Cerca: Intervento, Sviluppo e Competitività, Atti FORUM PA 2010

Risultati 1 - 10 di 212

Risultati

Introduzione al convegno "Andare si può, tornare si deve? Le best practices nelle relazioni internazionali: testimonianze ed esperienze transnazionali di funzionari e dirigenti della P.A."

Il mondo sempre più globalizzato impone ale P.A. di aprirsi ad uno scenario più ampio che vada oltre frontiera e di relazionarsi con altri Paesi. A tal proposito esiste da tempo una legislazione che consente al personale delle P.A. di compiere dei periodi di servizio all'estero, diventando Esperti Nazionali Distaccati.

Massimo Gaiani analizza le criticità relativa a tali periodi all'estero ma anche l'arricchimento professionale e culturale che ne deriva.

Intervento al convegno "Andare si può, tornare si deve? Le best practices nelle relazioni internazionali: testimonianze ed esperienze transnazionali di funzionari e dirigenti della P.A." l'esperienza di Rosalba Striani

Rosalba Striani parla della sua esperienza come Esperta Nazionale Distaccata sottolineando alcune criticità che hanno caratterizzato il suo percorso che ha avuto un esito positivo in quanto è riuscita ad essere ricollocata all'interno della sua amministrazione in un ufficio perfettamente in coerenza con la formazione effettuata all'estero.

Leggi tutto

Intervento al convegno "Andare si può, tornare si deve? Le best practices nelle relazioni internazionali: testimonianze ed esperienze transnazionali di funzionari e dirigenti della P.A."

Livio Gallo afferma che è importante l'attività di formazione all'estero ma soprattutto è importante gestire la rete di coloro che effettuano tale esperienza.

La parte formativa deve essere in coordinamento con la parte relativa all'impiego:a tal proposito Lillo parla dell'iniziativa in corso. Si tratta di un Istituto federato che si basa su moduli residenziali spalmati nel corso di un Anno Accademico, questo consente ai funzionari che decidono di partecipare di risolvere il problema della disponibilità potendo sia partecipare al corso che mantenere l'incarico in patria.

Leggi tutto

Twinning: un esempio di come l'internazionalizzazione sia veicolo di innovazione e modernizzazione

Antonio Strazzullo ci parla di come il Formez abbia sempre avuto un occhio particolare verso il ruolo che l'internazionalizzazione può avere come veicolo per la modernizzazione e l'innovazione nella P.A. Tutte le P.A. si devono aprire a cambiamenti molto più rapidi rispetto al passato.

Strazzullo fa riferimento in particolare all'esperienza del twinning, nata nel '98: essa faceva si che le amministrazioni divenissero partner di sviluppo per i Paesi candidati all'ingesso nell'U.E.

Leggi tutto

Intervento al convegno "Andare si può, tornare si deve? Le best practices nelle relazioni internazionali: testimonianze ed esperienze transnazionali di funzionari e dirigenti della P.A." l'esperienza di Carol Volk

Carol Volk, funzionario di Stato degli U.S.A. e 1°Segretario dell'Ambasciata Americana a Roma, descrive la sua esperienza di Transatlantic Diplomatic Fellowship al Ministero degli Affari Esteri a Roma.

L'esperienza personale è stata molto positiva e ha comportato una partecipazione attiva nei settori dell'antiterrorismo e di peacekeeping nonchè un'ottima possibilità di confrontare le due diverse P.A. la cui differenza principale è individuabile nel livello della comunicazione formale e del coordinamento.

Conclusioni al convegno "Andare si può, tornare si deve? Le best practices nelle relazioni internazionali: testimonianze ed esperienze transnazionali di funzionari e dirigenti della P.A."

Federica Bindi traccia una conclusione del Panel in base alle esperienze raccontate.

La modernizzazione delle P.A. è strettamente collegata all' internazionalizzazione. Ci sono in tal senso grosse opportunità sia incoming che outgoing ma bisogna industriarsi per pubblicizzare e valorizzare questo tipo di esperienze all'estero e soprattutto è importande l'iniziativa individuale.

L’agenda delle priorità dell’ANCI sul tema della coesione e lo sviluppo territoriale

Le politiche di coesione economica e sociale dell’UE sono finalizzate a ridurre le disparità fra le regioni europee, attraverso la promozione di uno sviluppo territoriale equilibrato e sostenibile. Micaela Fanelli introduce e coordina gli interventi, proponendo una serie di riflessioni sulla posizione che l'Italia dovrà sostenere nel negoziato per la revisione di medio termine della programmazione 2007-2013 e l’avvio del negoziato per la futura Strategia 2020.

Leggi tutto

Il ruolo della trasparenza e della partecipazione

Nicola Corvasce riporta l'esperienza della Regione Puglia e una serie di considerazioni inerenti il ruolo del partenariato, della partecipazione nelle politiche di sviluppo. La partecipazione in sè non garantisce il successo ma è utile nella costruzione di una better regulation, è un modo per avvicinarsi maggiormente alle problematiche del territorio ed evitare errori già in partenza. La valutazione non può essere fatta se non sulla base di scelte che sono state prese anche con la partecipazione alle procedure.

Leggi tutto

Una riflessione sul ricorso alla clausole valutative di proposta dell'esecutivo

Gli Statuti recano disposizioni riguardanti la valutazione delle leggi che può avvalersi dell’apposizione di specifiche clausole valutative. Esse sono tra i principali strumenti individuati per dettare i tempi e le modalità del controllo dell’attuazione e della valutazione dell’efficacia di un intervento normativo. Maria Buono presenta alcune riflessioni ed esperienze sul ricorso ad una nuova modalità di valutazione di proposta dell'esecutivo.

Leggi tutto

Intervento al convegno " L’importanza della dimensione territoriale nelle politiche di coesione comunitarie"

"L'Europa prima ancora di essere il luogo della moneta unica di un grande mercato è il luogo dove costruire politiche di riequilibrio territoriale". E' così che Vito Santarsiero apre il suo intervento, sottolineando l'importanza delle politiche di coesione destinate a compensare gli svantaggi territoriali. "Far venir meno le politiche di coesione nella comunità europea significherebbe far venir meno l'idea dell'Europa come il luogo di sviluppo territoriale dove si può costruire un futuro migliore".

Leggi tutto