Cerca: Saperi PA, Federalismo e assetti istituzionali

Risultati 21 - 30 di 80

Risultati

Il valore delle regole di drafting regionali

Le tecniche legislative comprendono le regole di redazione dei testi, la tematica della valutazione ex ante/ex post degli effetti della regolamentazione e le procedure. Possono essere globalmente indicate come principi, metodi e puntuali prescrizioni che devono essere usate per la formulazione sostanziale e formale degli atti normativi, per la loro strutturazione e per il loro inserimento nel sistema normativo generale. Il fine è quello dell'efficienza sotto il profilo della chiarezza, precisione, applicabilità e della non contraddittorietà.

Leggi tutto

Il ruolo della trasparenza e della partecipazione

Nicola Corvasce riporta l'esperienza della Regione Puglia e una serie di considerazioni inerenti il ruolo del partenariato, della partecipazione nelle politiche di sviluppo. La partecipazione in sè non garantisce il successo ma è utile nella costruzione di una better regulation, è un modo per avvicinarsi maggiormente alle problematiche del territorio ed evitare errori già in partenza. La valutazione non può essere fatta se non sulla base di scelte che sono state prese anche con la partecipazione alle procedure.

Leggi tutto

Una riflessione sul ricorso alla clausole valutative di proposta dell'esecutivo

Gli Statuti recano disposizioni riguardanti la valutazione delle leggi che può avvalersi dell’apposizione di specifiche clausole valutative. Esse sono tra i principali strumenti individuati per dettare i tempi e le modalità del controllo dell’attuazione e della valutazione dell’efficacia di un intervento normativo. Maria Buono presenta alcune riflessioni ed esperienze sul ricorso ad una nuova modalità di valutazione di proposta dell'esecutivo.

Leggi tutto

L'analisi di impatto della regolazione: lezione apprese e criticità emerse

La Regione Toscana ha intrapreso un'attività di AIR, Analisi d'Impatto della Regolazione, intrapresa in via sperimentale nel 2001 e successivamente inquadrata nel processo giuridico legislativo con la legge regionale n.55 del 2008. Simonetta Cerilli presenta l'esperienza della Regione, mettendo in evidenza oltre alle tappe del percorso seguito, le criticità incontrate e le soluzioni prese a fronte dei problemi emersi.

Leggi tutto

Rafforzamento delle capacità nella PA: un primo bilancio delle attività avviate

Sabina De Luca taccia un bilancio dettagliato dei primi due anni di lavoro del P ON Governance e Assistenza Tecnica FESR 2007-2013, ricordando la finalità  del programma:  migliorare le capacità istituzionali che sono al centro delle politiche di coesione. “ In quanto a livello di attuazione, dal punto di vista quantitativo non abbiamo grandi criticità – spiega – ma vanno decisamente affrontati  alcuni punti critici”. Tra questi segnala il rapporto Stato – Regioni, che vede una nociva tendenza inerziale nella PA centrale.

Verso il welfare della cultura nella Regione Lazio

La Regione Lazio ha un patrimonio culturale di grande importanza diffuso su tutto il territorio. Intere aree, anche densamente popolate, sono sprovviste di un’offerta adeguata di cultura. La politica regionale è tesa a far conoscere un patrimonio poco conosciuto e disseminato e ad abbassare le disuguaglianze che esistono all'interno della popolazione, attraverso la realizzazione di un vero e proprio “welfare della cultura”, che ha avuto come obiettivi fondamentali l’accesso e il sostegno alla creatività e al prodotto culturale, la valorizzazione del territorio.

Leggi tutto

Intervento al convegno "Una governance di sistema per la valorizzazione dei beni culturali"

Antonia Pasqua Recchia presenta alcune considerazioni soffermandosi su due principali aspetti: le risorse disponibili destinate alla valorizzazione dei beni culturali e il loro utilizzo più efficiente, la gestione del personale e la formazione di figure specialistiche.

PON Governance e Assistenza Tecnica FESR 2007-2013. Introduzione ai lavori

Il PON governance 2007 -2013 era stato presentato a FORUM PA 2008. A trarre le linee generali del bilancio dei primi due anni di lavoro, Aldo Mancurti, che orgogliosamente rivendica  il ruolo fondamentale della pubblica amministrazione nel dare efficacia alle politiche di  competitività, sviluppo e coesione sociale. "Nella capacità di gestione di queste politiche – riconosce  - dobbiamo rafforzare  gli  strumenti e il ruolo della governance multilivello”.

Intervento al convegno "Una governance di sistema per la valorizzazione dei beni culturali"

Sergio Gaddi descrive l'esperienza del Comune di Como in merito al tema della valorizzazione dei beni culturali. Il modello del Comune si basa su una gestione diretta, ossia l'assessorato alla cultura è stato trasformato in un ente produttore di beni culturali e l'assessore alla cultura è il curatore delle grandi mostre di Como. Sergio Gaddi suggerisce di porre maggiormente l'attenzione al tema delle responsabilità prima ancora delle risorse che troppo spesso rappresentano un alibi per le amministrazioni.

Tavoli tecnici condivisi: le regioni verso il federalismo

Non si può realizzare la governance  in maniera separata, occorre attuare una nuova modalità di lavoro a diversi livelli. C’è bisogno di identificare degli strumenti per raggruppare dei tavoli politici strategici, discutere e trovare le intese sulle quali si devono svolgere le azioni della PA nel settore ICT. E’ fondamentale la condivisione di quegli elementi che sono alla base del lavoro dei gruppi tecnici. Sono stati fatti dei primi passi avanti per l’identificazioni di quali siano gli strumenti per ottenere gli obiettivi posti.

Leggi tutto