Cerca: Saperi PA, Città e territorio, Sviluppo e Competitività, smart cities

Risultati 1 - 10 di 112

Risultati

Senza Fili Senza Confini: soluzioni partecipate contro il divario digitale

A Verrua Savoia, in Piemonte, è nato un singolare operatore di comunicazione. Un’associazione di promozione sociale ha sviluppato infatti una soluzione per superare divario digitale. La condivisione delle risorse in forma solidale consente una significativa riduzione dei costi di acquisto della banda e delle apparecchiature. La partecipazione attiva dei cittadini al processo gestionale minimizza quelli di mantenimento. A questo modo gli abitanti di un piccolo Comune di campagna possono avere Internet a banda larga, pagando solo 50 Euro all’anno.

Leggi tutto

Come estrarre valore dai dati, una soluzione open

Spesso le opportunità offerte dall’apertura dei dati relativi ad un determinato territorio sono difficili da cogliere, a causa della mancanza di interoperabilità tra le banche dati e della carenza di risorse di cui soffrono gli enti locali. Lo sviluppo di soluzioni ad hoc appare impossibile per la maggior parte dei Comuni, così in questa sede proponiamo un modello di conoscenza – sviluppato da DISIT per la Regione Toscana e il Comune di Firenze - che consente l'interconnessione, lo stoccaggio e la successiva interrogazione di dati da fonti diverse.

Leggi tutto

IBM a città e regioni il programma di donazioni Smarter Cities Challenge

IBM Smarter Cities Challenge, che da quattro anni aiuta le città a migliorare i propri servizi, invita le Amministrazioni locali a richiedere l’assistenza dei team di problem-solving messi a disposizione gratuitamente da IBM.

Leggi tutto

L’innovazione vista dall’Europa: la parola agli ospiti di #SCE2014

Tanti gli ospiti internazionali che hanno portato le loro esperienze sul palco di Smart City Exhibition. Nei tre giorni a Bologna, abbiamo raccolto voci, idee, suggerimenti provenienti da tutte le parti del mondo per rendere le nostre città più smart, sì, ma soprattutto più umane. In questa sede vi segnaliamo tre interviste che Jesse Marsh, dell'Atelier Studio, ha rivolto a Pedro Sampaio Nunes, Manuel Nina e Carolyn Hassan.

Leggi tutto

Già partiti più di 1000 progetti per rendere le città intelligenti. E’ ora di mettere a fattor comune le esperienze

Presentata in anteprima durante SCE2014 la Piattaforma dei progetti smart, ultimo prodotto realizzato dell’Osservatorio Smart City di ANCI, raccoglie in modo sistematico più di 1000 progetti intelligenti conclusi, avviati e in corso nelle nostre città. Dovremo attendere l’inizio del prossimo anno per poterla navigare.

Leggi tutto

Bologna e Regione Emilia Romagna, territori smart a #SCE2014

Bologna Smart City è l’incubatore dove il Comune di Bologna, insieme a Università di Bologna e Aster e alcune realtà del territorio - Acer, ICIE, Aeroporto di Bologna, Engeneering, Coop Adriatica – si conferma spazio di condivisione di progettualità smart che, in linea con le esperienze europee, cercano di valorizzare le conoscenze e le innovazioni tecnologiche per migliorare la qualità di vita delle nostre comunità.

Leggi tutto

Solo le imprese della conoscenza salveranno l'Italia

Ruggero Frezza, fondatore dell’incubatore M31, è stato tra i protagonisti di oggi a #SCE2014 presenti al convegno “L’innovazione urbana come motore di sviluppo”.  L’ex professore di Ingegneria dell’Informazione dopo venti anni di insegnamento ha scelto di investire in un’impresa della conoscenza. Lo abbiamo intervistato per conoscere meglio la sua storia.

Leggi tutto

A #sce2014 i laboratori targati PON Ricerca e Competitività

Il PON Ricerca e Competitività conferma anche per questa edizione 2014 la sua presenza a Smart City Exhibition (22 -24 ottobre 2014, Bologna), proponendo un programma di incontri laboratoriali che ben si riassume nel titolo "Metodologie e modelli innovativi per la competitività e lo sviluppo del paese. Dalla programmazione 2007-2013 a quella 2014-2020".

Leggi tutto

Città e cibo: sostenibilità, logistica, kzero, orti urbani... il 22 ottobre a #sce2014

 

Una città difficilmente può definirsi SMART se getta il 30% del cibo che acquista e tantoméno se il 30% dei bambini sono a rischio obesità, o se quando acquista servizi di ristorazione collettiva non si preoccupa di capirne gli impatti sociali ed ambientali.

Leggi tutto

Un nuovo modello di società richiede un nuovo modo di intendere il lavoro

All'interno del programma congressuale di #sce2014 diversi sono i momenti dedicati ai modelli emergenti, alla visione smartness che spesso arriva dall'estero che può essere interessante studiare e replicare, con i dovuti "aggiustamenti", nelle nostre città. Un momento di particolare interesse è l'incontro dedicato al tema del lavoro. "Lavoro e impresa nelle Smart Cities" sarà l'appuntamento in cui i vecchi modelli saranno abbandonati per definirne di nuovi, che rispondano ai nuovi obiettivi di business che una smart city deve porsi.

Leggi tutto