Cerca: Saperi PA, inchiestapa

Risultati 1 - 10 di 16

Risultati

La rete come megafono dell’informazione ignorata

Un intervento a tutto tondo e, a tratti, provocatorio sulla realtà del giornalismo e, in particolare, del giornalismo d’inchiesta in Italia: accesso alla professione, ruolo del giornalista d’inchiesta “tradizionale” (quello che va alla fonte e “consuma le suole delle scarpe”), omogeneizzazione e appiattimento dei giornali che scrivono tutti la stessa cosa, scomparsa dell’informazione locale.Leggi tutto

Giornalismo e web: fine dei giornali di carta?

La carta stampata avrà un ruolo se saprà fare da filtro e cercare di competere con internet non sulla quantità, ma sulla qualità dell’informazione. Federico Ferrazza risponde così all’ormai nota domanda: il web ucciderà i giornali? Il problema sta, quindi, nel dare un taglio diverso ai diversi mezzi di informazione: carta e tv, per esempio, non devono per forza puntare sulla velocità dell’informazione ed è inutile cercare di competere con il web da questo punto di vista.Leggi tutto

L’informazione tra vecchi e nuovi media: trasformazioni e opportunità

Nell’era di internet e del web 2.0 come cambia il giornalismo e, in particolare, il giornalismo d'inchiesta?Leggi tutto

Quale futuro per il giornalismo d’inchiesta in Italia?

Il giornalismo dovrebbe servire a "mettere il sale sulla coda di chi comanda, esercitare il controllo su chi ha il potere". A ricordarcelo è Paolo Mondani, giornalista di Report, che a questo proposito lancia una provocazione: è possibile assistere senza dire nulla al fatto che l'inchiesta giornalistica sparisca dai quotidiani e dalla televisione? Un problema che oggi esiste: né Rai né Mediaset stanno costruendo giornalisti d'inchiesta e quelli che ci sono stanno invecchiando; ci sono soggetti nuovi, come Current Tv, ma le realtà più tradizionali si chiudono rispetto a queste realtà nuove.Leggi tutto

INCHIESTA PA. Ecco i video e gli articoli premiati

Le infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici e il software libero nella PA, le emoticon di Brunetta e le odissee burocratiche di un giorno in pretura, le condizioni sanitarie dei detenuti e internet per evitare le code. Questi i temi dei lavori finalisti del premio INCHIESTA PA che oggi pubblichiamo.
Degli autori, tutti sotto i trent'anni, trovate un breve profilo in ciascuna pagina. 

Leggi tutto

Fuori Dal tempo in un Click - Video terzo classificato del premio INCHIESTA PA

Francesca, una giovane donna inizia una giornata avventurosa tra le insidie burocratiche della pubblica amministrazione. Le sue azioni sono scandite dallo scorrere del tempo fino a quando si rende conto che un semplice click potrebbe cambiarle la vita.
Il video è stato realizzato dai partecipanti al Master in Economia e Gestione della comunicazione e dei media presso la Facoltà di Economia dell'Università Tor Vergata.

 

Leggi tutto

Quanto vale la salute dei detenuti - Articolo terzo classificato Premio INCHIESTA PA

La tutela sanitaria dei 55 mila detenuti nei 205 penitenziari italiani dal primo ottobre è gestita dal Sitema Sanitario Nazionale e non più dal ministero della Giustizia. Per favorire una migliore convivenza si parla di “minima sicurezza” per i detenuti che hanno commesso reati meno gravi. Questo perché nelle nostre carceri mancano 17 mila posti letto e i problemi psicologici e sanitari dovuti alla convivenza impongono una riflessione sul sistema carcerario.

Leggi tutto

La sperimentazione delle emoticon - Video secondo classificato Premio INCHIESTA PA

Il sistema che permette di giudicare il servizio della pubblica amministrazione è in fase sperimentale, a Roma da pochi giorni si può dare un voto al servizio nella sede INPS del Tiburtino. Ecco come i cittadini e i dipendenti hanno accolto l'iniziativa.

Leggi tutto

L’incubo di un giorno in Pretura - Articolo secondo classificato Premio INCHIESTA PA

Una piccola inchiesta sulla lentezza della giustizia, vista con gli occhi di un praticante avvocato nella sua lotta quotidiana contro la burocrazia del tribunale civile di Roma.

Leggi tutto

Liberi Tutti - Video vincitore del Premio INCHIESTA PA

Quasi tutti i dipendenti pubblici oggi per fare il loro lavoro hanno a disposizione un computer. Per utilizzarlo servono tanti programmi e i programmi costano. Una delle strade che alcune Pubbliche Amministrazioni ultimamente decidono di seguire è quella del Free Software e dellOpen Source: il software libero, gratuito, disponibile a tutti e a costo zero.

Leggi tutto