Cerca: Riforma PA, codice della pa digitale

6 risultati

Risultati

Una triade perfetta per la trasparenza amministrativa: documenti, fascicoli e procedimenti

Grazie a una copiosa giurisprudenza, ad autorevole dottrina e, soprattutto, a coerente normativa italiana dal 2000 al 2014 in tema di trasparenza amministrativa le amministrazioni pubbliche devono descrivere e mantenere i legami tra documenti, fascicoli e procedimenti. Si tratta, in buona sostanza, di quanto diversi anni fa ho iniziato a chiamare la Regola del conte, su cui torneremo a breve dalle pagine di FORUM PA. Ogni documento, infatti, deve avere un conte-nuto, il quale per essere affidabile deve essere rappresentato in un conte-nitore, il quale per essere compreso appieno deve trovare luogo nel proprio conte-sto. Ciò significa che un documento isolato - cioè non classificato e non fascicolato, quindi decontestualizzato o non contestualizzabile - risulta scarsamente significativo. Anzi, peggio: latore di informazioni parziali. Infatti, per gli scienziati dell’informazione come per il diritto amministrativo, un’informazione parziale è spesso un garbuglio inestricabile.

Leggi tutto

Quando l’efficienza è un boomerang

No, non voglio dire che l’efficienza della PA si rivolti contro chi l’ha richiesta a gran voce, questo no, ma diciamo che gli torna in mano, appunto come un boomerang e lo inchioda alle sue responsabilità, guardandolo negli occhi e interrogandolo sulla serietà delle sue intenzioni. Mi spiego meglio: una certa parte della politica, degli addetti ai lavori e dell’opinione pubblica ha urlato a gran voce per chiamare l’efficienza dell’amministrazione, ma forse nella speranza che non sarebbe mai arrivata. Quando qualcosa si muove eccoli a protestare e a scuotere la testa con Talleyrand, mormorando: “Surtout pas trop de zèle”! Prendo spunto da tre storielle: la Finanza a Cortina, i processi a Milano, i certificati a Roma.

Leggi tutto

Per un effettivo esercizio dei diritti di comunicazione digitale

 L’articolo n.3 del Codice dell’Amministrazione Digitale stabilisce che i cittadini hanno diritto ad utilizzare la tecnologia per tutti i rapporti con la Pubblica Amministrazione. Questo diritto non è effettivamente esercitato né garantito a livello collettivo, mentre da qui bisogna partire per costruire una PA più efficace ed efficiente. Anche da parte dei cittadini – sottolinea Gerittsen – dovrebbe esserci una spinta maggiore per far valere questo loro diritto. 

Brunetta a tutte le amministrazioni: "Ora c'è il nuovo CAD, usatelo!"

Il ministro per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione Renato Brunetta ha inviato una mail a tutte le 49.179 pubbliche amministrazioni italiane per chiedere loro di attivarsi per rendere prassi quotidiana quanto previsto dalle norme del nuovo Codice dell'Amministrazione Digitale (decreto legislativo n. 235/2010), in vigore a partire dal prossimo 25 gennaio.

Leggi tutto

Produttività e innovazione: firmato un Protocollo Brunetta-INPDAP

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione Renato Brunetta e il Presidente dell'INPDAP Paolo Crescimbeni hanno firmato questa mattina a Roma il ‘Protocollo d'intesa per l'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e la realizzazione di programmi di innovazione digitale’. La durata dell'intesa è di tre anni, eventualmente rinnovabili.

Leggi tutto

Impatto della Conferenza Permanente sulla organizzazione dei lavori per l’adeguamento delle Amministrazioni al dettato del Codic

Per quanto riguarda il MiBAC, la Conferenza Permanente viene vista come importante occasione di crescita, perché strumento che, attraverso l’incontro e la condivisione delle esperienze delle varie amministrazioni, consente sia di valorizzare le realizzazioni che di sciogliere le criticità di ciascuna Amministrazione.

Leggi tutto