Cerca: Intervento, ambiente

Risultati 71 - 80 di 101

Risultati

Energia, clima, ambiente e Nuovo Piano

Simone Ombuen propone alcune riflessioni sul rapporto tra le nuove modalità di gestione delle trasformazioni territoriali contenute nel “Nuovo Piano” e le questioni emergenti dal fenomeno di metropolizzazione, che riguardano energia, ambiente e clima. Il territorio italiano si è sviluppato secondo un paradigma generale fondato sulla mobilità privata di massa e sul costo dell’energia relativamente basso e stabile. Tali condizioni, per l’aumento del costo dei combustibili fossili, sono strutturalmente mutate ed è sempre più evidente la necessità di puntare sul risparmio energetico.Leggi tutto

Il “Nuovo Piano dell’INU” per la trasformazione delle città

Le modalità di pianificazione contenute nel “Nuovo Piano” lanciato dall’INU consentono di affrontare la gestione e le trasformazioni urbane in modo diverso rispetto al passato, e risultano sicuramente più flessibili perché adattano gli strumenti ai problemi, ed individuano in maniera più agevole la scala di intervento più adeguata (in passato la scala adotta era quasi esclusivamente quella comunale).Leggi tutto

Consumo di suolo e modelli insediativi per uno sviluppo sostenibile del territorio

Gli aspetti negativi del consumo di suolo derivante dai processi di urbanizzazione consistono principalmente nella sottrazione di spazi alla natura ed all’agricoltura, nell’aumento dei consumi energetici, nella crescita della produzione dei rifiuti. Tale fenomeno, tornato recentemente all’attenzione dei media, non è legato all’aumento demografico ma soprattutto al cambiamento di stili di vita e ad una ripresa incontrollata del mercato edilizio.Leggi tutto

Un caso di studio: il programma di riqualificazione “Novello” a Cesena

Il progetto di riqualificazione “Novello” a Cesena ha l’obiettivo di diventare la nuova porta d’ingresso alla città. Le caratteristiche del progetto sono: un nuovo modo di vivere la dimensione urbana che non dimentica le politiche sociali, gli elementi di un moderno diritto alla mobilità in sicurezza, un nuovo sentire ambientale e culturale con la valorizzazione della Biblioteca Malatestiana.Leggi tutto

Le ecocittà. Partecipazione ed educazione ambientale a Venezia

Nell’esperienza del Comune di Venezia in materia di azioni per il miglioramento dell’ambiente emergono due elementi qualificanti: il ruolo guida che può assumere l’Amministrazione Comunale e la necessità di coinvolgere attivamente i diversi portatori di interesse.

Leggi tutto

La genesi dell'esperienza della Provincia di Roma nella raccolta differenziata porta a porta

Gianmario Baruchello introduce la tavola rotonda sull’esperienza della raccolta differenziata porta a porta nella Provincia di Roma. Il Relatore rievoca i primi passi di questo percorso compiuti dieci anni fa dall’amministrazione provinciale e da altre province del Lazio, evidenziando gli importanti risultati raggiunti, anche in termini della sensibilizzazione della popolazione. Tali risultati acquistano particolare rilevanza anche alla luce di un certo scetticismo iniziale sul fatto che la Provincia dovesse avere un ruolo di coordinatore pubblico in questo tipo di processi.

La gestione dei rifiuti: il caso della Campania e la riforma della legge 152/06

Edo Ronchi, parlando di gestione dei rifiuti, fa riferimento al problema della Campania e tenta di individuare le ragioni e le inefficienze proprie di quel contesto. Indubbiamente il commissariamento ha funzionato male a causa del mancato raccordo con i livelli istituzionali ordinari. L’auspicio è che venga costituito un tavolo di coordinamento, formato dai Presidenti di Provincia, dal Presidente della Regione, dal Ministro dell’Ambiente e dal Commissario, che sia in grado di definire le scelte prioritarie.

Leggi tutto

Le politiche per una mobilità sostenibile: il car sharing

Giovanna Rossi presenta le attività svolte dal Ministero dell’Ambiente nell’ambito della mobilità sostenibile nelle aree urbane con particolare attenzione alla nuova politica del car sharing volta principalmente alla riduzione dei veicoli inquinanti. Il Ministero ha realizzato numerosi programmi con l’obiettivo di sostenere la politica della mobilità sostenibile e a tal proposito è stato istituito un Tavolo nazionale.

Il piano forestale nazionale e il protocollo di Kyoto

Antonio Lumicisi sottolinea il ruolo delle foreste all’interno del Protocollo di Kyoto e accenna alla collaborazione in atto tra il Ministero dell’Ambiente e quello delle Politiche Agricole e Forestali. Propone come base da cui partire il Piano, depositato due anni fa in Conferenza Stato-Regioni, che doveva servire da linea guida per l’applicazione del protocollo di Kyoto per il settore forestale ma che non è mai stato approvato dalle regioni.

La foresta: una risorsa ambientale ed economica

Francesco Vaccaio ribadisce la necessità di considerare le variazioni climatiche come elemento fondamentale per la definizione di corrette politiche di gestione del territorio. Propone di operare scelte funzionali alle necessità del paese facendosi guidare dalla ricerca e sviluppando nuovi campi di ricerca. Sottolinea che il ruolo delle foreste è centrale per la depurazione delle acque fognarie, il trattamento dei rifiuti e il depuramento dell’aria.Leggi tutto