Cerca: Intervento, Sviluppo e Competitività, qualità del servizio

Risultati 1 - 10 di 11

Risultati

Nuove tecnologie e sviluppo organizzativo: l’innovazione necessaria per un SSN competitivo.

La completa innovazione nel Sistema Sanitario si realizza quando il progresso scientifico e tecnologico, in risposta ai nuovi bisogni di assistenza e cura dei cittadini, incontra lo sviluppo organizzativo e gestionale delle strutture sanitarie. Nonostante in Italia si registrino alcune realtà estremamente positive, oggi il cittadino è costretto a scontrarsi con situazioni in cui è evidente il distacco tra l’innovazione, intesa come applicazione delle nuove tecnologie per la cura di malattie, e le strutture sanitarie preposte all’assistenza.Leggi tutto

Progetto ComuneSemplice: la sperimentazione del Comune della Spezia

Quali sono gli ostacoli all'attuazione della direttiva Bolkestein sulla libera circolazione dei servizi e cosa si può fare per superare questi ostacoli a livello centrale e degli enti locali? Il ruolo dei Comuni, ovviamente, è molto importante perché si tratta del soggetto più vicino all'imprenditore. La relazione illustra il progetto ComuneSemplice, sperimentato dal Comune della Spezia con l'obiettivo di realizzare sistemi stabili di miglioramento ed ottimizzazione della qualità delle prestazioni, mediante ricerca di soluzioni innovative e partecipate per la semplificazione dei processi.Leggi tutto

Progetto ComuneSemplice: la sperimentazione del Comune di Canicattì

La sperimentazione del Comune di Canicattì su nuovi percorsi di semplificazione amministrativa ha riguardato il procedimento relativo al rilascio del permesso di costruire (che in Sicilia è ancora concessione edilizia). E' stata effettuata la mappatura dei tempi medi di rilascio della concessione edilizia: ritardi imputabili sia al privato che ai diversi enti chiamati a partecipare al procedimento amministrativo facevano salire il tempo medio necessario a 512 giorni (tempo previsto dalla legge è di 120 giorni)!Leggi tutto

Standard minimi di qualità e sistemi di miglioramento continuo

La PA deve fare un salto epocale per portare a casa dei cittadini e nelle imprese i servizi, con tutti gli strumenti a disposizione, da quelli più tradizionali a quelli più innovativi, attraverso meccanismi sostenibili per l’economia e l’ambiente, in una logica di sussidiarietà. Tra le cose da salvare si citano l’autocerificazione e le perizie asseverate. Legato a questi ragionamenti c’è la qualità, in senso di standard minimi condivisi da tutti, e i grandi sistemi di miglioramento continuo.

Leggi tutto

Semplificazione e qualità della Pubblica Amministrazione: fatti, distanze e proposte

Tramite l’esposizione di due casi, Giulia Mannella segnala le difficoltà che i cittadini incontrano nel momento in cui si approcciano alle strutture pubbliche. Il primo caso fa riferimento all’invalidità civile, mentre il secondo rimanda al discorso delle dimissioni e della presa in carico della persona dimessa da parte dei servizi sanitari territoriali.

Leggi tutto

Quando la cura è qualità

Come si coniugano cura e qualità nel contesto sanitario? È da qui che si parte. L’Azienda socio-sanitaria del Veneto ha costruito la possibilità di certificare, con il sistema ISO-9000, tutta l’azienda socio-sanitaria del territorio. Perché è stato scelto proprio questo sistema di qualità? Quali sono i vantaggi per il cittadino? E quali le prospettive future, nella logica del miglioramento?

Leggi tutto

La creatività e la cultura del progetto dal design alla Pubblica Amministrazione

Per Andrea Granelli la sfida da affrontare nel nostro Paese è quella di trasformare la creatività in azioni concrete. La prima di queste iniziative, suggerita nel Rapporto, è volta a rilanciare la cultura della creatività e del progetto presenti nel design in altri settori e, soprattutto, nella Pubblica Amministrazione. E’ necessario quindi portare la cultura del digitale e del virtuale dentro i prodotti fisici e tradurre la creatività in buona progettazione e in managerialità.

Leggi tutto

Rapporto Creatività: il modello italiano di creatività

Il sistema delle industrie culturali e delle attività di tipo creativo in Italia è, in realtà, un macrosettore non censito dall’ISTAT che vale circa il 10% del PIL. Il Rapporto studia questo macrosettore ed intende ricercare il modello italiano di creatività in riferimento alle componenti tecnologiche che la sostengono, ma anche alla qualità sociale cui essa spesso si accompagna.

Leggi tutto

Maggiore concorrenza e riconoscimenti per merito per una Pubblica Amministrazione più vicina al cittadino

Secondo Maurizio Beretta la Ricerca Giannini riesce a mettere a fuoco il problema dell’efficienza e dell’efficacia dell’Amministrazione, fattore determinante per lo sviluppo di un Paese e delle imprese. Oggi in Italia il sistema imprenditoriale non riesce a posizionarsi allo stesso livello delle aziende concorrenti e in tal senso sono necessari interventi a largo raggio. Due elementi devono essere presi in considerazione: più concorrenza in una logica di sussidiarietà tra pubblico e privato e maggiori riconoscimenti per merito all’interno della Pubblica Amministrazione.Leggi tutto

Competitività e sostenibilità dei servizi pubblici locali: le azioni del FORMEZ

Tina Quarto illustra le attività egli obiettivi che il Formez intende raggiungere nel ruolo di supporto alle pubbliche amministrazioni del Mezzogiorno attraverso la regolazione del sistema dei servizi pubblici, in un’ottica di garanzia della qualità dei servizi erogati, di tutela dei cittadini utenti e di promozione dello sviluppo sostenibile del territorio. Leggi tutto