Cerca: Saperi PA, Editoriale, Efficienza, semplificazione

5 risultati

Risultati

Necrofilia amministrativa

Spesso il necrofilo si riconosce da una mania fobica per la pulizia: lo vedi con lo straccetto imbevuto d’alcol che sterilizza dovunque si poggi. Il necrofilo amministrativo, che di questa sindrome è un caso di specie interessante, si riconosce invece dalla costante paura della responsabilità e dal tentativo di sterilizzare qualsiasi scelta facendola diventare un adempimento obbligatorio che svincoli il vertice amministrativo da qualsiasi contaminazione.

Leggi tutto

La parabola del cotechino

Un Mauro Bonaretti molto arrabbiato dietro a questa metafora cruda che, se ci strappa un sorriso per l’ambientazione dal salumiere, ci fa amaramente riflettere sul crescente iato tra legislatori e regolatori rispetto al Paese reale. Difficile non condividere la sua indignazione che faccio mia, pur nella ragionevole speranza che le tante e eccellenti professionalità che vivono e lavorano nelle nostre amministrazioni sapranno trovare, attraverso un coinvolgimento e un’alleanza virtuosa con imprese, cittadini, terzo settore e con la stessa politica (che altro non è che la funzione di rappresentanza di questi portatori di interessi), una sintesi tra l’attenzione alla legalità e il ritorno a una realtà fatta di bisogni concreti da soddisfare e di cose da fare tutti i giorni. Insieme.

(Carlo Mochi Sismondi)

Leggi tutto

Cronache di un anno bisesto

Sia la fine del mondo che stiamo aspettando, come dicevano i Maya, sia più semplicemente "L'anno che verrà" come diceva Lucio Dalla certo non vediamo l'ora che questo brutto anno bisesto-anno funesto che è stato il 2012 finisca e cominci un 2013 sperabilmente un po' meglio. Difficile sottrarsi dal fare consuntivi e rendiconti: io proverò a raccontare a modo mio l'anno che finisce stilando qualche elenco, ma per evitare il "ne ultra crepidam" che i latini intimavano a calzolaio presuntuoso, rimarrò nel campo dell'innovazione della PA.

Vi propongo quindi tre elenchi. Se avete voglia di giocare con me, magari aiutatemi ad arricchirli.

Leggi tutto

Semplifica Italia: perché è importante per la PA

Il decreto di Semplificazione approvato in via definitiva il 4 aprile contiene, tra tante misure puntuali che continuano l’opera laboriosa e paziente di disboscamento di una giungla che, colpevolmente cresciuta nei decenni, può essere vinta solo con la costanza dello sforzo bonificatore, alcuni principi di carattere generale che mi sembra possano essere armi potenti di cambiamento. In breve: il potere sostitutivo contro l’inerzia, il principio omeostatico contro le ricadute, l’unicità dell’amministrazione contro la molteplicità degli sportelli, l’approccio teleologico contro l’autonomia tecnocratica delle disposizioni, il buon senso e l’atteggiamento di ascolto come metodo di lavoro. Guardiamoli brevemente uno per uno, mentre vi rimando all’ottimo opuscolo edito dal Dipartimento della Funzione Pubblica per le norme puntuali.

Leggi tutto

I giovani hanno le idee chiare.

Hanno le idee chiare i giovani dirigenti che propongono quel drastico cambiamento nella PA più volte annunciato e che ancora aspettiamo. Chiare e abbastanza drastiche, come si addice ai giovani: dall’abolizione delle province, all’accorpamento di tutte le scuole di formazione, alla valorizzazione delle donne, ancora così discriminate nei ruoli dirigenziali pubblici, alla fusione di tutti gli enti previdenziali, all’obbligo di gestioni unificate di acquisti e personale molte sono le proposte coraggiose che leggo nel documento che l’AGDP (Associazione delle giovani classi dirigenti delle amministrazioni pubbliche – www.agdp.it) ha reso pubblico alla fine di novembre.

Leggi tutto