Cerca: Saperi PA, Caso, smart city

3 risultati

Risultati

Trento: una Smart City in continuità tra passato e futuro

Alcuni mesi fa la città di Trento è stata selezionata dal IEEE per trasformarsi in un laboratorio internazionale di smartness urbana. Il capoluogo trentino, insieme alla città messicana di Guadalajara e a quella cinese di Wuxi, parteciperà al progetto che punta a renderla un riferimento a livello globale per soluzioni intelligenti a servizio della Smart City. Il percorso è già iniziato e nei giorni 10 e 11 dicembre la città ospiterà un workshop tecnico-scientifico co-organizzato dal Comune, Trento RISE, Università di Trento e la Sezione Italia della IEEE sui temi cruciali per lo sviluppo territoriale che si svolgerà a Trento.

Leggi tutto

Da Amsterdam Sharing City qualche "dritta" per il Collaborative Territories Toolkit a #SCE2014

Pieter van de Glind e Harmen van Sprang sono i cofondatori di shareNL, una piattaforma olandese di conoscenza e networking che connette e informa consumatori, imprese, organizzazioni, amministrazioni, centri di ricerca e media sulle iniziative di sharing economy.  Nel 2013 Pieter e Harmen hanno avviato la piattaforma e hanno cominciato ad implementarla. Ora il team è cresciuto, ne fanno parte altri quattro membri che li aiutano nel lavoro. Una importante iniziativa promossa da shareNL è Amsterdam Sharing City: insieme al city’s Economic Board e a numerosi altri stakeholders locali, stanno lavorando per fare di Amsterdam la prima “Sharing City” ufficiale in Europa, seguendo esempi internazionali come Seul e San Francisco (BayShare). Lavorando alla stesura  del Collaborative Territories Toolkit - CCT, abbiamo chiesto a Pieter e Harmen di condividere l'esperienza maturata con ShareNL. Continua il viaggio di Sharitories verso la prima tappa di co-design del Toolkit, a Bologna il 23 ottobre.

Leggi tutto

A Toronto ogni spostamento comincia e termina a piedi

Negli ultimi mesi servizi on-demand e nuove piattaforme (bla bla car, uber, car2go, enjoy…) ci hanno fatto spostare l’attenzione dall’aspetto hardware della viabilità urbana (spazi e luoghi) a quello software (flussi e tempi). Dal Canada sembra venire il messaggio opposto: spingere sulle trasformazioni urbane per garantire ai propri cittadini una mobilità a misura umana. E oggi si raccolgono i frutti della semina di oltre dieci anni fa.

Leggi tutto