Cerca: Intervento, Efficienza, Atti FORUM PA 2009

Risultati 31 - 40 di 206

Risultati

Gli ostacoli al rinnovamento nella PA locale e i possibili rimedi

Come è nata l’idea di lanciare un progetto organico per il ricambio generazionale all’interno della PA locale del mezzogiorno, che possa dare il via a una stagione di riforme e innovazione? La riflessione sulla classe dirigente italiana (una delle più vecchie d’Europa, per non parlare poi del confronto con gli Stati Uniti) e sul fatto che in Italia i giovani non sono valorizzati si è accompagnata al bilancio dell’esperienza del Progetto RIPAM e alle istanze di chi ha partecipato a quel percorso formativo.Leggi tutto

Introduzione al convegno “Servizi Pubblici e sostenibilità: un contributo del Formez”

Il sistema pubblico si trova in una fase di innovazione, di trasformazione delle modalità di produzione e gestione dei servizi. All’interno di questa fase, che vede attivi i processi di esternalizzazione, liberalizzazione, incremento di competitività; la gestione eco-compatibile delle risorse è stata considerata come una delle variabili della qualità della servizio offerto dalle PA, capace di incidere, nel complesso, sulla qualità della vita del cittadino. Tina Quarto – FORMEZ – introduce il testo di ultima pubblicazione del Formez: “Sostenibilità, competitività ai servizi pubblici”.Leggi tutto

Il Direttore Generale: un valido strumento per gli Enti Locali che vogliono innovare

Nella fase preliminare del progetto di accreditamento dei Direttori Generali, Fondazione Alma Mater di Bologna ed ANDIGEL si sono interrogate sugli obiettivi e sulle caratteristiche che un ente locale deve avere nel momento in cui decide di implementare la figura del Direttore Generale.Leggi tutto

Il Direttore Generale: percorso formativo, professionale,attività, competenze, relazioni

Il progetto di accreditamento dei Direttori Generali nasce da una collaborazione tra Fondazione Alma Mater ed ANDIGEL ed ha come obiettivi la ricostruzione, attraverso una ricerca preliminare, del profilo professionale del Direttore Generale e delle caratteristiche chiave, in modo da poter poi definire interventi formativi per lo sviluppo di tale professionalità. La valutazione dei profili dei singoli direttori, inoltre, consente sia di descrivere la popolazione dei DG, sia di analizzare lo scostamento individuale rispetto al profilo di riferimento

Il Direttore Generale: funzioni e caratteristiche chiave per garantire il buon andamento dell'ente locale

Gli elementi che contraddistinguono la funzione del Direttore Generale degli enti locali sono il rapporto fiduciario con la parte politica e la distinzione tra indirizzo politico e gestione dell'ente. Qualsiasi intervento legislativo per il futuro deve considerare questi elementi come imprescindibili per poter garantire l'autonomia organizzativa degli enti locali e per permettere quel processo di innovazione del sistema che purtroppo in questi anni non si è compiuto appieno.Leggi tutto

Il progetto di accreditamento dei Direttori Generali: un elenco certificato di professionisti al servizio dell'innovazione

ANDIGEL, sin dalla sua nascita nel 2003, lavora per l'innovazione negli enti Locali: l'Associazione, infatti, non vuole essere un sindacato dei Direttori Generali, rappresentando e a promuovendo in sede istituzionale gli interessi di posizione della categoria; al contrario intende essere un gruppo professionale aperto, al servizio della PA locale. Il progetto di accreditamento nasce per dimostrare che l'innovazione, più che per via normativa, avviene grazie alle competenze acquisite nel tempo ed alle esperienze maturate sul campo.Leggi tutto

Il ricambio generazionale come strategia per una PA più efficiente

Il vero problema della PA italiana è la sciagurata politica del blocco del turn over. A sostenere con forza questa posizione è Pasquale Chieco, che fa l’esempio della Regione Puglia, in cui ci sono poco più di tremila dipendenti e la spesa per il personale si colloca nella media nazionale, ma l’età media del personale è di 53 anni (più di 2000 unità hanno tra 50 e 60 anni). Ecco, quindi, che il problema non è tanto e soltanto la modalità di reclutamento del personale: il problema a monte è riuscire a consentire nuovi accessi all’interno della PA.Leggi tutto

Investire nella formazione per ottenere risultati reali

La formazione non deve essere vista come un costo per il sistema sanitario regionale. Gli investimenti fatti fino ad ora, come ad esempio dall'I.Re.F. in Lombardia, fanno ben sperare in una crescita dell'offerta formativa. Offerta che però deve puntare sempre più alla qualità, come testimonia l'attività condotta dal CEFPAS.

Il sistema regionale lombardo per la formazione in sanità

L'I.Re.F. è un ente della Regione Lombardia preposto alla formazione nella Pubblica Amministrazione. L'attività dell'Istituto è divisa in quattro ambiti di competenze: Regione, Servizi alla persona, Territorio e Supporto alla gestione. Per quanto concerne la fomazione in sanità, l'I.Re.F. collabora con la Scuola di Direzione in sanità per garantire alti livelli di formazione dei dirigenti delle strutture sanitarie regionali.

L'attività formativa del Formas

Il Formas nasce nel 2007 con l'obiettivo di garantire agli operatori del Servizio Sanitario Regionale della Toscana una formazione adeguata attraverso sistemi innovativi e sostenibili. Il Formas rappresenta il punto di incontro tra la Regione, le Aree Vaste e le Aziende Sanitarie toscane. Luigi Setti presenta l'attività della struttura.