Cerca: Riforma PA, competitività

Risultati 1 - 10 di 14

Risultati

Innovazione, finanza pubblica e competitività

I paesi del G20 cosiddetti “di economia matura”, hanno un rapporto debito/PIL molto maggiore di quelli a economia emergente. Ciò – spiega Bassanini – apre una competizione per la crescita e per i futuri rapporti di forza economica tra i Paesi, per vincere la quale bisogna creare condizioni favorevoli agli investimenti a lungo termine: regolazioni, trattamento fiscale, incentivi. Ma senza una fortissima innovazione tecnologica nel funzionamento delle Pubbliche Amministrazioni e dei servizi pubblici, che ne comporti una reingegnerizzazione radicale, non è possibile vincere la sfida. 

"La burocrazia trasparente" in Sicilia: cosa cambia con la nuova legge

Cosa cambia in Sicilia in materia di semplificazione, trasparenza e competitività con la Legge regionale 5 aprile 2011 n. 5? E quali i riflessi sulla prevenzione dell'illegalità all'interno della pubblica amministrazione? Ce ne parla Caterina Chinnici, Assessore per le autonomie locali e la funzione pubblica della Regione Siciliana.

Leggi tutto

Adeguare il Sistema Paese alle sfide della globalizzazione

Nel nostro tempo, aldilà della grave crisi economica attualmente in essere, i processi di globalizzazione hanno mutato le caratteristiche della competitività: non sono più le imprese, singolarmente, a competere sui mercati, ma sono i ‘Sistemi produttivi entro una compagine nazionale’ a determinare il risultato economico complessivo e, quindi, la qualità della società. In Italia, ci troviamo quindi, paradossalmente, a dover conseguire un’efficienza di sistema, mentre permangono ancora gravi ritardi nel raggiungimento di un’adeguata economicità ed efficacia nell’azione dei singoli Soggetti pubblLeggi tutto

Politiche attive per il lavoro: la Provincia di Genova a FORUM PA '09

Creare non semplicemente "lavoro", ma un buon lavoro, non semplicemente "specializzazione", ma una specializzazione competitiva all'interno del mercato del lavoro: questo l'impegno della Provincia di Genova. Alessandro Repetto, Presidente della Provincia, a FORUM PA '09.

Leggi tutto

Come trasformare la direttiva Bolkestein in una opportunità

La semplificazione è una politica multilevel, affermazione che nella pratica si rivela meno banale di quanto possa sembrare. L’attuazione dei principi della direttiva Servizi richiede, infatti, uno straordinario impegno e una forte cooperazione tra tutti i livelli istituzionali (Governo, Regioni e autonomie locali), ma anche tra tutte le amministrazioni statali interessate.Leggi tutto

Cogliere le opportunità della direttiva Servizi: un problema di competitività

Quando parliamo della direttiva Servizi dobbiamo parlare naturalmente di semplificazione, ma questo non è l'unico né il principale argomento. La direttiva Servizi, infatti, potrebbe offrire una grande opportunità in tema di recupero di competitività e apertura del mercato interno, ma solo assumendo un atteggiamento “aggressivo”. In che senso? Il nostro sistema di pubblica amministrazione entrerà in concorrenza diretta con i sistemi degli altri Paesi, in quanto elemento di attrazione per l'insediamento dell'attività d'impresa.Leggi tutto

La semplificazione come fattore di competitività, fra promozione della concorrenza e tutela del cittadino-consumatore

Di semplificazione si parla tanto e da anni, con conseguenze positive (il tema è ormai patrimonio comune e condiviso) e rischi (bisogna garantire effettività e risultati ed evitare che il tutto si riduca a slogan comunicativo efficace, ma privo di contenuti).Leggi tutto

Merito e responsabilità per una PA che funzioni.

Il Presidente Piccola Industria di Confindustria, Giuseppe Morandini, sottolinea come la burocrazia sia il primo costo chel'impresa, soprattutto quella di piccole dimensioni, deve sostenere. La Pubblica Amministrazione per poter finalmente cambiare si deve considerare la più grande azienda italiana, il suo primo problema è infatti quello di non avere un mercato con il quale confrontarsi. Due le cose da fare: fissare criteri oggettivi di merito e responsabilizzare i dirigenti.

Rinnovare la Pubblica Amministrazione: ricerca e innovazione come fattore di sviluppo

Giuseppe Pennella concentra parte del suo intervento sulla necessità di rinnovare l’amministrazione pubblica per una maggiore sostenibilità del Paese. A differenza della prima, in cui la Pubblica amministrazione era vista troppo dal suo interno, la seconda fase della Ricerca Giannini vuole un’Amministrazione moderna che guardi al mondo esterno proprio perché una migliore organizzazione e comunicazione porterebbe maggiori investimenti dall’estero aumentando la competitività del Paese.Leggi tutto

Le Raccomandazioni finali della Ricerca Giannini

Marco D’Alberti pone come obiettivo primario della Ricerca Giannini quello di arrivare ad una visione il più completa possibile della Pubblica Amministrazione. Come cambiare la PA per avere una maggiore crescita del Paese? Lo sviluppo di un Paese non è solo maggiore competitività o concorrenza ma è anche potenziamento dei diritti dei cittadini.

Leggi tutto