Cerca: Intervento, Accountability, Atti FORUM PA 2008

Risultati 31 - 40 di 69

Risultati

L’esplorazione delle idee per ripensare le città digitali

La società Ideai di Barcellona ha coordinato questo incontro, seguendo un metodo particolarmente stimolante, quello del “Knowledge Safari”, adottato in tutto il mondo per animare reti di dialogo collaborativo su problemi di particolare interesse in ambito ad esempio lavorativo, economico, sociale, politico o culturale. Le 5 tappe di questo “safari” e le proposte che hanno ottenuto, in ordine, più voti: gestione della conoscenza; web 2.0; concetto di back-office e front-office nei servizi; logica collaborativa nell’e-government; digital divide.

La nuova comunicazione interna: strumenti, opportunità e limiti

Introducendo la tavola rotonda "Da dipendente a protagonista. Il ruolo della risorsa umana nella nuova comunicazione interna", Marco Stancati si chiede quale sia oggi il modello possibile di comunicazione interna e il senso del termine 2.0, utilizzato sempre più spesso e in contesti non sempre appropriati. I nuovi canali di comunicazione non sono adatti a tutti i contesti e non sempre possono sostituire i canali tradizionali.

Leggi tutto

Cambio di paradigma: dalle città digitali agli amministratori digitali

Comuni, Province, Comunità Montane e Regioni sono nate in un periodo storico in cui il loro ruolo era chiaro e ben definito. Oggi le tecnologie (che non chiamerei più nuove anche perché cambiano ed evolvono tutti i giorni) hanno rivoluzionato e continueranno a rivoluzionare il "modo di essere" delle persone (cittadini, politici e amministratori inclusi).Leggi tutto

Legge 150/00. L’esperienza del Comune di Torino

La situazione del Comune di Torino rispetto all’attività di informazione e comunicazione: quali sono i problemi che si riscontrano oggi? Tra i tanti, innanzitutto il posizionamento della funzione di comunicazione all’interno dell’organizzazione, giocando sugli aspetti professionali, da qui ne deriva un problema di formazione: la comunicazione è fatta di tante forme di competenze che vanno gestite, quindi la formazione diventa fondamentale. Dal punto di vista organizzativo la funzione strategica deve essere collocata al vertice, ed essere trasversale all’organizzazione stessa.Leggi tutto

La nuova comunicazione interna. Reti, comunità e narrazioni per superare il modello trasmissivo

Che cosa significa oggi fare comunicazione interna? La comunicazione tradizionale è di tipo trasmissivo: l’idea di fondo è quella di trasmettere qualcosa (dati, notizie, strategie, valori), far arrivare dall’alto verso il basso informazioni in maniera non deformata. Questo modello, però, si rivela perdente, poiché non tiene conto dei reali processi che avvengono all’interno di qualunque luogo di lavoro, dove un ruolo fondamentale è svolto da elementi quali narrazioni, metafore, reti e comunità di pratica.

Leggi tutto

La realizzazione delle infrastrutture passa per processi decisionali partecipati

La situazione critica che in termini di sistema sta vivendo il nostro Paese, rende molto più caldi i temi legati alle infrastrutture, alla loro realizzazione ed eventuali ritardi. Riguardo alla capacità dell’amministrazione di dialogare e confrontarsi sulle sue decisioni manca una cultura dell’accountability, cioè del render conto. È necessario stabilire un assetto del territorio su scala nazionale, perché solo nell’ambito di un piano nazionale è possibile intervenire localmente.

Leggi tutto

Sviluppo e sostegno della funzione di comunicazione in Emilia Romagna

L’ultima indagine regionale che analizza lo stato dell’arte dell’attuazione della Legge 150 in Emilia Romagna risale a tre anni fa e mette in evidenza soprattutto le funzioni e le funzionalità dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico, che con la Legge 150 assume una centralità rilevante. L’intervallo di tempo legislativo e di prassi operative nella funzione di comunicazione dalla 241 alla 150 passa senza incidere sostanzialmente sul profilo di servizio della funzione dell’attività dell’URP.Leggi tutto

La nuova comunicazione interna. Reti, comunità e narrazioni per superare il modello trasmissivo

Passare dal tradizionale modello del codice al modello inferenziale nei processi di comunicazione interna. Questo il primo passo da compiere per ottenere una comunicazione moderna ed efficace, che sappia sfruttare pienamente anche tutte le opportunità offerte dagli strumenti del web 2.0. Il modello del codice si preoccupa, infatti, solo di trasmettere un messaggio dal mittente al destinatario, attraverso un canale, senza preoccuparsi di ricevere alcun tipo di feedback: non c’è una logica di tipo partecipativo e la comunicazione è indifferenziata.

Leggi tutto

Il nuovo approccio delle aziende energetiche rispetto agli stakeholder

In questo breve intervento, Paolo Messa sottolinea l’importanza e la centralità del tema della comunicazione laddove si parla di infrastrutture, delle difficoltà nel realizzarle e della necessità di un processo di coinvolgimento della popolazione. Le esperienze discusse durante il dibattito risultano essere molto utili all’interno del contesto di Forum PA rivolto ai decisori pubblici che, molto spesso, non corrispondono soltanto ai ministeri e alle strutture centrali, ma anche ad una platea diffusa di decisori presenti negli enti pubblici

La nuova comunicazione interna: l'esperienza della Fondazione Accademia di S. Cecilia

La case history della Fondazione Accademia nazionale di Santa Cecilia, la cui area comunicazione e marketing ha cominciato ad occuparsi di comunicazione interna, non solo per se stessa ma anche per gli altri, arrivando quasi senza rendersene conto a risultati di grande modernità. Una storia antichissima quella di Santa Cecilia, lunga 500 anni per l'Accademia e 100 per l'orchestra, che nel 2000 ha segnato un punto di svolta legato alla privatizzazione.

Leggi tutto