Cerca: Saperi PA, Qualità della vita, sviluppo del territorio

3 risultati

Risultati

Appunti per la città intelligente

“Trovo più intelligente quel servizio che ha gli orari sulle paline scritti in un cartoncino plastificato, ma che garantisce l'arrivo del bus entro 10 minuti piuttosto che il servizio della mia città attrezzato in alcune zone con pannelli elettronici che mi avvisano immancabilmente che il bus arriverà dopo 30 o 40 minuti. Il fatto che ‘informa in tempo reale’ è secondario e in qualche caso irritante”. Questo semplice ed emblematico esempio riassume bene l’intervento di Mario Spada che propone una serie di riflessioni su alcuni concetti portanti della città intelligente, dalla tecnologia all’architettura.

Leggi tutto

Innovazione sociale, come fare per. Piccolo schedario di pratiche sui territori italiani

Come preannunciato, il convegno “Il mondo della ricerca di fronte alla sfida dell’innovazione sociale. Riflessioni ed esperienze territoriali”, ospitato la scorsa settimana da Romascienza 2011, ha sollevato una serie di punti di grande interesse, che cercheremo di puntualizzare e sviluppare nei mesi che verranno. Nell'immediato, ci sembra interessante restituire i contributi di tutti gli intervenuti, mettendo in particolare evidenza quelli di quanti hanno presentato i progetti, raccontandoci il “come fare per”, ciascuno a partire dalla propria visione e dai propri obiettivi. L’idea, che ci aveva già guidati nella definizione della giornata, è che quando si apre la discussione su un concetto tanto composito e a rischio di inflazione, quanto quello dell’innovazione sociale, può essere utile partire dalle esperienze già “vive” sui territori.

Leggi tutto

Rete delle Fattorie Sociali. Come si può fare economia solidale

“L’Agricoltura Sociale (AS) è un insieme di pratiche economicamente sostenibili che producono beni relazionali inclusivi mediante processi e beni relazionali propri dell’agricoltura e delle tradizioni civili del mondo rurale. Queste pratiche costituiscono un’opportunità per riqualificare il welfare locale perché mettono in gioco risorse inusuali, come quelle ambientali e produttive, e legami comunitari fondati sulla reciprocità e informalità, che consentono di incrementare i servizi socio-educativi all’infanzia, diversificare e personalizzare con maggiore flessibilità i servizi alla persona e realizzare percorsi inclusivi attivi. Nello stesso tempo, si presentano anche come un’occasione per declinare in modo originale la multifunzionalità dell’agricoltura, ampliandola al campo del sociale, e per accrescere di conseguenza la reputazione e la competitività delle aziende agricole”. Alfonso Pascale ci presenta l’esperienza della Rete delle Fattorie Sociali, mentre vi proponiamo l’audio e le slides del suo intervento al convegno che Romascienza 2011 ha dedicato alla sfida dell’innovazione sociale sui territori.

Leggi tutto