Cerca: Intervento, Atti FORUM PA 2007

Risultati 61 - 70 di 1249

Risultati

Considerazioni degli esponenti delle Associazioni dei consumatori sulla liberalizzazione del mercato energetico

Le preoccupazioni dei rappresentati dei consumatori sul settore dell’energia riguardano il ritardo e l’impreparazione con cui il nostro Paese sta per giungere alla data del 1° luglio 2007. Il provvedimento del Governo, in vista della liberalizzazione del settore domestico, deve mantenere i poteri dell’Autorità, in modo che essa possa, per forza di legge, stabilire delle tariffe di riferimento obbligatorie per le imprese distributrici.Leggi tutto

Aspetti legati alla liberalizzazione del mercato energetico

Per Marco Stradiotto la data del 1° luglio 2007 è una data importantissima per la liberalizzazione del mercato energetico. Tale processo non è la semplice risposta alla Direttiva europea nr. 54/2003, ma è un’azione forte del Governo per rompere gli schemi attuali e tentare di avvicinare i fornitori di servizi ai consumatori. Per il Relatore, la percezione della forza e dell’utilità dell’Autorità per l’energia è sempre più forte all’esterno; questo è il segno che si sta lavorando nella direzione giusta a tutto vantaggio dei cittadini.Leggi tutto

L’infomobilità in Valle d’Aosta

Consol racconta l’esperienza, ancora in fieri, dell’infomobilità in Valle d’Aosta mostrando gli aspetti organizzativi funzionali e gli aspetti informatici adottati con l’applicazione delle nuove tecnologie.

Leggi tutto

Il processo di liberalizzazione del mercato energetico

Per Enzo Pontarollo il problemi e le criticità relative ai processi di liberalizzazione, di regolazione e di apertura dei mercati sono strutturali. Il percorso è stato quello di definire un quadro normativo liberalizzato relativo alle infrastrutture a rete, e di affidare poi alle autorità nazionali di settore (energia, telecomunicazioni, trasporti) il controllo e l’applicazione delle regole. Dal 1° luglio 2007 entrerà in vigore la liberalizzazione della domanda, ma questo non significa che tale processo sarà completo ovunque.Leggi tutto

Implementare un modello IT Governance “sostenibile” per la propria organizzazione

Per Giorgio Pagano la migliore definizione di IT Governance è quella che la delinea come struttura di relazioni, processi e strumenti che ha l’obiettivo, sia in ambito privato che in ambito pubblico, di allineare l’IT alla missione istituzionale dell’azienda/amministrazione, di aumentare il valore generato per gli utenti, di migliorare la gestione dei rischi, le prestazioni e la qualità dei servizi erogati e di ridurre dei costi.

Leggi tutto

Il sistema informativo per la gestione del demanio marittimo: controllo del territorio e servizi ai cittadini

Alberto Migliorini parla del sistema informativo per la gestione del demanio marittimo e ne evidenzia la caratteristica di interoperabilità che ne amplia le funzionalità estendendole anche alla lotta all’abusivismo. Definisce gli aspetti positivi per il miglioramento delle capacità di gestione e controllo del territorio e sottolinea l’opportunità di offrire un’informazione integrata ai cittadini. Aggiunge la necessità di definire un sistema che sia in grado di rispondere alle esigenze proposte dal contesto di riferimento.

L’esperienza della Provincia di Roma nei servizi mobile

Colangelo porta la testimonianza della Provincia di Roma nel progetto di e-governement che ha dato vita alla società di ASPNET. Il progetto ha coinvolto diverse pubbliche amministrazioni locali con lo scopo di supportare, attraverso la realizzazione di sistemi informatici territoriali, i comuni di piccola e media dimensione, in modo da offrire un modello di gestione e di erogazione dei servizi efficiente per il cittadino.

Leggi tutto

Il censimento degli archivi amministrativi e le disomogeneità del sistema italiano

Carmelo Carlino evidenzia la situazione a macchia di leopardo in cui si trovano le Province italiane. Aggiunge che la costituzione di un ufficio di statistica provinciale è un importante strumento di controllo interno. Traccia i confini operativi e evidenzia opportunità e problematiche del progetto di censimento degli archivi. Porta la testimonianza della collaborazione al progetto della provincia di Genova. Sottolinea la necessità di individuare ruoli di responsabilità per gestire le banche dati prodotte.

I sistemi informativi e le ricerche statistiche: strumenti fondamentali per la semplificazione della pubblica amministrazione.

Manlio Calzaroni descrive la costituzione del Sistema Statistico Nazionale (Sistan) e lo spirito che anima l’Istat nel progetto di censimento degli archivi amministrativi delle Province. Sottolinea la necessità di sviluppare una cultura della collaborazione interistituzionale. Accenna al progetto “Cento indicatori per cento Province” in riferimento alla possibilità di scardinare le ataviche barriere autoreferenziali interne alle amministrazioni.

Leggi tutto

Il trattamento dei dati sensibili nell’attività

Claudio Filippi descrive il quadro giuridico entro cui si muove l’attività di gestione dei dati per fini statistici nel rispetto della privacy. Spiega la procedura necessaria per gestire dati sensibili da parte del soggetto pubblico ed esplicita le differenze che intercorrono con i soggetti privati. Illustra alcuni articoli del codice per la tutela della Privacy.

Leggi tutto