Cerca: Saperi PA, Città e territorio, smart cities

Risultati 41 - 50 di 366

Risultati

La piattaforma internazionale Eating City - Perché una Smart City dovrebbe avviare politiche di Smart Food?

Il presidente del Consorzio Risteco e fondatore della learning community Eating City,  Maurizio Mariani, racconta perché oggi più che mai è necessario interessarsi ai temi legati al cibo e alle food policies nelle città. C’è bisogno di stabilire un nuovo rapporto tra città e campagna, tra mondo della produzione e della consumazione.

Leggi tutto

Bologna e Regione Emilia Romagna, territori smart a #SCE2014

Bologna Smart City è l’incubatore dove il Comune di Bologna, insieme a Università di Bologna e Aster e alcune realtà del territorio - Acer, ICIE, Aeroporto di Bologna, Engeneering, Coop Adriatica – si conferma spazio di condivisione di progettualità smart che, in linea con le esperienze europee, cercano di valorizzare le conoscenze e le innovazioni tecnologiche per migliorare la qualità di vita delle nostre comunità.

Leggi tutto

Solo le imprese della conoscenza salveranno l'Italia

Ruggero Frezza, fondatore dell’incubatore M31, è stato tra i protagonisti di oggi a #SCE2014 presenti al convegno “L’innovazione urbana come motore di sviluppo”.  L’ex professore di Ingegneria dell’Informazione dopo venti anni di insegnamento ha scelto di investire in un’impresa della conoscenza. Lo abbiamo intervistato per conoscere meglio la sua storia.

Leggi tutto

A #SCE2014 Lecce: prossima smart city mediterranea

Alessandro Delli Noci, Assessore all'Innovazione Tecnologica del Comune di Lecce, sarà tra i protagonisti di #SCE2014. Già da tempo la città pugliese è impegnata in un percorso importante di trasformazione e sviluppo che poggia sull’intesa tra Comune, Università, centri di ricerca locali e imprese. “Il percorso non sarà breve”, racconta l’Assessore che malgrado le difficoltà guarda con ottimismo al futuro della città, immaginandola una prossima smart city del Mediterraneo.

Leggi tutto

ICity Rate: la conoscenza al centro delle smart city

In occasione di Smart City Exhibition che comincerà a Bologna il prossimo 22 ottobre presenteremo la terza edizione di ICity Rate, la nostra indagine statistica sulle città italiane.

Leggi tutto

Torna ICity Rate: lo strumento per misurare e gestire la complessità

A Smart City Exhibition, durante la mattinata di giovedì 23 ottobre, sarà presentata la terza edizione di ICity Rate, il rapporto annuale realizzato da FORUM PA che stila la classifica delle città intelligenti in Italia. Un indice sì, ma soprattutto uno strumento di analisi per conoscere meglio i territori che abitiamo. Conoscerli è infatti il prerequisito per governali con strategie più adeguate e raffinate.

Leggi tutto

A #sce2014 i laboratori targati PON Ricerca e Competitività

Il PON Ricerca e Competitività conferma anche per questa edizione 2014 la sua presenza a Smart City Exhibition (22 -24 ottobre 2014, Bologna), proponendo un programma di incontri laboratoriali che ben si riassume nel titolo "Metodologie e modelli innovativi per la competitività e lo sviluppo del paese. Dalla programmazione 2007-2013 a quella 2014-2020".

Leggi tutto

Città e cibo: sostenibilità, logistica, kzero, orti urbani... il 22 ottobre a #sce2014

 

Una città difficilmente può definirsi SMART se getta il 30% del cibo che acquista e tantoméno se il 30% dei bambini sono a rischio obesità, o se quando acquista servizi di ristorazione collettiva non si preoccupa di capirne gli impatti sociali ed ambientali.

Leggi tutto

Quali risorse oltre le tasse, Milano prima fra i grandi Comuni

I Comuni oltre agli strumenti tributari hanno altre possibilità di aumentare le proprie entrate. Quello che tasse e imposte non danno, può arrivare da proventi da servizi pubblici o da aziende partecipate. Fra le grandi città, guida il capoluogo lombardo.

Leggi tutto

Poggiani: "Recuperiamo il tempo perduto sull’Agenda Digitale"

In vista del prossimo appuntamento a Smart City Exhibition, abbiamo intervistato Alessandra Poggiani, nuovo direttore dell’Agenzia per l’Italia Digitale, per sapere quali sono i principali obiettivi e le scadenze che l’Agenzia si è data. Dopo un lungo periodo di stallo l’Agenzia per l’Italia Digitale ha intenzione oggi di ripartire più snella e determinata. Concretezza operativa e rispetto delle tempistiche i primi due ingredienti per recuperare credibilità e aprire nuove prospettive per l’Agenzia. “Partiamo in ritardo, ma vogliamo recuperare il tempo perduto con rinnovata determinazione” ha dichiarato la Poggiani.

Leggi tutto