al patrimonio archeologico-monumentale. Il progetto “Patrimonio in rete” nasce dalla necessità di consentire a tutti gli uffici comunali di poter reperire informazioni certe sulle proprietà dell’Ente, all’interno della intranet dell’Amministrazione.

Il sistema informativo per la conoscenza e la gestione “in rete” del patrimonio immobiliare e urbano del Comune di Roma

Per Claudio Minelli il tema della gestione dei patrimoni immobiliari urbani e pubblici è strettamente legato a quello dell’efficienza della Pubblica Amministrazione e della competitività del sistema Paese. La città di Roma ha svolto un notevole sforzo conoscitivo del proprio patrimonio e si sta ugualmente impegnando per mettere in rete tali risorse. Il sistema informativo in rete prevede che dati certi siano a disposizione degli operatori dell’Amministrazione e che le informazioni siano aggiornate continuamente.

Il Sistema Informativo Territoriale della Provincia di Roma

Michele Colangelo parla della realizzazione del sistema informativo territoriale all’interno del progetto COMNET. Gli obiettivi del SIT sono sostanzialmente due: innanzitutto, i Comuni possono disporre di uno strumento per migliorare la loro efficienza amministrativa attraverso la possibilità di accedere ed analizzare in maniera globale le informazioni del territorio, in secondo luogo l’Amministrazione può offrire servizi innovativi ai cittadini.Leggi tutto

Il Sistema Informativo Territoriale del Comune di Lanuvio

Angelo Furzi parla del progetto di e-government del Comune di Lanuvio. Nell’idea iniziale il sistema informativo territoriale doveva diventare un contenitore unico di tutte le informazioni: lo scopo primario era avere a disposizione uno strumento per lo sviluppo del territorio. La prima applicazione, tuttavia, ha riguardato la lotta all’evasione. Utilizzando il SIT, infatti, è stato possibile individuare la posizione degli immobili e verificare la loro rilevazione da parte del catasto.Leggi tutto

Il ruolo di ASPNET nella Provincia di Roma

ASPNET nasce da un progetto di e-Gov della provincia di Roma, cui hanno aderito circa 107 comuni, spiega Michele Colangelo. La società può essere considerata come uno strumento informativo territoriale a disposizione delle amministrazioni locali, un punto di riferimento per tutti quei i comuni che non hanno al loro interno una struttura IT tale da poter erogare determinati servizi.Leggi tutto