Cerca: Saperi PA, PA digitale, Sviluppo e Competitività, open data

Risultati 1 - 10 di 40

Risultati

Si fa presto a dire engagement ... lavori in corso #OpenDataLazio #FPA2015

Il punto degli open data è: chi li usa? Per fare cosa? E soprattutto: chi non li usa, perché non lo fa? I dati della Regione Lazio, come quella di tante altre realtà sono sempre più aperti, per numero e tipologia di dati resi disponibili dalle amministrazioni. Come si può lavorare per stimolare l'engagement ovvero il coinvolgimento di tutto il territorio e dei suoi attori nella valorizzazione del patrimonio informativo pubblico?

Leggi tutto

Dati.lazio.it: navighiamo OpenSpesa

Spesso un portale open data rischia di essere accessibile solo agli addetti ai lavori. Per facilitare l'accesso ai dati da parte di tutti, il portale degli Open Data della Regione Lazio, dati.lazio.it, prevede la pubblicazione di tre app verticali OpenSpesa, OpenProgetti e OpenSanità pensate e realizzate per rendere immediatamente comprensibili i dati di spesa, dei progetti e della pubblicati. Simone Ursini e Guglielmo Celata spiegano come è stata progettata e realizzata OpenSpesa.

 

La qualità dei dati e la loro integrazione

In questa sessione, Domenico Natale illustra come l'attuazione di un modello di qualità dei dati, condiviso tra differenti sistemi, può facilitare l'integrazione delle pubbliche amministrazioni, la diffusione di una cultura inter-amministrativa, il coinvolgimento del cittadino per il miglioramento dei contenuti informativi delle banche dati di rilevanza nazionale.

Tutti gli appuntamenti con Open Data Lazio a #FPA2015

Nell'ambito delle attività di Open Data Lazio, Regione Lazio e LAit S.p.A organizzano una serie di appuntamenti di progetto all'interno della XXVI edizione del FORUM PA, la manifestazione dedicata all'innovazione nella pubblica amministrazione che si tiene dal 26 al 28 maggio presso il Palazzo dei Congressi di Roma.

La partecipazione è gratuita, ma è necessario iscriversi on line.

Leggi tutto

Il riduzionismo normativo e comunicativo che blocca l’innovazione

Tre eventi sugli Open Data degli scorsi giorni, apparentemente slegati tra di loro, mi hanno fatto riflettere sui limiti e le possibilità delle politiche dell'innovazione in Italia. L'immagine che ci viene restituita è quella che conosciamo bene di un paese ricco di energie vitali, con singole eccellenze distribuite a macchia di leopardo, ma che non fa sistema, non ha una visione che lo porta a non reggere i confronti internazionali. Non possiamo continuare a considerare l'innovazione come uno slogan da usare a tempo debito, come la foglia di fico per coprire la vergogna delle nostre inefficienze.

Leggi tutto

Open Data come servizio territoriale: lo scenario Smart Region

Con il diffondersi dell’idea di Open Data – che la cosa pubblica amministrazione metta a disposizione le informazioni che detiene – si va allargando pure l’ambito della sua applicazione. Diventano oggetto di accesso libero non soltanto i dati di una determinata amministrazione comunale, ma i dati di altri enti pubblici oppure dei comuni limitrofi. Ad esempio, Il Patto di Ventimiglia, che riunisce 54 comuni intorno alla città di Palermo con obiettivi di sviluppo condivisi, elenca l’Open Data e servizi Smart Cities tra gli obiettivi del Protocollo d’intesa recentemente firmato. C’è un problema però: chi deve gestire l’Open Data per conto di tutti questi Comuni? Ventimiglia di Sicilia, il Comune promotore dell’iniziativa, conta 2,223 abitanti; deve istallare una infrastruttura Smart City o aprire un portale Open Data tutto suo, così come gli altri 53?

Leggi tutto

#opendatafase2: "Cittadini attivi, amministrazioni attente"

Se dici dati aperti non dici semplicemente trasparenza. Engagement dei cittadini ed empowerment dei dipendenti pubblici sono i due binari su cui viaggia la fase2 degli Open Data. Da una parte è necessario innescare un processo di consapevolezza e valorizzazione del patrimonio informativo pubblico per il miglioramento dei servizi e il decision making che muova dall’interno dell’amministrazione stessa, dall’altra non si può prescindere dal sensibilizzare e coinvolgere i cittadini nella produzione di valore a partire dal dato “liberato”.

Leggi tutto

Dall’Open Data al “data as a service”. Il progetto Homer

Nella catena del valore dovremmo passare dai “Dati pubblici liberi” ai “Dati pubblici utilizzati”. Purtroppo non sempre succede, anzi molto spesso, ci si ferma al solo valore della trasparenza desumibile dalla esposizione dei Dati pubblici sul web che, fra l’altro, dovrebbe avvenire per legge, ma così non è.

Leggi tutto

Connecting Europe Facility: parere favorevole del Parlamento Europeo

Il 26 Febbraio il Parlamento europeo ha approvato un pacchetto di investimenti dell’ammontare di 1 miliardo di euro per supportare progetti digitali pan-europei e reti a banda larga ad alta velocità.

Leggi tutto

ra4open: il contest sui dati aperti del Comune di Ravenna

Il Comune di Ravenna, in concomitanza con l’apertura del portale dell’open data  comunale, lancia il contest ra4open con l’obiettivo di promuovere il riutilizzo dei dataset liberati, incentivando la partecipazione della cittadinanza alla creazione di soluzioni per una città attiva, dinamica, in continuo sviluppo culturale ed economico.

Leggi tutto