Cerca: Intervento, Sviluppo e Competitività, Atti FORUM PA 2011

Risultati 201 - 210 di 230

Risultati

Comune di Parma, un progetto per la mobilità sostenibile.

Carlo Iacovini presenta ZEC (Zero Emission City), il progetto di sostegno al comparto elettrico, destinato ad aziende private e pubbliche ed ai cittadini, pensato dal Comune di Parma all'interno delle strategie di sviluppo della mobilità sostenibile. L'amministrazione sostiene lo start up, ma poi è affiancato nella gestione dalle aziende automotive, che procurano i veicoli, e dalle utilities, Iren e Infomobility, che si occupano della rete di ricarica e del coinvolgimento di imprese e cittadini. L'obiettivo è giungere entro i primi 3 mesi del 2012 a 100 punti ricarica e a 100 clienti.

Leggi tutto

La cultura come ingrediente dinamico del benessere sociale

Dopo aver richiamato l’attenzione sulla scarsezza delle risorse a disposizione, la dr.ssa Recchia sottolinea come il MiBAC debba recuperare una legittimazione a livello di opinione pubblica, da una parte nei confronti di chi protesta per i tagli, e dall’altra di quei contribuenti che non fruiscono di cultura pur partecipando economicamente alla sua produzione.

Leggi tutto

Organizzare e formare per innovare: l’esempio della Procura di Torino

 La Procura di Torino è stata scelta – in virtù della sua costante attenzione all’innovazione – per sperimentare sia procedure di utilizzo delle notifiche telematiche che di digitalizzazione del fascicolo processuale. Giancarlo Caselli si sofferma su gli aspetti normativi e organizzativi che rendono possibile la gestione informatica dei processi, sottolinea l’importanza della formazione del personale ed evidenzia come la scelta degli strumenti sia molto delicata e di decisiva importanza.

La visione di General Motors sulla mobilità elettrica sostenibile.

Federico Galliano sottolinea che il gruppo General Motors commercializza auto elettriche ad autonomia estesa dalla fine del 2010, mentre da novembre sarà sul mercato la Opel Ampera portata in mostra a FORUM PA. Il problema del settore in Italia non è dunque legato alle volontà delle case automobilistiche, ma alla poco chiara politica di incentivazione della mobilità sostenibile.

Leggi tutto

La comprensione del bisogno

Inpdap ha aderito da subito al progetto Linea Amica, in coerenza con il primo valore espresso della propria Carta dei Valori: la restituzione della centralità alle persone. La difficoltà maggiore – spiega la Lucignano – è spesso quella di capire qual è il vero bisogno racchiuso nella domanda del cittadino, ma è proprio questa capacità di comprensione – insieme ai meccanismi di valutazione – a rappresentare un punto di rottura rispetto ad alcune pratiche antiquate e inefficienti di relazione con il cittadino.

La rivoluzione del contact center: prendersi cura di un problema

Rosaria Fattori affronta il tema dell’evoluzione del contact center forte dell’esperienza del servizio “Chiama Roma 060606”. Il servizio – che si avvicina a compiere i dieci anni di vita – si è evoluto utilizzando un motore di ricerca semantico che permette di seguire l’amministrazione che si evolve dal punto di vista legislativo e organizzativo. Le telefonate vengono tracciate creando un percorso che va ad alimentare il know how degli operatori di primo e secondo livello.

Leggi tutto

La prospettiva di AU: il valore aggiunto nell’essere nodi di una rete

Paolo Vigevano introduce il ruolo svolto da Acquirente Unico – l’aggregatore di domanda che rappresenta il più grosso compratore di energia in Italia – illustrando le nuove competenze che si devono sviluppare al suo interno per gestire le 700 mila telefonate annue che riceve e le più di 50 mila pratiche annue che affronta, e che può considerare evase solo in caso di esito positivo.

Leggi tutto

Il cittadino al centro

La Pubblica Amministrazione – sottolinea Naddeo – è il mercato che fornisce i servizi più importanti al cittadino: istruzione, sanità, sicurezza. Proprio per questo diventa fondamentale una struttura – come quella di Linea Amica – che accompagna il cittadino nel risolvere qualsiasi suo problema con la PA.

Leggi tutto

Dal macro URP al micro URL

Francesco Beltrame illustra il contributo dato da DigitPA alla realizzazione del servizio Linea Amica, contributo che si è sostanziato nella predisposizione del motore di ricerca interno e dell’integrazione tra servizio telefonico e assistenza via web. Il tutto attraverso la creazione di Query in grado di fornire, a una domanda generica, la specifica risposta necessaria.

Oltre il contact center: Linea Amica come rete di reti

Il Ministro Brunetta approfondisce nel suo intervento la filosofia che è alla base del progetto Linea Amica, ovvero quella di essere il luogo che fornisce una risposta di ultima istanza a chi non è riuscito ad ottenere soluzione al problema posto attraverso i diversi contact center della PA. Finché non ha risolto il suo problema, Linea Amica non molla il cittadino, intefacciandosi essa stessa – attraverso i suoi operatori – con le diverse amministrazioni coinvolte.