Cerca: competitività

Risultati 31 - 40 di 126

Risultati

Distretti tecnologici: l'esperienza della regione Campania

La creazione di Distretti Tecnologici in Italia è una risposta possibile per incrementare l’innovazione, avviando strutture che abbiano l’obiettivo di creare a livello regionale un sistema sinergico di sviluppo puntando sulla vocazione tecnologica specifica. La Regione Campania ha scelto la tecnologia relativa all’ingegneria dei materiali polimerici e compositi per le potenzialità che la caratterizzano, per le competenze scientifiche attive, per gli interessi industriali evidenziate.Leggi tutto

Innovazione e competitività: il programma “Partnership for growth”

In cosa consiste, quali obiettivi si pone e quali attività ha già portato avanti “Partnership for growth”, l'iniziativa lanciata circa due anni fa dall'Ambasciatore statunitense in Italia, Ronald Spogli: questo il contenuto della relazione, che esamina questo programma avviato per incentivare la collaborazione tra diversi interlocutori con l’obiettivo di rilanciare il dinamismo economico in Italia.Leggi tutto

Innovazione e competitività: il punto di vista dell’imprenditore

La relazione fa una panoramica sui fattori che bloccano innovazione, sviluppo e competitività nel nostro Paese, guardandoli dal punto di vista dell’imprenditore e volgendo lo sguardo soprattutto allo scenario internazionale. Il sistema delle imprese ha bisogno di regole certe e di un contesto competitivo. La burocrazia, il costo del lavoro e il sistema legislativo sono individuati, ad esempio, come i principali motivi della scarsa attrazione esercitata dall’Italia sui manager delle grandi multinazionali.Leggi tutto

Conclusioni

L’analisi del distretto, in relazione alla Pubblica Amministrazione, evidenzia le attività che possono mettersi in atto per sostenere il processo di crescita di competitività degli attori e il livello di qualità dell’offerta. Uno dei punti deboli sui quali lavorare è sicuramente la trasformazione delle competenze in operazioni di business che facciano crescere le imprese, ma soprattutto ciò che si deve fare è spingere la qualità del cambiamento creando valore.

Innovazione e ricerca si fondono col territorio

Il concetto di innovazione è sempre stato legato alla capacità di unire scienza e tecnologia per fornire direttamente prodotti e processi fruibili dal mercato, adesso è in atto un cambiamento di tale paradigma che porta alla necessità di passare attraverso un discorso di reti aperte e piattaforme condivise, elemento fondamentale e trasversale a tutti i comparti produttivi del nostro Paese.Leggi tutto

L’iniziativa “Reti di Competenza” in Germania

L’intervento fornisce una panoramica sull’iniziativa tedesca per le reti di competenza. Nata sotto gli auspici del Ministero dell’Economia e della Tecnologia Federale, raccoglie e sostiene 116 reti regionali/cluster tra le migliori a livello nazionale, tale da essere definita il “club delle reti dell’innovazione” più competitive in Germania. Un’attenta analisi della struttura porta alla definizione dei criteri fondamentali da soddisfare per poter mettere in atto tale iniziativa.

Leggi tutto

SCS, a world-class competitiveness cluster in Provence-Alpes-Côte d’Azur (France)

Boisard offre una panoramica delle metodologie adottate dalla Francia per favorire l’innovazione. Il polo di competitività SCS è solo uno dei 60 esistenti, che mostrano la nuova politica adottata dal Paese negli ultimi 2 anni. L’attività del polo è quella di promuovere l’innovazione con un approccio project oriented, volto a sviluppare nuove tecnologie incoraggiando l’attuazione di progetti innovativi. L’area geografica di riferimento è il sud della Francia, nello specifico la Provincia Costa Azzurra di Provenza.Leggi tutto

Innovazione e competitività: la sfida delle telecomunicazioni

Per rimanere agganciato ai trend di sviluppo a livello mondiale, il nostro Paese deve innanzitutto risolvere le difficoltà in termini di burocratizzazione dei processi di investimento che ha di fronte da tempo. Sono molte le sfide che si dovranno affrontare per sostenere la competitività, sfide più serie di quanto oggi si possa immaginare, e uno dei settori maggiormente in gioco è quello delle telecomunicazioni.

Leggi tutto

Caratteristiche del 7° programma quadro: il caso della ricerca applicata al settore delle nanotecnologie

Il 7° programma quadro ha una struttura multi-annuale, meccanismi e regole di partecipazione ben precisi e risorse finanziarie realmente disponibili per cinquanta miliardi di euro. Il programma è complementare ai programmi nazionali e regionali e ciò fa in modo che, in paesi altamente regionalizzati e con forti autonomie, vi sia la possibilità di portare avanti la ricerca di punta a livello regionale piuttosto che nazionale ed europeo.Leggi tutto

Ricerca ed innovazione: la necessità di programmare il futuro

Per Mario Alì, quando si parla di innovazione nel sistema Paese, l’attenzione deve essere posta sulla crescita qualitativa dell’individuo attraverso la ricerca e la formazione. In passato le maggiori speranze nella globalizzazione erano riposte non tanto sul mercato unico e sullo scambio delle merci, quanto sullo scambio delle conoscenze e delle intelligenze. In Italia ciò non è avvenuto e ci troviamo per questo con una cronica incapacità di programmare il futuro.Leggi tutto