Cerca: Intervento, Governance, Atti FORUM PA 2008

Risultati 21 - 30 di 103

Risultati

I punti di forza del progetto ICAR

Per Sonia Massobrio uno dei punti di forza del progetto ICAR è la capacità di comunicare e diffondere in maniera semplice, presso addetti ai lavori e cittadini, un concetto semplice qual è quello della cooperazione applicativa. Tale iniziativa, inoltre, ha il merito di aver dato un impulso, in un momento di transizione, al tema della interoperabilità e di aver portato avanti un’esperienza concreta che oggi può essere capitalizzata dalla Commissione di Coordinamento SPC.

Leggi tutto

La conservazione a lungo termine dei documenti informatici: aspetti giuridici e pratici

Gli archivi pubblici sono beni culturali, dunque parte integrante della nostra memoria e, quindi, vanno vigilati fin dal momento della loro formazione: questo assunto è legge dello Stato solo dal 2000. Le leggi in materia di dematerializzazione negli ultimi anni si sono moltiplicate. Il Codice dell'amministrazione digitale, ultimo di una lunga serie, all'art. 22 prevede che per la formazione e conservazione dei documenti debba essere emanato un regolamento dal ministero dell'Innovazione, d'intesa con il ministero dei Beni culturali.

Leggi tutto

Il progetto ICAR: un modello su cui costruire l’innovazione nella PA

Per Gaetano Palombelli il modello di ICAR è importante perché consente di ragionare secondo una logica di rete, non solo a livello formale e organizzativo ma anche a livello informale, attraverso la comunità di persone coinvolte nel progetto.

Leggi tutto

ICAR un modello di cooperazione interregionale

Il progetto ICAR definisce il modello di sviluppo dell’infrastruttura per la cooperazione sui sistemi informativi di diverse amministrazioni pubbliche. Tale modello segue le logiche proprie dell’Information Communication Technology, che richiedono attenzione a standard applicativi che garantiscano non più uno sviluppo autonomo anche se di eccellenza, ma uno sviluppo coordinato ed integrato tra tutte le Amministrazioni che convergono sulla necessità di rispondere a determinati bisogni dell’utenza.

Leggi tutto

Gli elementi per un modello condiviso di cooperazione applicativa

Emilio Frezza presenta alcuni numeri sui database delle pubbliche amministrazioni centrali, che dimostrano come vi sia la necessità da parte degli enti centrali e locali di condividere un modello di cooperazione sui dati, senza il quale aumentano la dispersione delle informazioni, le diseconomie e la scarsa qualità dei servizi.

Leggi tutto

PAR-ER: il polo archivistico regionale dell'Emilia Romagna

Un archivio unico di concentrazione per gestire a livello regionale la conservazione dei documenti informatici degli enti produttori della pubblica amministrazione: è PAR-ER, il Archivistico della Regione Emilia-Romagna, che rappresenta il completamento del progetto di e-government DOCAREA, grazie al quale si è realizzata la standardizzazione degli strumenti di gestione dei flussi documentali tra gli enti dell’intero territorio regionale.

Leggi tutto

ICAR. Un laboratorio di e-government per cooperare

E' il titolo da cui partire per poter affermare come un progetto (ICAR) che ha come suo punto di forza la cooperazione istituzionale, possa favorire il ridisegno, con facilità e coerenza, del modo di interagire tra gli altri attori del sistema che, oltre alla PA (anche come utente) sono i Centri di ricerca, le Società ICT pubbliche e le imprese che producono ed erogano servizi per innovare e crescere nei servizi della PA.

Un modello di sanità in cui la qualità può abbattere i costi e produrre ricchezza

Il sistema sanitario lombardo è nato sulla convinzione che attraverso la qualità si possano abbattere i costi impropri e produrre anche un innalzamento del livello socioeconomico territoriale. Dopo aver proceduto nell’accreditamento dei providers e lavorato per un mantenimento della qualità dei servizi il Piano attuale si occupa dello sviluppo del sistema. L’Assessore Bresciani illustra i quattro vettori dello sviluppo attuale: 1. partecipazione attiva; 2. riorganizzazione del sistema di emergenza e urgenza; 3. spostamento di diagnostica e cura di primo e secondo livello sul territorio; 4.Leggi tutto

L'Università a supporto del progetto ICAR

L'intervento illustra l'esperienza della Regione Basilicata che aderisce ad ICAR con il progetto ICAR-BAS. In particolare viene illustrato il ruolo dell'Università degli studi di Basilicata , con la quale la Regione Basilicata ha stipulato una convenzione avente ad oggetto lo ''Studio, definizione, realizzazione prototipale, sperimentazione e valutazione di soluzioni innovative per la cooperazione applicativa in ambiente di eGovernment, nell'ambito del progetto nazionale denominato ICAR''.

Leggi tutto

La cooperazione applicativa nell’esperienza del Sistema informativo delle comunicazioni obbligatorie.

Grazia Strano presenta l’esperienza della cooperazione applicativa sul Sistema informativo delle comunicazioni obbligatorie costituito dal Ministero del Lavoro e Previdenza Sociale in collaborazione con Regioni e Province. Il Sistema permette a tutti i datori di lavoro di effettuare una comunicazione online ai servizi per l’impiego e di rendere i dati disponibili a tutti gli Enti interessati.

Leggi tutto