Cerca: Saperi PA, Intervento, qualità del servizio

Risultati 61 - 70 di 93

Risultati

Il Car Sharing in pratica: l’esperienza di un’azienda di gestione del servizio. Il Car Sharing a Torino

Flaminio Orazzini presenta l’esperienza del Car Sharing a Torino disegnando lo scenario in cui si sviluppa l’iniziativa e indicando gli obiettivi e i vantaggi offerti sia in termini di mobilità (riduzione numero veicoli circolanti) che in termini economici, ambientali e di versatilità per il suo utilizzo. Orazzini spiega come funziona il servizio di car sharing e le strutture a supporto (parcheggi, punti informazione ecc…). Particolare attenzione viene data agli accordi e alle iniziative intraprese con il trasporto pubblico per facilitare l’utilizzo del car sharing.Leggi tutto

Come si innesta la funzione di audit in una realtà come quella dell'Inail?

Stefania Di Pietro interviene nell’ambito della tavola rotonda interessata a conoscere quale sia la funzione organizzativa più idonea per lo start up della funzione di audit in una realtà come quella dell’Inail. Domanda inoltre se non sia preferibile creare una struttura ex novo, e in questo caso quali siano le professionalità da prevedere e come queste integrino la funzione di controllo preventiva con quella ex post.Leggi tutto

Il CAF 2006:caratteristiche del modello e novità della nuova versione

Giancarlo Vecchi presenta il CAF 2006 che, pur non modificando i 9 principi fondamentali del modello base, pone maggiore enfasi sui temi della modernizzazione e dell’innovazione, fornisce una guida più approfondita all’interpretazione dei singoli criteri e introduce una nuova modalità di attribuzione dei punteggi.Leggi tutto

Le iniziative del “Piano Nazionale per la qualità” a supporto delle amministrazioni e dei territori per la diffusione del CAF e delle pratiche di miglioramento continuo

Claudia Migliore spiega le tre linee d’azione sul CAF proposte dalla direttiva, ovvero la promozione, la diffusione e il sostegno alle pubbliche amministrazioni nell’utilizzo del CAF come strumento di autovalutazione e come leva per la pianificazione del miglioramento; il ricorso alla validazione esterna dei risultati, favorendo il diffondersi di scambi e prassi di valutazione fra pari (peer evaluation) e l’introduzione di nuovi meccanismi di riconoscimento esterno dei traguardi di eccellenza raggiunti dalle amministrazioni attraverso l’attuazione di piani di miglioramento continuo unitamente Leggi tutto

Introduzione al convegno. IMQ per la sicurezza

Lorenzo Pedrazzoli introduce il convegno “Importanza dell’applicazione dei Sistemi di Gestione della Sicurezza nella Pubblica Amministrazione” sulla sicurezza dei sistemi informatici per la salvaguardia del patrimonio contenutistico di ogni azienda con uno sguardo particolare a ciò che avviene all’interno della PA. Pedrazzoli presenta inoltre la società IMQ, la sua attività, i servizi, i prodotti realizzati e la sua mission.

Il sistema di valutazione dell'Agenzia delle Entrate

Massimo Romano porta l’esempio dell’Agenzia delle Entrate, un organismo fortemente responsabilizzato secondo lo schema delle agenzie anglosassoni “principal/agent” e che porta, attraverso un sistema di negoziazione periodica ad un concreto e continuo miglioramento dei risultati. L’Agenzia opera la misurazione delle performance grazie ad indicatori di risultato e su tre livelli: i sistemi Sirio e Antares per la valutazione delle prestazioni individuali, il controllo di gestione della qualità e la misurazione della qualità dei servizi.Leggi tutto

Sistema di gestione della sicurezza delle informazioni. La certificazione come opportunità per migliorare i servizi pubblici

Giovanni Colnago affronta il tema della certificazione nell’ambito della sicurezza dei dati e delle informazioni sia dal punto di vista normativo che tecnico ovvero delle procedure. Certificare un sistema vuol dire renderlo sicuro assicurando continuità e disponibilità costante delle informazioni. Parte dell’intervento è dedicata alla certificazione all’interno delle Amministrazioni Pubbliche.

L’adozione del CAF nel Circolo didattico di Conselve

Caterina Pasqualin descrive il percorso compiuto dal Circolo didattico di Conselve, all’interno del quale l’adozione del modello EFQM CAF ha permesso la definizione di importanti procedure del servizio centrale e dei servizi di supporto, la mappatura dei processi e delle connessioni, il monitoraggio dei servizi e delle attività e il riesame della direzione.Leggi tutto

La malattia di Alzheimer. Disagi e ritardi del SSN

Patrizia Spadin racconta la malattia di Alzheimer e i disagi a cui sono sottoposti malati e familiari a causa delle notevoli mancanze e ritardi da parte del Sistema sanitario nazionale, incapace di offrire strutture e mezzi idonei per il sostentamento delle persone affette dal morbo e, conseguentemente, anche delle loro famiglie, costrette a prendersi cura dei loro malati.

IL CAF: una sfida per il Comune di Trento

Applicare il CAF nel Comune di Trento, spiega Chiara Morandini, è stata una vera e propria sfida. In primo luogo, perché Trento si trova in un contesto di provincia autonoma e le sue competenze sono quindi definite dalla legislazione provinciale. Inoltre, a differenza della scuola o dell’Agenzia delle Dogane che hanno una mission di settore, il Comune gestisce una molteplicità di servizi e ha numerosi stakeholders interni, senza contare che il livello dei servizi offerti era già piuttosto buono.Leggi tutto