Cerca: Saperi PA, economia collaborativa

Risultati 21 - 30 di 36

Risultati

Economia collaborativa sbarca a Expo2015: ecco il Documento d’Indirizzo Sharexpo

Il 2 luglio è stato presentato in conferenza stampa presso la Fondazione Eni Enrico Mattei il Documento d’Indirizzo per Sharexpo, il progetto che intende fare di Milano un vero e proprio laboratorio di economia collaborativa, in occasione di Expo2015. Ivana Pais lo aveva annunciato a "Twist and Share", lo scorso 29 maggio a FORUM PA 2014, ora il Documento è pronto ed è stato ufficialmente “consegnato" alla città di Milano.

Leggi tutto

Economia collaborativa in parole chiave. Video da "Twist and Share"

A margine della conferenza "Twist and Share. La PA alla svolta dell'economia collaborativa", organizzata a FORUM PA 2014 in collaborazione con Banca Prossima,  OuiShare Italia, Collaboriamo e Hopen abbiamo raccolto i video commenti di alcuni dei partecipanti. Ciascuno ha scelto una parola chiave (#keyword) per l'economia collaborativa e ha spiegato il perché.

Leggi tutto

Tutti d’accordo: l'economia collaborativa è anche affare della PA. Atti da "Twist and Share" #FPA14

Sono on line i video e gli atti di “Twist and Share. La PA alla svolta dell’economia collaborativa”, conferenza del 29 maggio a FORUM PA 2014.  In sintesi: i fatti richiedono che la PA entri in campo. Nell'entrare in campo, la PA deve tener conto che la nuova economia è alimentata da dinamiche collaborative di natura prevalentemente profit  (533 miliardi di dollari, la stima annua del mercato sharing a livello globale) come da dinamiche di natura prevalentemente non profit; che le une non possono essere ideologicamente forzate nelle altre né possono essere ignorate la contaminazioni e le sperimentazioni intersettoriali che si generano. La parola d'ordine sembra essere "abilitare" la transizione.

Leggi tutto

La Sharing Economy a #FPA14: 10 richieste alla PA. Accetterà la sfida?

Si sono incontrati a FORUM PA 2014, nel corso della terza e conclusiva giornata di lavori, i principali interlocutori della sharing economy. L'occasione è stata il convegno, organizzato in collaborazione con Banca Prossima del Gruppo San Paolo, Collaboriamo, Hopen e OuiShare, dal titolo "Twist and Share. La PA alla svolta dell’economia collaborativa" . L'obiettivo? Fotografare il fenomeno e impegnare il sistema pubblico a prendere il suo posto, governando e accelerando la diffusione di forme di economia collaborativa dagli impatti positivi per le comunità.

Leggi tutto

Banca Prossima: un esempio di rivoluzione organizzativa

Marco Morganti, nel dibattito sul tema "Rivoluzionare l'organizzazione", racconta i processi di riorganizzazione interna di una banca dalla mission "speciale". Banca Prossima, di cui è amministratore delegato, è infatti la banca del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata al non profit laico e religioso.

Sharing economy in città: spunti dall'amministrazione comunale di Bologna

Michele D'Alena, partecipando al panel di discussione "Collaborare in città e nei territori" riporta il punto di vista di un'amministrazione impegnata e attiva sulla prospettiva dello sharing. "Oltre alle opportunità - sostiene -  ci sono da considerare le criticità interne alla PA, su cui è necessario lavorare".

Economia collaborativa: oltre le parole, nuovo modello di sviluppo

Simone Cicero introduce il modello dell'economia collaborativa, raccontando le esperienze e i movimenti che si stanno rapidamente diffondendo in Italia e nel resto del mondo.

Rivoluzionare l'organizzazione in chiave collaborativa

Simone Cicero apre il panel dedicato ai nuovi assetti organizzativi nell'era della condivisione.

La PA alla svolta dell’economia collaborativa

Perché l'economia collaborativa è un tema centrale a FORUM PA 2014? Gianni Dominici, direttore generale FORUM PA, apre i lavori introducendo le aree di intervento della PA nelle pratiche emergenti della sharing economy.

I beni comuni al centro dell'economia collaborativa

Christian Iaione, direttore Labsus - Laboratorio della Sussidiarietà propone una riflessione su cosa è richiesto allo stato nel nuovo scenario disegnato dalle dinamiche sociali, economiche e civiche in atto.  Al centro ci sono i cittadini attivi, con le loro competenze ed energie che chiedono nuovo spazio e nuove regole di collaborazione con la PA.  In questa prospettiva il Regolamento comunale sull'amministrazione condivisa per la cura dei beni comuni, recentemente adottato a Bologna, può essere un importante punto di partenza.