Cerca: Intervento, Efficienza, Atti FORUM PA 2011, qualità

Risultati 1 - 10 di 14

Risultati

Il PROJECT MANAGEMENT in una struttura sanitaria: l’approccio teorico e gli strumenti operativi sviluppati e applicati al Policlinico di Modena

Troppo spesso l’attività progettuale e quella di miglioramento non sono gestite nella pubblica amministrazione in maniera adeguata all’importanza.

Leggi tutto

Percorsi di qualità nelle amministrazioni pubbliche

Massimo Tronci introduce la sessione del convegno dedicata alle 10 storie di qualità nella pa con una panoramica sui modelli di analisi della qualità presenti nell’amministrazione pubblica (con particolare riferimento al CAF e all’EFQM) e si è interrogato se ha senso ipotizzare un modello unico per tutte le tipologia di amministrazione.

Leggi tutto

Il Progetto Refresh

Il SIAN (Sistema Informativo Agricolo Nazionale) è lo strumento per il supporto dei compiti istituzionali connessi all’erogazione degli aiuti comunitari in agricoltura (circa 7 miliardi di euro per anno per i produttori italiani); esso comprende il “Sistema Integrato di Gestione e Controllo” (SIGC), comprendente un Sistema Informativo Geografico (GIS) composto dalle ortofoto digitali dell’intero territorio nazionale, dal catasto e da vari tematismi informativi e grafici.

Leggi tutto

10X10 storie di qualità: la PA verso il miglioramento dei servizi

Dopo aver presentato l’associazione di cui è rappresentante, Marco Gentilini introduce il convegno, tappa finale di un percorso avviato nei primi mesi del 2011 destinato a raccogliere e diffondere storie di persone che operano all’interno della pubblica amministrazione per produrre qualità.

Leggi tutto

Governare l'emergenza, assicurare i diritti, sostenere la rinascita

Una Pubblica Amministrazione, strutturata secondo un modello organizzativo funzionale basato sulla "rete", può affrontare e superare anche una grave emergenza causata da una calamità naturale come un terremoto, continuando a erogare servizi e benefici sociali alla collettività, senza rinunciare all'efficienza e all'efficacia della sua azione.

Leggi tutto

Listattiva: un percorso per monitorare e ottimizzare la gestione delle liste di attesa

Il fenomeno delle liste d’attesa rappresenta uno dei maggiori problemi dei Paesi con un Servizio Sanitario Nazionale. La sperimentazione gestionale realizzata dall’Azienda Ulss 7 del Veneto, in convenzione con l’Università Cattolica di Roma, ha previsto la gestione attiva di utenti in lista d’attesa con classe di priorità C (entro180 giorni) per prestazioni  ambulatoriali di cardiologia, oncologia, oculistica ed angiologia: 616 utenti sono stati intervistati telefonicamente.

Leggi tutto

Il DIPINT: Esempio toscano di integrazione tra Università e Regione

Maria Grazia Catania presenta il Dipartimento Interistituzionale Integrato (DIPINT) del Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi che ha risposto all’esigenza di integrare i processi di didattica, ricerca e assistenza e i relativi processi tecnico-amministrativi di supporto. Una nuova struttura tecnico-amministrativa di supporto, integrata  nelle competenze dal know how universitario e da quello aziendale, in una logica di reingegnerizzazione di processi, funzioni e strumenti.

Modena innova: una task force al servizio delle imprese

Graziano Pini presenta il progetto promosso dal Comune di Modena, unitamente a Democenter-Sipe (Centro per l'Innovazione e il Trasferimento Tecnologico) e all'Università di Modena e Reggio Emilia. L’obiettivo è ridare slancio all'economia modenese, sostenendo le imprese nel percorso di innovazione e rilancio della propria attività.

Leggi tutto

Riconoscimento dei musei di qualità dell'Emilia Romagna

Laura Carlini presenta il progetto realizzato dall'Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna (IBACN), preposto allo sviluppo del sistema museale regionale.

Leggi tutto

La centrale di cogenerazione di Imola

La prima centrale di cogenerazione del territorio imolese (Montericco) nasce nel 1987; la sua rete di teleriscaldamento è una delle prime nel panorama italiano, accanto a esperienze come quelle di Brescia e Torino. L’impianto, oltre a produrre energia elettrica, alimenta la rete del teleriscaldamento della città, con benefici in termini di risparmio energetico e di emissioni, a vantaggio di tutta la collettività.

Leggi tutto