Cerca: Riforma PA, Efficienza, controllo qualità

5 risultati

Risultati

Esperienza del Comune di Segrate – Approccio alla ISO 27001

Alessandro Pozzoli racconta l’esperienza del Comune di Segrate e l’approccio avuto nella realizzazione del Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni. L’esigenza di un SGSI è nata dal crescente utilizzo delle nuove tecnologie ma anche dall’aumento dei rischi a cui i vari sistemi sono sottoposti. Il processo ha avuto inizio nel 2004 e, dopo la certificazione avvenuta nel 2005, il Comune è stato sottoposto a controlli per il mantenimento della certificazione.

I percorsi di qualità delle amministrazioni centrali e locali

Se è vero, afferma Lattanzio, che una verifica e una misurazione oggettiva da parte dell’esterno è opportuna se non indispensabile, è altrettanto fondamentale un’automisurazione dall’interno che sappia riscontrare a pieno le criticità dei processi per adottare, successivamente, i miglioramenti nel sistema. È importante che questa logica venga raccolta anche all’interno delle PA in modo tale da non ricorrere ad operazioni spot di incarichi esterni spesso costosi che, con tecniche di sondaggio svolte una tantum, rilevi questi aspetti.

Verso il percorso della qualità: il caso INPS

I concetti di qualità e costi, sostiene Marchi, sono tra loro inscindibili, in quanto occorre fare qualità a costi contenuti e quindi, associare tecniche di misurazione della qualità con tecniche di miglioramento e riduzione dei costi gestionali. Per attuare realmente un percorso di qualità certificabile anche dall’esterno occorre una coerenza tra la gestione delle politiche con le strategie, una ridefinizione dei processi ed un miglioramento giorno per giorno, che passa attraverso una formazione operativa e la creazione di sistemi di autodiagnosi e di valutazione.

I procedimenti di qualità nella Provincia di Roma

Trevisani racconta l’esperienza della Provincia di Roma nell’implementazione di un sistema interno ed autonomo di governo e di gestione di rilevazione della qualità, con l’obiettivo di creare un processo autosufficiente e permanente nel tempo, senza costi aggiuntivi e indipendente dalla necessità di commissionare sondaggi all’esterno. Un altro approccio utilizzato è stato il radicamento della qualità all’interno del PEG, con azioni di comunicazione, acquisizione di software e istituzione di numeri verdi.

Leggi tutto

Verso il percorso della qualità: il caso INPS

Per realizzare un percorso di qualità di un processo produttivo, Scopetani identifica 3 momenti operativi: il ridisegno dei processi operativi, attraverso la definizione di modelli standard ottimizzati su obiettivi e la definizione di indicatori del processo produttivo, e successivamente un’autodiagnosi che faccia emergere le eventuali criticità per poter attuare una ridefinizione di miglioramenti condivisi. Il collegamento tra Audit e qualità si riassume quindi nella creazione di valore assicurando il rispetto delle regole e stimolando il miglioramento.