Cerca: Saperi PA, Energia e ambiente, Sviluppo e Competitività, Atti FORUM PA 2009, Piani energetici locali

4 risultati

Risultati

Politiche energetiche e ambientali come motore di sviluppo: istruzioni per l’uso

In concomitanza del convegno Enerloc che si tiene annualmente a Sassari, Promo Pa Fondazione individua le buone pratiche che dimostrano la realizzabilità delle politiche della PA locale nel settore energetico. Nel suo Intervento Ioletta Pannocchia cita in particolare tre casi innovativi: il distretto di Babcock Ranch in Florida dove si esiste il progetto di fondare una città che abbia al suo interno la più grande centrale solare esistente.Leggi tutto

L'esperienza della Provincia di Genova nella pianificazione energetica sostenibile

Maria Teresa Zannetti racconta l'esperienza della Provincia di Genova nella pianificazione energetica, attraverso un percorso di partecipazione del territorio, fino ad arrivare alla definizione di un programma di azioni in parte già realizzate.Leggi tutto

L'obiettivo delle Regioni in materia di energie rinnovabili

Per Luciano Calvaresi, le Regioni intendono conseguire, nel prossimo futuro, due risultati in materia di energie rinnovabili: ottenere dal governo le linee guida della legge 387 del 2003, che disciplina l'insediamento di centri di produzione da fonti rinnovabili sul territorio, e rispettare come sistema paese i parametri imposti a livello europeo nel settore (burden sharing). Il relatore passa quindi in rassegna le ciriticità e lo stato dell'arte della produzione di energia dalle diverse fonti rinnovabili.

I cementifici offrono una soluzione al problema dell'approvvigionamento energetico

Paolo Bianchi racconta come le aziende produtttrici di cemento possono offrire soluzioni innovative al problema dell'approvvigionamento energetico. Caso emblematico è l'esperienza portata avanti a Robilante in Provincia di Cuneo, dove il cementificio locale ha stipulato un accordo con l'amministrazione locale per utilizzare i rifiuti indifferenziati come fonte energetica per lo stabilimento. La frazione residua dei rifiuti, infatti, se opportunamente trattata ha un contenuto energetico rilevante che può essere utilizzata nei cementifici in sostituzione dei combustibili fossili naturali.