Cerca: Saperi PA, Economia, Atti FORUM PA 2007, cooperazione tra enti

Risultati 1 - 10 di 17

Risultati

Una forte cooperazione interistituzionale per politiche migliori per i giovani

Palmiro Ucchielli incentra il suo intervento principalmente sull’importanza di una cooperazione interistituzionale per implementare politiche per i giovani che siano ad ampio respiro e che tocchino tutti i settori di maggiore interesse per la crescita di un individuo (lavoro, scuola, sport, politica). Inoltre un’attenzione particolare richiede il rapporto dei giovani con l’Europa e la necessità di formare gli stessi affinché siano testimoni di una nuova classe dirigente.

L’esperienza di Golfo Amico

Il Presidente del GAL Alba, Gaetano Mitidieri, ci parla dell’esperienza ‘Golfo Amico’, nata dalla collaborazione con Enea e le tre province di Potenza, Cosenza e Salerno già nel 2003. Questi territori di confine, infatti, presentano una evidente affinità di caratteristiche e problematiche, trovandosi in un’area di grande interesse naturale e paesaggistico dove, tuttavia, il processo di crescita dell’apparato produttivo è relativamente debole.Leggi tutto

La stesura del Codice dei contratti pubblici

Le fasi della prima stesura del Codice dei contratti pubblici sono state molto travagliate, sostiene il Presidente del Tar del Lazio, Pasquale De Lise, perché la materia delle commesse pubbliche, non solo quelle infrastrutturali ma anche quelle relative alla fornitura di servizi, è estremamente importante ed è toccata da tutte le trasformazioni che sul piano sociale, economico, giuridico e istituzionale attraversano oggi il nostro ordinamento.Leggi tutto

Nuovi strumenti di back office: il ‘Luogo Virtuale e Gestione delle Idee’

Enrico Bollini presenta il ‘Luogo Virtuale e Gestione delle Idee’, uno strumento di back office dedicato agli enti pubblici e privati che si occupano di internazionalizzazione. Per realizzare progetti più ricchi di contenuti, capaci di coinvolgere il maggior numero di imprese, è necessario mettere insieme le risorse e le capacità di tutti gli enti con il rischio, tuttavia, che diventi difficile orientarsi nella molteplicità di informazioni fruibile.Leggi tutto

La foresta: una risorsa ambientale ed economica

Francesco Vaccaio ribadisce la necessità di considerare le variazioni climatiche come elemento fondamentale per la definizione di corrette politiche di gestione del territorio. Propone di operare scelte funzionali alle necessità del paese facendosi guidare dalla ricerca e sviluppando nuovi campi di ricerca. Sottolinea che il ruolo delle foreste è centrale per la depurazione delle acque fognarie, il trattamento dei rifiuti e il depuramento dell’aria.Leggi tutto

L'esperienza della Rai a servizio della cultura. La collaborazione con le Regioni.

Renato Parascandolo racconta l’esperienza della Rai in Campania con la creazione di un portale che raccoglie informazioni, eventi e tutte le attività correlate alla conoscenza e divulgazione dei beni e delle attività culturali nella Regione. Il portale, realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Ricerca Scientifica e sistemi informativi della Regione Campania, rappresenta un punto di riferimento per tutte le strutture coinvolte, per le scuole e università ecc….Leggi tutto

La programmazione per lo sviluppo del Mezzogiorno: dal QCS 2000-2006 al QSN 2007-2013

Morena Diazzi sottolinea la progressiva omogeneizzazione dei rapporti di stesura della programmazione all’interno delle politiche regionali. Descrive lo stato dell’arte delle attività produttive dell’Emilia Romagna, sottolineando gli investimenti in formazione. Illustra le articolazioni del P.O.R emiliano. Rimarca il ruolo delle alleanze tra la regioni per aumentare la competitività del settore della ricerca scientifica sul mercato europeo.

Coinvolgimento di autori e attuatori delle politiche di programmazione: il caso della Calabria

Giovanni Soda sottolinea la necessità di coinvolgere gli autori e gli attuatori delle politiche di programmazione per la responsabilizzazione di tutti gli attori della filiera istituzionale. Porta la testimonianza di un partenariato istituzionale in Calabria per la costruzione dei P.O.R sui fondi strutturali. Parla dei volumi di esportazione che si realizzano in Calabria per evidenziare la bassissima competitività della regione. Sottolinea alcune delle criticità della programmazione 2000-2006.

Il Quadro Comunitario di Sostegno e il Quadro Strategico Nazionale a confronto

Dolores Deidda legge una discontinuità tra il QCS (Quadro Comunitario di Sostegno) 2000-2006 e il QSN (Quadro Strategico Nazionale) 2007-2013 e sottolinea i miglioramenti apportati dal QSN. Aggiunge che una delle lezioni apprese è la consapevolezza che i policy maker hanno della necessità di responsabilizzare la catena istituzionale a tutti i livelli. L’azione pubblica deve far sì che le differenziazioni locali trovino situazioni coerenti con gli obiettivi generali.Leggi tutto

Il ruolo della Regione Lazio: investimenti e ricerca

Raffaele Ranucci presenta il punto di vista della Regione Lazio indicando la ricerca come uno strumento di risparmio reale per la sanità e per la spesa sanitaria. L’intervento verte in particolar modo su alcuni progetti realizzati o in fase di realizzazione grazie al co-finanziamento della Regione e alla collaborazione con altri Enti (vedi il progetto Free Electrical Laser in collaborazione con Miur, Cnr, Infn ed Enea).