Cerca: Saperi PA, Intervento, Merito, innovazione ed efficienza, Efficienza

Risultati 61 - 70 di 162

Risultati

Intervento al convegno "Il ruolo del CNEL nella valutazione dei servizi a imprese e cittadini":il tema della qualità del lavoro

Le parti sociali presenti al CNEL rappresentano da una parte i fruitori dei servizi ( le imprese e i cittadini ) e dall'altra i soggetti che per la loro attività fuori o dentro il CNEL sono in grado di ragionare sul tema dei livelli e della qualità dei servizi erogati dalle amministrazioni centrali e locali a imprese e cittadini. Intorno al tema della qualità si può provare a far svolgere al CNEL il ruolo di "casa delle parti sociali".

Leggi tutto

Intervento al convegno "Il ruolo del CNEL nella valutazione dei servizi a imprese e cittadini":il punto di vista del sistema imprenditoriale

Elio Ciaccia  parla di come il sistema imprenditoriale vede le tematiche riguardanti la valutazione dei servizi pubblici per le imprese e i cittadini.Gli operatori economici partono da un atteggiamento di poca fiducia nei confronti della P.A., il sistema fiscale e la burocrazia rappresentano i due problemi principali.

Nel ricordare cosa ha fatto il CNEL in proposito negli ultimi anni, Ciaccia sottolinea proprio l'atteggiamento costante del Consiglio per far si che la P.A. sia uno dei motori principali dello sviluppo del Paese.

Intervento al convegno "Il ruolo del CNEL nella valutazione dei servizi a imprese e cittadini"

Giuseppe Acocella sottolinea l'impegno che il CNEL ha posto nell'affrontare l'indicazione giuntagli dalla L.15 del 2009 in materia di valutazione dei servizi pubblici a imprese e cittadini. L'art. 9 della L.15 assegna al CNEL un ulteriore ruolo rispetto a quello assegnatole precedentemente: redigere una relazione annuale al Parlamento e al Governo sui livelli e la qualità dei servizi erogati.

Leggi tutto

Accesso alla PA è possibile un modello federale?

E' possibile pensare all'accesso alla Pubblica Amministrazione in ottica federale? Il federalismo per la sua sostanza strategica offre strumenti affinchè il futuro di un Paese possa essere più moderno.

Il progetto "Vinca il migliore" è un progetto innovativo, di cui l'Abbruzzo rappresenta la Regione capofila. Si basa su una convenzione unitaria e nasce, a seguito dell'esperienza del corso-concorso Ripam e del Comune di Napoli, dall'idea di una programmazione unitaria di concorsi pubblici gestiti da una Commissione Interministeriale.

Leggi tutto

Intervento all'intervista di Stefano Rolando al convegno " Non sprecare la crisi. La PA come management"

La responsabilità rispetto al ruolo e ala consapevolezza di essere classe dirigente è importante secondo Michele Camisasca. Nella P.A. ci sono le condizioni per essere classe dirigente con tutte le responsabilità del caso ma è necessario conquistare gli spazi giusti. Parla anche della responsabilità rispetto alla crisi: da come si fanno funzionare le macchine amministrative si può cambiare la possibilità di sopravvivere alla crisi.

Leggi tutto

Fonti e conseguenze giuridiche della nuova responsabilizzazione del dirigente pubblico

Comparando il D.lgs. 150/09 con gli ultimi vent’anni di produzione legislativa per la riforma della PA, Simonetta Pasqua analizza nel dettaglio le fonti normative della nuove funzioni disciplinari e dirigenziali introdotte dalla riforma Brunetta, si focalizza sulla nuova configurazione della responsabilità disciplinare del dirigente, e analizza la questione dell’obbligatorietà dell’esercizio dell’azione disciplinare mettendola in relazione con i processi di valutazione del personale.

L’apprendimento organizzativo al centro della riforma della PA

A partire dalla propria esperienza di ricerca sul  funzionamento degli uffici giudiziari, Luca Verzelloni propone una riflessione in chiave “sociologica” sulla riforma in atto. Tra le molteplici sfide legate all’obiettivo di modernizzare e “ringiovanire” la PA e il suo personale, Verzelloni sottolinea quella legata agli aspetti organizzativi  e culturali. “Oggi - spiega - c’è il rischio di perdere importanti competenze, semplificando eccessivamente i bisogni dell’organizzazione dietro nuovi slogan. C'è necessità di istituire molteplici occasioni di apprendimento organizzativo”.

Il nuovo dirigente pubblico: un responsabile datore di lavoro

Carlo Deodato anima il convegno sulla dirigenza pubblica presentando i passaggi chiave della riforma Brunetta dedicati alla responsabilizzazione del dirigente per l’esercizio puntuale ed efficiente dei suoi poteri di governo del personale. Il mancato esercizio di questi poteri viene individuato infatti dallo staff del Ministero come uno dei fattori critici della scarsa produttività del lavoro pubblico; una criticità risolvibile solo con una riforma in senso meritocratico.

Selezionare sulla base dei meriti e delle qualità, il progetto "Vinca il Migliore"

Per migliorare e rinnovare la PA bisogna migliorare la qualità media delle persone che lavorano nel settore pubblico. Per riuscire a fare questo gli enti pubblici devono selezionare le professioni chiave per il futuro della propria organizzazione e attrarre le persone giuste che si "autoselezionano ex ante" e che ambiscono a lavorare nel settore pubblico.

Leggi tutto

"La riforma della PA si confronta con i giovani". Intervento di apertura

Se da un lato “c’è ancora molto da fare per convincere i giovani che la PA sia una cosa interessante”, dall’altro “lavorare nella PA può rappresentare, per gli stessi giovani, una importante sfida di crescita". Così Sandro Mameli introduce il convegno “La riforma della PA si confronta con i giovani”.