Cerca: Saperi PA, Città e territorio, digital divide

10 risultati

Risultati

Senza Fili Senza Confini: soluzioni partecipate contro il divario digitale

A Verrua Savoia, in Piemonte, è nato un singolare operatore di comunicazione. Un’associazione di promozione sociale ha sviluppato infatti una soluzione per superare divario digitale. La condivisione delle risorse in forma solidale consente una significativa riduzione dei costi di acquisto della banda e delle apparecchiature. La partecipazione attiva dei cittadini al processo gestionale minimizza quelli di mantenimento. A questo modo gli abitanti di un piccolo Comune di campagna possono avere Internet a banda larga, pagando solo 50 Euro all’anno.

Leggi tutto

Accordo Infratel Italia e NGI per la banda larga nella regione Marche

NGI investirà 10 milioni di euro per realizzare le reti a banda larga in 73 comuni del territorio marchigiano.

Leggi tutto

The UK is preparing to move to 4G and starts planning for 5G mobile

The meaning of 4G defines the fourth generation of wireless mobile broadband communications. A 4G system should allow, with a new and powerful data processing system to provide seamless, high-performance connections to different types of networks in an area.

Leggi tutto

Il Regno Unito si prepara a passare al 4G ma con la mente già rivolta al 5G

Tra le promesse del 4G, quarta generazione wireless di comunicazioni mobili a banda larga, c'è quella di attenuare il digital divide andando a coprire aree rurali in cui l’Adsl latita. Nel Regno Unito sembrano avviati a cogliere questa opportunità, anzi il governo britannico sta già studiando soluzioni per lo sviluppo del 5G nonostante il 4G debba ancora entrare a regime. E in Italia? Limiti di frequenza e di copertura ci parlano di un ritardo nello sviluppo del 4G...e la tecnologia 5G sembra una sfida ancora lontana.

Leggi tutto

Un piano in Calabria per azzerare il digital divide nelle aree rurali

Su proposta del Presidente Scopelliti, la Giunta regionale della Calabria ha approvato un Accordo tra la Regione Calabria ed il Ministero per lo sviluppo economico per lo sviluppo della banda larga sul territorio.

Leggi tutto

Raccontaci l'innovazione nel tuo territorio

Pubblichiamo le esperienze più interessanti trasmesse dalla nostra community e vi invitiamo a segnalarci altri progetti e servizi innovativi rispondendo a questo breve questionario.

Leggi tutto

Nelle Valli Orco e Soana connettività a banda larga e servizi

Continuiamo ad occuparci di banda larga e digital divide, questa volta per raccontarvi un’esperienza positiva: la rete a banda larga della comunità delle Valli Orco e Soana.

Promossa dalla Regione Piemonte con il programma pluriennale WI-PIE per dotare il Piemonte di un sistema di connettività a banda larga, la rete delle Valli Orco e Soana ha superato la fase di sperimentazione, avviata nel 2005, e dal primo giugno 2009, a seguito di un bando di affidamento, potrà essere disponibile per i cittadini attraverso il rilascio di servizi di connettività da parte di un operatore privato.

Leggi tutto

Banda larga: la provincia di Belluno guarda al futuro

Web 2.0

Foto di gualtiero

Le aree montane sono, quasi per definizione, zone a fallimento di mercato, ovvero zone su cui il mercato non ha interesse ad investire, soprattutto per la bassa densità di popolazione e, quindi, il basso numero di clienti/utenti potenziali. Considerazioni che, naturalmente, pesano anche sulle scelte delle aziende di telecomunicazioni e influenzano la disponibilità in queste aree della banda larga e, quindi, dell’accesso veloce alle nuove tecnologie digitali. Ne avevamo già parlato qualche settimana fa con Enrico Borghi, presidente dell’Uncem. Questa volta siamo tornati sull’argomento con Claudio Costa, Assessore all’Innovazione della Provincia di Belluno, ente che da alcuni anni sta dedicando grande attenzione a questo problema. Nella consapevolezza che il digital divide può compromettere seriamente la competitività dei territori.

Leggi tutto

Nelle aree montane soluzioni da inventare contro il digital divide

Bay Bridge Silhouette

Foto di Thomas Hawk

La scienza riesce a creare ponti in grado di proiettare il genere umano su orizzonti fino a quel momento tratteggiati solo nelle opere di scrittori o cineasti fantasy che, spesso, proprio dalla scienza attingono le più illuminate ispirazioni. Questi stessi ponti possono rimanere inaccessibili a molti e creare, o acuire, fratture e lacerazioni nel tessuto economico e sociale. Un esempio? La connessione a banda larga che, laddove manca, dà origine al famigerato digital divide, il cui nome rischia di spostare l'attenzione sulle tecnologie laddove un gap digitale, oggi, è soprattutto un divario sociale. E' di questo che abbiamo parlato con Enrico Borghi, presidente dell'Uncem, portavoce di una delle aree geografiche italiane maggiormente svantaggiate per carenza di infrastrutture di accesso alla rete.

Leggi tutto

L’esplorazione delle idee per ripensare le città digitali

La società Ideai di Barcellona ha coordinato questo incontro, seguendo un metodo particolarmente stimolante, quello del “Knowledge Safari”, adottato in tutto il mondo per animare reti di dialogo collaborativo su problemi di particolare interesse in ambito ad esempio lavorativo, economico, sociale, politico o culturale. Le 5 tappe di questo “safari” e le proposte che hanno ottenuto, in ordine, più voti: gestione della conoscenza; web 2.0; concetto di back-office e front-office nei servizi; logica collaborativa nell’e-government; digital divide.