Cerca: Saperi PA, Articolo, Città e territorio, Qualità della vita

Risultati 51 - 60 di 76

Risultati

Smarter Cities...secondo IBM

Il Programma delle Nazioni Unite per gli Insediamenti Umani nel suo report “State of the world's city 2011” è stato chiaro: le città ospitano la maggior parte della popolazione mondiale. E il trend è in ascesa, i centri urbani continuano a crescere, consumare e inquinare in proporzione. Intervenire sulle città, riuscire a renderle più efficienti, sicure e produttive vorrebbe dire quindi migliorare la qualità della vita di milioni di persone. Ed è per questo che IBM, sorretta dalla sua visione dello “Smarter Planet”, da più di tre anni sta investendo sul programma “Smarter Cities” in tutto il mondo. In Italia ha già toccato più di cento città, siglando dodici protocolli strategici, avviando diversi progetti di innovazione e consolidando una comunità di circa 40 città in partnership con FORUM PA.

Leggi tutto

Vite sempre connesse grazie alla tecnologia: ecco come si delinea lo stile di vita degli smart citizens

Lo sviluppo della società dell'informazione è considerato indispensabile per migliorare il benessere delle popolazioni e la competitività dei territori. Mai come in questi ultimi decenni le tecnologie dell’informazione e della comunicazione hanno influenzato la vita quotidiana dei cittadini e ne hanno modificato comportamenti e abitudini. L’attenzione si focalizza sui cambiamenti del tessuto sociale determinati dalla diffusione di queste nuove tecnologie che facilitano la partecipazione e la coesione sociale. È a questi cambiamenti che gli amministratori devono porre la giusta attenzione per riuscire ad attuare una lungimirante azione politica di governo del territorio e delle città.

Leggi tutto

Appunti per la città intelligente

“Trovo più intelligente quel servizio che ha gli orari sulle paline scritti in un cartoncino plastificato, ma che garantisce l'arrivo del bus entro 10 minuti piuttosto che il servizio della mia città attrezzato in alcune zone con pannelli elettronici che mi avvisano immancabilmente che il bus arriverà dopo 30 o 40 minuti. Il fatto che ‘informa in tempo reale’ è secondario e in qualche caso irritante”. Questo semplice ed emblematico esempio riassume bene l’intervento di Mario Spada che propone una serie di riflessioni su alcuni concetti portanti della città intelligente, dalla tecnologia all’architettura.

Leggi tutto

Smart City Summit: una Visione che diventa progetto paese

Due sono le aree urbane dove è possibile identificare una Smart city: i brownfields, e cioè la città esistente, e i greenfields, aree costruite ex-novo. Questi due elementi rappresentano una possibile classificazione delle Smart cities del mondo, come afferma Ryan Castilloux di Lux Research, in una definizione che è stata ripresa per la nota introduttiva dello Smart City Summit, organizzato da TheInnovationGroup, che si è tenuto lunedì 2 luglio 2012 a Milano, al Centro Congressi ABI.

Leggi tutto

Più immondizia pro capite, maggiore attenzione alla differenziata

Secondo la ricerca annuale sul settore resa nota dall’Ispra (L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) nel 2010 la produzione nazionale di rifiuti ha raggiunto complessivamente i 32,5 milioni di tonnellate, cifra abnorme che fa segnare un aumento dell’1,1% in più rispetto ai dodici mesi precedenti, e in controtendenza rispetto alle contrazioni (leggere) che si registravano negli anni precedenti.

Leggi tutto

Smart cities e Social innovation: i vincitori del bando MIUR

Soluzioni per favorire la mobilità sostenibile, sistemi per migliorare la logistica e la distribuzione delle merci, tecnologie per il monitoraggio ambientale e per il risparmio e l’efficienza energetica. E ancora: proposte per migliorare l’offerta sanitaria e la qualità della vita dei pazienti, progetti per garantire un’offerta formativa al passo coi tempi e le tecnologie, soluzioni innovative per la promozione e la fruizione dei percorsi turistici e culturali. Ma anche idee su come utilizzare le tecnologie per mettere in sicurezza le aree a rischio sismico.

Leggi tutto

Quali Smart Cities per il SUD? Dicci la tua idea nel nuovo contest on line

FORUM PA e la  rivista Il SUD lanciano il contest “Quali Smart Cities per il SUD?”. L’occasione è stata offerta dal bandoAvviso per presentazione idee progettuali: smart cities and communities and social innovation” pubblicato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca,il 2 marzo scorso. Obiettivo del contest è raccogliere suggerimenti dal basso e metterli a disposizione di coloro che presenteranno delle proposte in risposta al bando. 

Leggi tutto

Smart cities e communities: l'innovazione nasce dal basso

Una città smart non è solo una città dotata di tecnologie all'avanguardia, ma è una città che approccia in modo "intelligente" le diverse dimensioni che ne costituiscono l'identità: la dimensione economica, quella del capitale umano e sociale e quella della governance. Quanti e quali sono, quindi, i modelli di smart city che possiamo individuare? Gianni Dominici, Direttore generale di FORUM PA, ne traccia un profilo in questo articolo.

Leggi tutto

So Smart, so Sentient, so Social. E’ la nostra città di domani?

L’intelligenza di matrice tecnologica nel modello della smart city è un must, ma non basta. Dentro questo spazio di interconnessioni sottilissime e pervasive, solo apparentemente senza pareti, chi si muove e chi si incontra? Cosa può nascere o morire in una città potenzialmente capace di offrire infinite e personalizzate versioni di se stessa, attraverso un processo instancabile di ricerca e scoperta di dispositivi tech? Che fine fa lo spazio della sfera pubblica, cioè quello spazio di cui una società ha bisogno per ricomporre le differenze che la abitano e la animano? Queste sono le domande che emergono sempre più pressanti da chi, con prospettiva multidisciplinare, studia gli assetti urbani del futuro. Se ne parla ad Amsterdam, da oggi, in una quattro dedicata alle Social Cities of Tomorrow (#socialcities)

Leggi tutto

Città a misura di ciclisti. "Cities fit for Cycling” anche in Italia

Si fa un gran parlare di mobilità sostenibile e bike sharing, ma la sicurezza dei ciclisti nelle città europee ha bisogno di maggiore attenzione e misure aggiuntive. A chiederlo sono le comunità di ciclisti urbani, italiane ma non solo, e gli stessi numeri delle vittime su strada. In Italia nel 2010 i ciclisti morti su strada sono stati 263, in Europa dietro solo a Germania (462 morti) e Polonia (280). Negli ultimi 10 anni in Italia sono state 2.556 le vittime della strada in bici, oltre il doppio dell'Inghilterra nello stesso arco temporale. E dal quotidiano britannicoThe Times parte la campagna che “Cities fit for Cycling” per chiedere al governo britannico maggiori tutele a favore dei ciclisti, raccolta da bloggers e tesate giornalistiche di tutta Europa per chiedere ai rispettivi amministratori città a misura di bici. Con un Manifesto in 8 punti.

Leggi tutto