Cerca: Saperi PA, Riforma PA, trasparenza

Risultati 1 - 10 di 187

Risultati

Approvate le linee guida per la prevenzione della corruzione nelle partecipate pubbliche

La normativa in materia di anti corruzione coinvolge anche le società a controllo pubblico e tutti gli altri enti partecipati dalle amministrazioni. Il mese scorso l'Autorità Nazionale Anticorruzione ha pubblicato le linee guida che chiariscono gli aspetti della norma e che obbligano - tra le altre cose - le PA ad effettuare un censimento di tutte le loro partecipate. Nell'ambito della collaborazione con lo Studio Legale Lisi presentiamo il punto fatto da Stefano Frontini.

Leggi tutto

Un passo in avanti verso il FOIA, approvato emendamento in Commissione

E' stato approvato ieri (30 giugno) in Commissone Affari Costituzionali un emendamento al DDL delega sul riordino delle amministrazioni pubbliche (Riforma Madia) che sancisce che: "chiunque, indipendentemente dalla titolarità di situazioni giuridicamente rilevanti" debbaa vedersi garantito l'accesso ai dati e ai documenti detenuti dalle Pubbliche amministrazioni, "nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati".

Leggi tutto

Polizia locale, i Comuni che spendono di più

Ogni anno spesi in media €89 pro capite dai grandi Comuni italiani per la polizia locale. In testa Roma, Firenze e Torino (con oltre €100), in fondo alla classifica troviamo Messina, Genova e Verona.

Leggi tutto

Trasparenza per combattere la corruzione: gli italiani ci credono

Per gli italiani la trasparenza può costituire il primo freno alla corruzione: a sostenerlo è l'indagine sulla trasparenza nella Pubblica Amministrazione connessa all’impiego della rete condotta dall’Osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione in partnership con l’istituto IXE’ e presentata a FORUM PA 2015 nel corso di un seminario organizzato da INAIL su “Trasparenza e anticorruzione“.

Leggi tutto

Intervento di Maria Anna Madia al convegno "Dalla trasparenza alla partecipazione civica"

Il Ministro Madia interviene nell'ambito di FORUM PA 2015 ed in particolare in un appuntamento che lei stessa definisce "importante", visto il momento storico che stiamo vivendo, che vede crescere la sfiducia dei cittadini verso la politica.

La politica è spesso accusata di non riuscire ad assumersi le sue responsabilità e per riacquistare credibilità e la fiducia dei cittadini deve credere nella trasparenza, come politica strategica e organica di ogni decisione.

Trasparenza: nel 2015 un FOIA anche per l'Italia?

Il FOIA (Freedom of Information Act) verrà inserito nella riforma della Pubblica amministrazione: lo ha annunciato sabato scorso Anna Ascani, parlamentare del Partito democratico e componente dell’intergruppo Innovazione della Camera, nel corso dell’incontro “Il Freedom of Information Act italiano a portata di mano” al Festival internazionale del giornalismo di Perugia.

Leggi tutto

Una triade perfetta per la trasparenza amministrativa: documenti, fascicoli e procedimenti

Grazie a una copiosa giurisprudenza, ad autorevole dottrina e, soprattutto, a coerente normativa italiana dal 2000 al 2014 in tema di trasparenza amministrativa le amministrazioni pubbliche devono descrivere e mantenere i legami tra documenti, fascicoli e procedimenti. Si tratta, in buona sostanza, di quanto diversi anni fa ho iniziato a chiamare la Regola del conte, su cui torneremo a breve dalle pagine di FORUM PA. Ogni documento, infatti, deve avere un conte-nuto, il quale per essere affidabile deve essere rappresentato in un conte-nitore, il quale per essere compreso appieno deve trovare luogo nel proprio conte-sto. Ciò significa che un documento isolato - cioè non classificato e non fascicolato, quindi decontestualizzato o non contestualizzabile - risulta scarsamente significativo. Anzi, peggio: latore di informazioni parziali. Infatti, per gli scienziati dell’informazione come per il diritto amministrativo, un’informazione parziale è spesso un garbuglio inestricabile.

Leggi tutto

Nasce #RispondiPA per creare conoscenza tramite partecipazione

Ne siamo convinti da molto: una nuova PA, efficiente e in grado di gestire il futuro può solo nascere da un nuovo rapporto, radicalmente diverso, con i diversi attori che costituiscono il contesto delle sue azioni e i destinatari delle sue funzioni: cittadini, famiglie, imprese e gli stessi dipendenti pubblici. Non più semplicemente utenti, pazienti, clienti, fornitori, dipendenti, assistiti, consulenti, consumatori o, peggio, fannulloni e profittatori di una PA da mungere, ma partner di un nuovo modo di intendere l’azione pubblica e il bene comune da gestire e valorizzare insieme. E' su questa base che lanciamo oggi il progetto RispondiPA.

Leggi tutto

Via libera del Consiglio di Stato al diritto di accesso alle email inviate da indirizzi personali

Il Consiglio di Stato, bilanciando le esigenze di tutela della riservatezza dell’autore della comunicazione e la garanzia del diritto alla difesa degli interessi giuridici dell’istante, si è pronunciato sancendo il diritto di accesso anche alle mail inviate da/a indirizzi privati. Una sentenza qui analizzata dal D&L Department dello Studio legale Lisi.

Leggi tutto

Che fine ha fatto la spending review?

Parola magica per almeno due anni, testimone delle nostre conversazioni a cena e dei discorsi in Parlamento e in televisione, la “spending review” scivola lentamente fuori scena, senza rimpianti e senza grandi applausi. Non è la sola, insieme a lei si eclissa la speranza, invero fallace, che tecniche raffinate di analisi della spesa possano portare a risparmi veri e duraturi senza una riforma sostanziale dell’apparato pubblico. Questa constatazione viene rafforzata in questi giorni da due documenti significativi. Il primo è il rapporto “Prospettive della finanza pubblica dopo la legge di stabilità”, approvato la settimana scorsa dalle Sezioni Riunite della Corte dei Conti; il secondo spunto è il libro di Marcello Degni e Paolo De Ioanna “Il vincolo stupido” in cui gli autori intrecciano l’analisi del panorama europeo, con le sue rigidità a volte “stupide”, con quella di una politica italiana che non riesce a ricreare le condizioni per la crescita.

Leggi tutto