Cerca: Riforma PA, Accountability, smart city

9 risultati

Risultati

Intervento di Gianni Dominici al convegno "ICity Rate 2014: uno strumento per la gestione delle città"

“Se non conosci una città è impossibile governarla” diceva Bloomberg. Ci troviamo di fronte a fenomeni articolati, complessi e apparentemente frammentati: il territorio è una realtà complessa da interpretare, diventa quindi fondamentale l’informazione, affinché diventi conoscenza e quindi decisione. ICity Rate nasce in questo contesto per dare alla città uno strumento di lettura.

Istatopoli, vincitore #Censimenti Data Challenge - contest Istat

Istatopoli è una sorta di città immaginaria che rappresenta l’esito di un questionario sottoposto a dei cittadini: considerando gli ambiti della sanità, della cultura e dell’istruzione, della gestione dell’acqua e dei rifiuti, in che percentuale li affiderebbero al settore pubblico o al no profit?

Intervento di Gerardo Paloschi

L’ingresso del mondo delle utily nel sistema smart city è quanto mai opportuno, in un momento in cui reti nuove e reti tradizionali di fornitura si stanno combinando e integrando. Ne è testimonianza stessa la presenza delle realtà qui rappresentate. Federutility ha sperimentato tecnologie a banda larga con ampia soddisfazione da parte di chi l’ha applicata e con open service la creazione di un terzo servizio partendo da due banche dati differenti.

Intervento di Andrea Sammarco

Una città intelligente deve sapersi rivolgere ai cittadini ma anche saper cogliere il valore che le imprese portano alla vita della città. Tra la verità delle statistiche e l’apparente estreneità delle politiche locali negli investimenti, sembra che il ruolo delle città sia marginalizzato: in realtà le molte basi informative mostrano come il mondo dell’economia stia tornando nelle aree urbane, facendole diventare strategiche per la competitività e la nuova occupazione.

Intervento di Vittorio Alvino

L’Osservatorio Smart City di ANCI è interessata a capire come le percezioni delle amministrazioni cittadine possono dirigere le politiche smart: la piattaforma su cui stiamo lavorando ha diversi percorsi: aiutare il lavoro di AgID costruendo un primo catalogo di città intelligenti, costruire uno strumento di confronto sul posizionamento delle città italiane rispetto allo scenario europeo, costruire uno strumento per il riuso dei buoni esempi, pubblicare gli atti amministrativi Una città difficilmente può definirsi intelligente se non è apert

Leggi tutto

Intervento di Paolo Testa

L’Osservatorio Smart City di ANCI è interessata a capire come le percezioni delle amministrazioni cittadine possono dirigere le politiche smart: la piattaforma su cui stiamo lavorando ha diversi percorsi: aiutare il lavoro di AgID costruendo un primo catalogo di città intelligenti, costruire uno strumento di confronto sul posizionamento delle città italiane rispetto allo scenario europeo, costruire uno strumento per il riuso dei buoni esempi, pubblicare gli atti amministrativi che hanno consentito l’attuazione dei progetti.

Intervento di Saverio Gazzelloni

Gli indici di misurazione del territorio, di fronte alle sfide operative, pongo questioni su tutti i livelli geografici oggetto di tavoli di discussione a livello internazionale, nazionale e locale. L’ISTAT al passo con i tempi è coinvolta in questi processi trasversali in cui la disarticolazione concettuale e strategica diventa centrale: serve quindi una modalità di comunicazione variabile, a seconda della scala considerata.

Progetto MPB approach. Metropolitan&Public Backup

Metropolitan Public Backup nasce dalla constatazione che le informazioni sono importanti per leggere i mutamenti in corso, con l’intento di rimpere uno schema di pianificazione urbanistica legato agli standard che mettono in relazione i servizi con la densità abitativa e alla zonizzazione.

Intervento di Daniele Fichera

La classifica delle città intelligenti è il passaggio finale di un rapporto analitico con dei dati settoriali, collegati ad una piattaforma che ne permette una costante rielaborazione. Cosa significa misurare una città? Un’agenzia americana ha contato 150 grandi istituzioni che producono graduatorie con indicatori qualitativi e quantitativi: un campo in espansione e un’attenzione crescente in una fase particolare dei processi di sviluppo. Misurare le performance permettere di scegliere e orientare i migliori approcci. Ecco come funziona ICity Rate.