Cerca: Riforma PA, PMI

Risultati 1 - 10 di 20

Risultati

Decreto sulle liberalizzazioni: la PA paga 5.7 miliardi di debiti alle imprese. Ne restano 74.3 (circa)

Nel testo finale del decreto sulle liberalizzazioni, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dopo la firma del presidente della Repubblica, si prevede il pagamento dei debiti della Pubblica amministrazione nei confronti dei fornitori, per via breve, per un totale di 5,7 miliardi.

Leggi tutto

Via dalla manovra la norma per sveltire i pagamenti delle PA

La norma che avrebbe consentito alle pubbliche amministrazioni di snellire i pagamenti dei propri debiti verso le aziende attraverso il rilascio di un certificato da "girare" alle banche, contenuta nella manovra fino a martedì scorso è stata cancellata all'ultimo momento e nel maxi-emendamento approvato al Senato non ce ne è traccia.

Leggi tutto

Semplificazione amministrativa: novità, risultati e nuove sfide

Silvia Paparo apre i lavori della Giornata della Semplificazione 2011, il cui intento è dare voce ai protagonisti del processo di semplificazione: alle associazioni imprenditoriali, a chi opera nelle amministrazioni, e agli esperti che hanno animato la task force per la Misurazione degli Oneri Amministrativi.

Leggi tutto

La semplificazione dal punto di vista delle imprese

Confartigianato ha svolto un’indagine con i suoi associati sulla percezione dello sforzo fatto in questi anni per la riduzione degli oneri amministrativi. È emerso un disagio degli imprenditori per la perdurante mancanza di disponibilità di informazioni utili in relazione agli obblighi, un problema che genera la necessità di rivolgersi agli intermediari anche per livelli molto bassi di qualificazione.

Leggi tutto

Dai libri di ricette all’implementazione dell’azione semplificatrice

Mario Martelli conclude la Giornata della Semplificazione 2011 riprendo alcuni temi che hanno contraddistinto la discussione. Dall’esigenza di una maggiore enfasi sui meccanismi di analisi preventiva e di consultazione, alla necessità di controlli di maggiore qualità, Martelli punta l’attenzione sia sulle criticità che sugli aspetti virtuosi: primi fra tutti il programma di Misurazione degli Oneri Amministrativi, vero cuore del processo di semplificazione.

La consultazione necessaria nelle strategie di semplificazione

Cerminara denuncia nel suo intervento la mancata normazione del processo di consultazione all’interno delle Analisi di Impatto della Regolazione gestito dal DAGL della PCM. Quella sulla tracciabilità dei flussi finanziari è un esempio di norma che non ha previsto una fase di consultazione e il cui effetto è stato quello di paralizzare per quasi due mesi le attività delle imprese per l’incertezza della fase applicativa.

Leggi tutto

Riorganizzare per semplificare: la sfida di Roma Capitale

Nel febbraio 2011 Roma Capitale ha presentato il primo Piano Strategico di Sviluppo della città, da quest’evento Di Gregorio parte per illustrare le attività di semplificazione portate avanti dall’Istituzione Roma Capitale, ex Comune di Roma. Già questa prima riformulazione istituzionale – che porta ad un territorio amministrato pari alla somma delle 9 maggiori città italiane dopo Roma – è un primo passaggio verso la semplificazione.

Leggi tutto

Valutazione delle performance e semplificazione dell’azione amministrativalificazione

Andrea Simi prende la parola dopo gli interventi delle associazioni imprenditoriali per sottolinearne i passaggi nodali e precisare due punti. Il primo: l’attuazione della riforma Brunetta è stata rallentata dalla mancanza delle risorse, ma potrebbe avere una nuova spinta dalla comprensione comune che ormai anche gli avanzamenti di carriera possono dipendere fortemente dalla valutazione. Il secondo: nel Decreto Sviluppo ancora non è sufficientemente sottolineata l’esigenza della limitazione del gold plating, fenomeno che bisogna affrontare con ancora maggiore determinazione

Metodologia di stima a supporto della misurazione degli oneri amministrativi

ISTAT ha supportato la task-force di Misurazione degli Oneri Amministrativi (MOA) attivata ai sensi della legge 133/2008 riconducendo la metodologia dello Standard Cost Model all’interno di un appropriato disegno di indagine per raggiungere gli obbiettivi di accuratezza e affidabilità delle stime e di tempestività della rilevazione. Nello specifico, oggetto della Convenzione con ISTAT è stata la misurazione dei costi per le aziende dai 5 a 250 addetti, misurazione realizzata tramite interviste telefoniche e interviste face to face.

Leggi tutto