Cerca: Saperi PA, Intervento, PA digitale, Qualità della vita

Risultati 21 - 30 di 32

Risultati

Le ICT al servizio dell'integrazione

Le tecnologie includono e avvicinano, tanto più quando si assiste ad un’accelerazione della progettazione e dello sviluppo tecnologico. Oggi l’innovazione richiede degli interventi attuali che mettano in sinergia e a sistema i vari attori e le varie iniziative esistenti.

Leggi tutto

Inclusione sociale nella società dell’informazione

La e-inclusion è un importante obiettivo socio-economico degli sviluppi della ICT in Europa, il suo focus è la partecipazione di tutti gli individui e le comunità in tutti gli aspetti della società dell’informazione. Le politiche di e-inclusion, perciò, mirano a ridurre le differenze nell’uso dell’ICT e a promuovere il suo uso per abbattere l’esclusione e migliorare la situazione economica, le opportunità di lavoro, la qualità della vita, la partecipazione e la coesione sociale.

Leggi tutto

La struttura informatica del Comune della Spezia. La rete a servizio dei cittadini

Il dirigente della struttura informatica del Comune della Spezia presenta l’esperienza di SpeziaNet Rete Civica accessibile. Il Comune si è cimentato in questa sfida dell’innovazione avviando da alcuni anni un percorso di modernizzazione per rendere più trasparenti, efficaci ed efficienti i servizi, anche grazie all’aiuto della semplificazione delle procedure e di un piano per l’innovazione. Il rinnovo della rete civica è stato l’occasione per attivare un innovativo percorso di verifica pratica di accessibilità e usabilità.

Leggi tutto

L'iniziativa europea e-Inclusion

La presentazione verterà sulla considerazione degli investimenti per l'inclusione digitale come delle opportunità economiche e non più come un costo sociale. Sarà dato rilievo all'iniziativa europea sulla e-Inclusion nei diversi aspetti di coordinamento delle azioni a livello comunitario, di ricerca e di innovazione.

Le tecnologie wireless a larga banda per superare il Digital Divide

Paolo Massafra porta l’esperienza Cisco nell’ambito delle reti wireless per le coperture metropolitane, parlando delle sfide e delle opportunità che l’Azienda ha saputo cogliere e delle prospettive future. Il settore è estremamente dinamico perchè, da un lato le tecnologie evolvono e riescono a dare risposte concrete ai problemi di business delle aziende e delle amministrazioni locali, dall’altro gli amministratori pubblici riescono a comprenderne i vantaggi.

Leggi tutto

Città cablate: l'esperienza Torino

Per Marco Mezzalama le tecnologie wireless vanno lette come un nuovo paradigma per facilitare il diritto alla conoscenza, al lavoro e lo sviluppo sostenibile. Nell’analizzare l’esperienza di Torino, emergono quattro aspetti rilevanti. Innanzitutto, il settore ha una dinamica tecnologica molto forte che richiede particolare attenzione negli investimenti da parte dei politici. Il secondo punto riguarda l’aspetto sociale e la sfida della riduzione del digital divide. In terzo luogo la banda larga può rendere maggiormente fruibili alcuni servizi da parte dei cittadini.

Leggi tutto

Insieme in biblioteca

Progetto sperimentale per l'adeguamento dei servizi delle biblioteche alle esigenze degli utenti diversamente abili attraverso l'utilizzo di adeguati supporti hardware e software.

Nuove Tecnologie e disabilità

Creazione del Centro di Supporto ''Nuove Tecnologie e Disabilità'' per l'attuazione di piani individualizzati per l'apprendimento e l'autonomia potenziati dall'uso di tecnologie compensative per il 60% delle persone disabili frequentanti le scuole della provincia.

Easy walk Piemonte

Tecnologia innovativa per offrire agli ipo-vedenti e ai non-vedenti un servizio sul cellulare per chiedere assistenza e muoversi con facilità su tutto il territorio sia piemontese che nazionale.

Il Veneto verso i cittadini - Sperimentazione dell'erogazione di servizi di E-Government sulla piattaforma digitale terrestre per la Sanità

Il progetto ha l'obbiettivo di offrire il nuovo canale digitale terrestre per la visualizzazione dei risultati degli esami ad un campione di utenti appartenenti alle fasce deboli in regime di assistenza domiciliare, ''svantaggiati'' nell'utilizzo delle nuove tecnologie informatiche quali Internet o impossibilitati a recarsi di persona agli sportelli territoriali.