Cerca: Intervento, Efficienza, Atti FORUM PA 2009

Risultati 81 - 90 di 206

Risultati

Il piano eGov 2012: obiettivo salute

Paolo Donzelli presenta l’obbiettivo n.4 del Piano eGov 2012 ovvero le azioni previste per la salute in rete. Il Piano, dice Donzelli, deve in primis identificare e superare le aree di sovrapposizione con gli altri Piani e poi articolare gli interventi per il raggiungimento degli obbiettivi: kit di connessione per MMG e PLS, digitalizzazione del ciclo prescrittivo, Fascicolo Sanitario Elettronico, prenotazioni on line e innovazione delle Aziende Sanitarie.Leggi tutto

La dematerializzazione al centro del Piano E-gov 2012

Già da anni il Codice dell'Amministrazione Digitale prevede il diritto dei cittadini di colloquiare con le amministrazioni pubbliche per via telematica e l'obbligo per la Pa della gestione elettronica e dell'archviazione sostitutiva dei documenti. Come spesso accade il rischio che queste rimangano enunciazioni di principi è forte se non si opera per una diffusione massiccia di tecnologia efficiente ed integrata, per un intervento profondo sui processi organizzativi, per regole certe e processi definiti.Leggi tutto

Gli archivi al servizio della trasparenza e del diritto di accesso

Il diritto di acceso alle informazioni, sostiene Mariella Guercio, può essere realizzato soltanto se le Pubbliche Amministrazioni organizzano i loro dati, le loro informazioni e i loro documenti in modo efficiente ed efficace, cioè se hanno degli archivi degni di questo nome.Leggi tutto

Strategia delle alleanze, educazione e formazione per potenziare la sicurezza stradale

Abbassare il tasso di incidentalità e il numero di vittime della strada è la mission comune delle organizzazioni (pubbliche e private) che lavorano per la sicurezza stradale. Per realizzarla è fondamentale puntare sulla formazione e l’educazione alla sicurezza stradale (che in tempi medio lunghi potrebbe essere la chiave di volta) e portare avanti una politica di alleanze, sempre nel rispetto delle responsabilità e dei compiti dei singoli soggetti.Leggi tutto

Le tecnologie di SINTEL Italia per la sicurezza stradale

I sistemi e le tecnologie per la sicurezza sono, da circa 30 anni, il campo in cui opera SINTEL Italia. Negli ultimi 10 anni queste competenze si sono estese alla tecnologie della sicurezza applicata alla viabilità. Tecnologie video di bordo per veicoli delle forze di polizia, tecnologie di videosorveglianza automatica delle violazioni, sistemi di centrale per analisi e archiviazione dei contenuti: questi i settori di specializzazione di SINTEL Italia.Leggi tutto

Sicurezza stradale: l'impegno di Autostrade per l'Italia

Dal 1999 al 2008 il tasso di mortalità sulla rete autostradale, calcolato come numero di morti ogni 100 milioni di km percorsi, si è ridotto del 63 per cento. Questo risultato è anche frutto dell'impegno di Autostrade per l’Italia per il miglioramento di tutti i parametri di sicurezza stradale. Antonino Galatà presenta le misure adottate in questi anni: dagli interventi sull'infrastruttura, in particolare sui punti stradali con incidentalità superiore alla media, all'integrazione della segnaletica di cantiere, fino a tutta una serie di interventi sui comportamenti.Leggi tutto

La sicurezza stradale in Italia: resoconti e prospettive

Entro la fine del 2010 il numero di vittime per incidenti stradali dovrà essere dimezzato rispetto al dato del 2001. Questo l'obiettivo posto dall'Unione europea agli Stati membri. Qual è la situazione nel nostro Paese? La relazione di Dondolini presenta un resoconto dettagliato dei dati riguardanti il numero di incidenti, il numero di feriti e il tasso di mortalità in Italia, con le variazioni riscontrate, in particolare, dal 2001 al 2007.Leggi tutto

La circolarità del patrimonio informativo della PA

Il concetto di” patrimonio informativo pubblico” apre uno spazio importante di innovazione nelle regole come nelle pratiche. Questo è il centro dell’intervento di Andrea Nicolini, che analizza opportunità e limitazioni alla circolarità del dato in campo normativo e tecnologico, individuando nel CAD il principale riferimento e in SPC uno strumento imprescindibile, sottolineando come i veri possessori del dato siano in ultima istanza cittadini e imprese.

Le compagnie di assicurazione per la sicurezza stradale

Secondo i dati ANIA (Fondazione per la sicurezza stradale nata per volontà delle Compagnie di assicurazione) il numero di incidenti stradali in Italia è molto più alto di quello fornito dall'Istat (che può prendere in esame solo gli incidenti in cui intervengono forze di polizia). L'ANIA, stando alle cifre in suo possesso, segnala la necessità di ridurre, tra 2008 e 2010, in media dell'11,6 per cento l'anno le vittime di incidenti stradali, se si vuole raggiungere l'obiettivo di Lisbona (dimezzamento delle vittime entro il 2010).Leggi tutto

Politica e funzionari. L'etica della responsabilità

Intervistata da Stefano Rolando Linda Lanzillotta parte dalle ragioni storiche che hanno generato le criticità della Pubblica Amministrazione italiana per definire obbiettivi e strategie di miglioramento. Dopo aver approfondito la questione del rapporto tra Politica e Amministrazione la Lanzillotta affronta il tema della “riforma Brunetta” del pubblico impiego evidenziandone criticità e aspetti positivi e confermando a nome del Partito Democratico le prosecuzione in un atteggiamento bipartisan per portare avanti insieme le parti della riforma condivise anche dall’opposizione.Leggi tutto